Google Google+

Oggi a #corrierelive sul referendum

25 ottobre 2016 di Maurizio Lupi

Bello il confronto di oggi a #corrierelive sul referendum. Ho cercato di parlare dei contenuti della riforma perché il 4 dicembre tutti noi saremo chiamati a fare una scelta nel merito. Saremo chiamati a decidere se vogliamo rendere più moderna e innovare l’Italia, per dare risposte concrete ai cittadini oppure no.

Per far questo, abbiamo bisogno di fare buone leggi e farle in tempi celeri: rendere più efficienti le istituzioni del Paese permette alla politica di non avere più alibi quando dice di non riuscire a ottenere i risultati sperati.

Questa è la prima ragione per cui è giusto votare SI’.

A chi obietta che con questa riforma si danno più poteri al Premier e all’esecutivo rispondo che io non ho paura di questo perché i cittadini, che hanno eletto quel governo, avranno poi la possibilità di decidere se hanno esercitato bene o male il loro potere con il voto.

Mettere ostacoli l’uno agli altri rende la politica soltanto più inefficiente e questo non fa certo bene al Paese. A mio avviso difendere la democrazia significa renderla più efficiente e utile per i cittadini.

Per quanto riguarda la legge elettorale ricordo che non c’è bisogno di votare no al referendum per cambiarla. Noi di Area popolare abbiamo più volte detto che va migliorata e sarà cambiata e lo dico sapendo di rappresentare un gruppo parlamentare determinante per la maggioranza del governo, quindi o cambia legge elettorale o cambia la legge elettorale che per noi deve prevedere  il turno unico, il premio alla coalizione e un premio di maggioranza fisso di 90 deputati che almeno permetta di indicare chi ha vinto le elezioni.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
24 luglio 2015

Bene pene più severe per i furti. Stop inutili polemiche su intercettazioni


14 maggio 2015

Scuola, buona riforma: autonomia, stabilità, merito e libertà di educazione


13 agosto 2015

Giusto trattare, ma non ripartiamo da zero – Intervista su Repubblica


29 dicembre 2015

Sì alle unioni civili, no all’adozione