Google Google+

AP voterà fiducia unioni civili, quella raggiunta è una buona mediazione

10 maggio 2016 di Maurizio Lupi

Il testo sulle unioni civili che verrà sottoposto all’approvazione della Camera dei deputati dice in maniera chiara e netta che il nuovo istituto che si viene a creare è una formazione sociale e fa riferimento agli articoli 2 e 3 della Costituzione, ben distinto dall’istituto della famiglia di cui parla l’articolo 29 della Costituzione. Nel testo che voteremo è chiaro il divieto di adozione per le coppie omosessuali, anche in forma indiretta attraverso la stepchild adoption. Quando il testo sarà legge i tribunali ne dovranno necessariamente tenere conto. L’approvazione della mozione che dice no all’utero in affitto rafforza ulteriormente questo divieto. Avessimo scritto noi la legge l’avremmo certamente fatto in maniera diversa, avremmo anche preferito che alla Camera non venisse posta la fiducia, ma diremo sì al testo che già abbiamo votato al Senato perché quella raggiunta ci sembra una buona mediazione e perché i patti si rispettano.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
16 novembre 2016

“Di riforme si mangia”, venerdì seminario di formazione politica


16 dicembre 2016

Capisco amarezza Sala, ma Milano ha bisogno di un sindaco


7 settembre 2016

Legge di stabilità, Per noi pilastri sono impresa, famiglia e casa


28 febbraio 2017

Ritorna la Winter School dal 10 al 12 marzo