Google Google+

Ascoltiamo il Papa, chi ha bisogno di noi non è una minaccia

6 maggio 2016 di Maurizio Lupi

Spero vivamente che i capi di governo e di Stato europei ascoltino l’accorato appello che ha rivolto loro oggi papa Francesco: l’Europa deve riscoprire sé stessa, deve reimpossessarsi di quell’ideale che gli ha permesso di abbattere muri e aprire frontiere. Il papa l’ha espresso nella forma del sogno, spetta a noi politici tradurlo nella concretezza di una solidarietà economica e umana di fronte ai nuovi bisogni  e alle nuove sfide che i nostri popoli stanno vivendo. Non è possibile che uno stato di bisogno, quale è quello di chi fugge da guerre e persecuzioni, venga oggi associato a una minaccia e a un delitto. I paesi europei hanno tutti gli strumenti storici, culturali e giuridici per coniugare accoglienza, sicurezza e legalità, hanno in sé le risorse intellettuali per progettare piani di sviluppo e di nuova occupazione, per favorire la creazione di lavoro come seppero fare negli anni della ricostruzione post bellica. Forse quello che ci manca è l’energia morale di tornare a lavorare insieme per il bene comune. Ascoltare il papa può essere un modo semplice per farlo.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
22 settembre 2013

70 cristiani uccisi in Pakistan. Fate girare l’appello del Papa e del Meeting


26 agosto 2016

Su Vespa e Delrio polemiche assurde e pretestuose


4 maggio 2015

Italicum, La gente chiede di smetterla con i rinvii


18 ottobre 2016

RISOLUZIONE SU GERUSALEMME ASSURDA E GRAVE