Google Google+

Avvenire ha ragione, risolvere nodo giudici-politica

22 marzo 2017 di Maurizio Lupi

Nel giorno in cui scopriamo che due italiani su tre non credono nel sistema giudiziario, uno su due ha poca o nessuna fiducia nei giudici, il 69 per cento pensa che settori della magistratura perseguano obiettivi politici, il 72 per cento trova inopportuno che un magistrato si candidi e il 62 per cento è contrario alle porte girevoli, ovvero al rientro nei ranghi togati dopo un mandato elettorale, come rivela un sondaggio Swg, consiglio a tutti di leggere l’editoriale di Avvenire, il quotidiano della conferenza episcopale italiana. La politica di fronte a questi dati, e alle polemiche più o meno interessate scatenatesi sui casi Lotti e Minzolini, ha la possibilità non di lanciarsi nell’ennesimo scontro frontale con alcuni magistrati, ma di normare finalmente con equilibrio, restringendo al massimo le incertezze interpretative, la questione del ritorno in funzioni inquirenti e giudicanti di magistrati che hanno fatto politica. Ne va del credito sempre più basso di cui (non) gode il potere legislativo presso i cittadini e anche del credito dell’ordine giudiziario. Una democrazia che sia tale non solo di nome non può reggere in una situazione simile, se non ci assumeremo la responsabilità anche di queste riforme non lamentiamoci dei populismi in crescita.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
15 marzo 2017

Se il Pd vuole eliminare i voucher, il decreto se lo vota da solo


6 maggio 2015

Molta coerenza nelle nostre scelte


1 marzo 2016

Dati #Istat confermano strada intrapresa da Italia giusta


14 maggio 2015

Marche 2020 – Ap esperimento nazionale