Google Google+

Alfano chiaro su termini notifica multe, Comuni non facciano cassa

11 novembre 2015 di Maurizio Lupi

“Sul caso della notifica delle multe il ministro Alfano è stato chiaro: il termine di cinque giorni per eseguire il pagamento, al fine di fruire dello sconto del 30 per cento, decorre dal momento in cui il cittadino “ha conoscenza legale dell’atto”. Da parte del Governo e del Parlamento, quindi, una linea comune e un esplicito messaggio ai Comuni: le multe non sono uno strumento a disposizione per aumentare gli introiti e per sanare i deficit di bilancio, ma uno strumento per far rispettare il codice della strada”. Così Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare, durante il question time alla Camera.

“E’ chiaro che è una sconfitta se il numero delle multe aumenta, non certamente un successo. E invece – prosegue Lupi – continuiamo a vedere tentativi da parte del Comuni di vessare l’automobilista proprio nella speranza che commetta l’infrazione. I Ministeri dell’Interno e dei Trasporti fanno bene ad andare avanti nella direzione della prevenzione, dell’educazione e della formazione. Anche perché la sicurezza stradale è uno dei più importanti obiettivi che dobbiamo perseguire, per evitare vittime e disagi sociali. In merito – conclude il capogruppo di Ap – la linea del Governo è condivisa non solo dal nostro gruppo ma, sono certo, da tutto il Parlamento”.

Ecco il video del Question time:

lupi_aula


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
28 maggio 2016

Bene Orlando su carceri, priorità riabilitazione carcerato


22 marzo 2017

DROGHE FANNO TUTTE MALE. LIBERALIZZAZIONE SAREBBE LAVARSI LA COSCIENZA


8 settembre 2015

Lupi: Non accettiamo imposizioni dal Parlamento europeo


24 febbraio 2016

Niente adozioni né similmatrimonio, vince la ragionevolezza