Google Google+

ATTACCANO VESPA, MA DIMENTICANO CIANCIMINO JR IN TV

6 aprile 2016 di Maurizio Lupi

Non ricordo grandi proteste sul servizio pubblico da parte della sinistra quando la Rai ospitava nei suoi studi Ciancimino jr, elevato da Michele Santoro a icona antimafia e condannato a tre anni per detenzione e cessione di esplosivi. Ora si alzano barricate preventive contro l’intervista a un altro figlio di mafioso, Salvo Riina, e si accusa Porta a Porta di essere il salotto del negazionismo della mafia. Vespa non ha certo bisogno di difensori, ma ai suoi accusatori di oggi io chiedo: il servizio pubblico ha a che fare con la libertà di stampa, con il dovere di informare, anche attraverso interviste con persone controverse, i telespettatori o è un mero esecutore dei desiderata della commissione di Vigilanza e dei presidenti dell’Antimafia? Credo che la commissione di Vigilanza farebbe bene ad occuparsi del fatto che il servizio pubblico offra un buon servizio e tenga l’opinione pubblica informata sui fatti senza chiedere ai suoi giornalisti di abdicare alla propria professionalità e deontologia. Mentre dalla presidente di una Commissione delicata come l’Antimafia mi aspetterei una maggior cautela nell’uso delle parole, perché il negazionismo della mafia è ben altro.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
4 settembre 2015

Bene piano migranti Francia-Germania. Parigi ora riconosca sue responsabilità in Libia e Siria


17 ottobre 2016

Le ragioni del Sì – Intervista a Video Backlight


9 febbraio 2017

IL POPULISMO CONTRO LA RAGIONE


14 settembre 2016

LA NUOVA #RAI E’ QUELLA DI “GIOVANI E RICCHI”?