Google Google+

No a maggioranze variabili. Ora intervenga Renzi

17 febbraio 2016 di Maurizio Lupi

Quanto successo in Aula al Senato sul decreto legge Cirinnà e sul super emendamento del Pd che avrebbe azzerato ogni seria discussione del testo della legge sulle unioni civili dimostra ancora una volta, anche se non avvertivamo questo bisogno, che radicalismi, estremismi, presunzione e forzature con avventurose maggioranze variabili con il Movimento 5 stelle e con Sinistra italiana non portano da nessuna parte.

Il Partito democratico impari da questa lezione che lo ha portato a sbattere contro un muro.
Si riparta, allora, dalla maggioranza di governo. È questa la possibilità di fare una buona legge sulle unioni civili. L’alternativa è il nulla, nessuna legge o una pessima legge, con conseguenze politiche di cui ognuno si dovrà assumere le proprie responsabilità. Forse è il caso che adesso sulla questione Renzi stesso intervenga


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
17 settembre 2016

Il progetto di Stefano Parisi è anche il mio – Intervista al Mattino


11 maggio 2015

La festa della mamma continua: al via le richieste per il bonus bebè


6 ottobre 2016

COMUNITÀ INTERNAZIONALE CONDANNI UCCISIONE CRISTIANI IN KENYA


4 maggio 2015

Italicum, La gente chiede di smetterla con i rinvii