Google Google+

Fatti come a Pompei e in Alitalia danneggiano i cittadini e gli stessi lavoratori

29 luglio 2015 di Maurizio Lupi

“Il sacrosanto diritto di sciopero non può prevaricare l’altrettanto sacrosanto diritto alla mobilità dei cittadini” lo dichiara Maurizio Lupi, capogruppo di Area popolare alla Camera, ospite di Uno Mattina. “E’ quindi sempre più urgente una regolamentazione, come già avvenuto negli altri Paesi europei, degli scioperi nei servizi pubblici essenziali.

“C’è una proposta di legge del senatore Sacconi di Area popolare che è stata presentata più di un anno fa, discutiamola subito. Non è ammissibile, come successo a Pompei e in Alitalia, che una minoranza di scioperanti imponga la sua volontà alla maggioranza dei lavoratori causando disagi immani ai cittadini e un danno di immagine internazionale al Paese proprio nel momento in cui si sta facendo il possibile e l’impossibile per uscire dalla crisi. Non si tutelano così neanche gli interessi dei lavoratori. Il rilancio di Alitalia ha salvato 13.000 posti di lavoro, vogliamo rimetterli in pericolo?” conclude.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
22 agosto 2015

La Chiesa deve testimoniare anche con toni duri. E la politica è in crisi profonda – Intervista al Corriere della Sera


24 novembre 2016

La sentenza di Milano che negato Stepchild adoption conferma quanto abbiamo sempre sostenuto


17 maggio 2015

Lo Stato rispetti i patti con i cittadini, rimborsi graduali ma certi


6 ottobre 2016

COMUNITÀ INTERNAZIONALE CONDANNI UCCISIONE CRISTIANI IN KENYA