Google Google+

Finti autovelox: il ministero ribadisce che non sono in regola

27 marzo 2014 di Maurizio Lupi
sconto-multe-stradali-polizia-verbale-ricorso-contravvenzione-codice-della-strada-maurizio lupi blog

(aggiornato 27 marzo) Finti autovelox usati dai comuni: il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di cui sono a capo ha ribadito il suo parere negativo. Non sono in regola e possono anche costituire un pericolo.

AGGIORNAMENTO 27 MARZO

Si è svolta questa sera al Ministero dell’Interno un incontro del ministro Angelino Alfano, del ministro Maurizio Lupi e del presidente dell’Anci Piero Fassino, assistiti dai rispettivi collaboratori.

Per quanto riguarda i dissuasori di velocità – comunemente definiti autovelobox – appare evidente che possano essere installati e operativi soltanto dissuasori dotati di effettivi dispositivi di controllo.

 

AGGIORNAMENTO 26 MARZO

“Gli autovelox finti non possono essere comprati e installati dai Comuni. La limitazione alla velocità è prevista con appositi cartelli, previsti a livello europeo. Quei Comuni che stanno utilizzando questi finti autovelox se ne assumono la responsabilità”. Lo ha detto il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi durante un’audizione in commissione Lavori pubblici al Senato, rispondendo alle domande dei senatori.

 

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha comunicato di aver scritto al presidente dell’Anci Fassino ribadendo il suo parere negativo sui “dissuasori di velocità”, il cui uso si sta diffondendo in numerosi Comuni.

Allegati alla lettera anche i pareri negativi già espressi in passato dagli uffici del Ministero competenti in materia (si tratta di 9 risposte alle richieste di comuni, forze di polizia locale e associazioni di consumatori, dal 2010 al 2014).

I cosiddetti “finti autovelox” sono “Dispositivi costituiti da contenitori vuoti in materiale prevalentemente plastico di varia foggia e colorazione che vengono posti a margine della strada con il dichiarato intento di condizionare la velocità dei veicoli”.

Per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti “Non sono inquadrabili in alcuna delle categorie di dispositivo o di segnaletica previste dal vigente Codice della Strada” e pertanto “Non sono suscettibili né di omologazione né di approvazione o autorizzazione”.

Dal Ministero si aggiunge che i finti autovelox possono anche costituire un pericolo: “La loro eventuale dislocazione a bordo strada dovrebbe considerare la possibilità che tali manufatti possano costituire ostacolo fisso, ancorché posti al di fuori della carreggiata”.

 

Il Capo di Gabinetto del Ministro Lupi invita quindi il sindaco di Torino, in qualità di Presidente dell’Anci, a “dare ampia diffusione” alla lettera “Affinché le varie amministrazioni possano tenere conto delle considerazioni appena svolte nelle loro valutazioni che, peraltro, non dovranno prescindere da una valutazione complessiva della congruità della spesa, sia in termini specifici che sotto il profilo dei benefici conseguibili ai fini della sicurezza stradale”.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
17 febbraio 2017

Capisco le ragioni dei taxisti, ma non si interrompe un servizio pubblico

Roma, 17 FEB – Sulla vicenda dei taxisti bisogna avere il coraggio della chiarezza. Nel periodo in cui sono...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
15 febbraio 2017

Pil 2016, Un buon segnale, avanti con politiche di crescita

Con l’Europa stiamo discutendo di decimali, allora la correzione che l’Istat ha fatto del Pil italiano del 2016 è...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
14 febbraio 2017

Eugenio Corti: un maestro per i nostri giorni

Alla Camera si è svolto un interessantissimo convegno su Eugenio Corti. Io sono stato invitato in qualità di presidente...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >