Google Google+

Emergenza casa: il governo ha stanziato 1,7 miliardi. Fatti concreti

13 aprile 2014 di Maurizio Lupi
giornali quotidiani rassegna stampa prima pagina media

Emergenza casa: “L’ira di Lupi: violenza politica. Chi occupa le case è  un criminale”. Leggete l’intervista al Ministro delle Infrastrutture e trasporti Maurizio Lupi sul Quotidiano nazionale di domenica 13 aprile.

 

VIOLENZA DEI NO TAV

«Criminali e delinquenti». Non usa mezze parole il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi nel definire chi usa la violenza contro il progetto della Torino-Lione (diventato legge con il sì definitivo del Senato al trattato internazionale con la Francia) aggredendo l’autista del pm torinese Antonio Rinaudo, che indaga sull’ala dura del movimento No Tav («A cui va tana la mia solidarietà»). Ma anche contro chi occupa abusivamente le case degli altri.

 

VIOLENZA DELLA MANIFESTAZIONE PER LA CASA

Con il centro della città di Roma che ieri ha vissuto una nuova giornata di scontri durante il corteondel movimento per la casa mentre Lupi era impegnato all’assemblea costituente del Nuovo centro destra italiano. Una protesta che, nel ministro delle Infrastrutture (e quindi anche delle case) del Governo Renzi, ha suscitato non solo parole di condanna ma anche un senso di rammarico.

«Perché questa protesta – esordisce Lupi – avviene proprio nel momento in cui per la prima volta un Governo ha stanziato risorse – complessivamente 1,7 miliardi – per affrontare  l’emergenza casa. Un decreto che finanzia il Fondo affitti, quello per la morosità inconsapevole determinata dalla crisi e gli interventi per la ristrutturazione degli alloggi popolari.

LEGGETE ANCHE: Piano casa due, contenuti principali

Ma di fronte all’ennesima manifestazione a Roma dobbiamo avere il coraggio di dire che chi occupa abusivamente una casa commette un reato e non può chiedere la residenza né allacciare acqua o luce perché nel momento in cui siamo impegnati a calmierare i canoni di locazione favorendo gli affitti concordati dobbiamo anche dare ai proprietari la certezza di un diritto sancito dalla Costituzione».

 

Il diritto è anche quello di poter lavorare nei cantieri della nuova linea ferroviaria Tori no-Lione.

«Chi si oppone alla Tav con la violenza non è un oppositore politico ma è un criminale e non può avere alcun tipo di legittimazione o di copertura politica. L’opposizione a questa opera, che ormai non è più un progetto ma una realtà con la galleria discensoria già a 508 metri e i lavori per il maxi tunnel da 57 chilometn che cominceranno nel 2016, si fa in Parlamento.

Ma in tutti i Paesi del mondo, se uno Stato decide che si tratta di un’operanfondamentale, la si realizza e non la si combatte con le aggressioni, le minacce, le bombe. Facendone un pretesto per le forze che vogliono sovvertire lo Stato».

 

Non teme che, con una crisi ancora dura, dalla casa alla No Tav aumenti il clima di tensione?

«A questa preoccupazione, alle tante persone che stanno soffrendo gli effetti della crisi, si risponde dimostrando che la politica è tornata vicina ai cittadini, aiutando le imprese, combattendo i privilegi, riducendo gli ostacoli della burocrazia.

Ricostruendo quindi un clima di fiducia perché la sfida di questo Paese è vivere o morire. E il tempo stringe. E per vincere questa sfida il Governo si sta muovendo nonncon le parole, ma con i fatti. A cominciare dal decreto con il quale la prossima settimana metteremo 80 euro in busta paga a chi guadagna meno di 1500 euro al mese. Una cifra superiore a quello di un rinnovo contrattuale».


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
2 dicembre 2016

#Perché Sì, le risposte alle vostre domande

La diretta Facebook di mercoledì 30 novembre è durata più del previsto, 45 minuti, ma nonostante questo non ha...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
1 dicembre 2016

Riforma è l’inizio del cambiamento. Se vince il No s’ingessa tutto fino al 2023 – Intervista a Il Gazzettino

«Non si può restare con il sistema attuale, lo dicono anche i contrari alla riforma» MESTRE Maurizio Lupi, lei...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
28 novembre 2016

La politicizzazione sta spaccando il Paese, alimentando una divisione che non è sui contenuti – Intervista al Corriere della Sera

Con la nuova Carta addio veti, il Molise da solo blocca l’alta velocità «Se passa bene per il Paese,...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >