Google Google+

Papa Francesco incontra la Guardia Costiera impegnata nel soccorso dei migranti

18 febbraio 2015 di Maurizio Lupi

Martedì sera, fra le 19 e le 19.45, il Papa Francesco ha incontrato a Santa Marta una delegazione della Guardia Costiera italiana con il Ministro Lupi che gli ha portato la testimonianza del servizio svolto in mare per le difficili operazioni di soccorso di profughi e migranti.

Accompagnati dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, erano presenti:

  • Felicio Angrisano, ammiraglio Comandante della Guardia Costiera
  • Giovanni Pettorino, ammiraglio Capo del reparto operativo (ha guidato tutte le più difficili operazioni di soccorso)
  • Ciro Petrunelli, tenente di vascello (ha partecipato al salvataggio della motonave Ezaden con centinaia di migranti a bordo)
  • Antonello Fava, tenente di vascello, (ha guidato il salvataggio della motonave Blue Sky con centinaia di migranti a bordo)
  • Marco Ancora, maresciallo (anche lui ha partecipato al salvataggio della motonave Ezaden con centinaia di migranti a bordo)
  • Salvatore Finocchiaro, sottocapo (ha eseguito molti interventi di soccorso con l’elicottero)

Il ministro Lupi aveva scritto al Papa chiedendo un incontro per una rappresentanza degli 11.000 uomini e donne della Guardia Costiera, che rischiano da anni la vita in queste operazioni di soccorso e spesso non solo non vengono ringraziati, ma a volte anche accusati di aiutare  indirettamente scafisti e terroristi. Il papa ha in poco tempo concesso l’udienza, che si è svolta con tono molto informale in una sala di santa Marta. Seduti in circolo, ognuno ha parlato, raccontato un’esperienza, il Papa ha ascoltato in silenzio e ha preso la parola alla fine ringraziandoli, citando le frasi ora dell’uno ora dell’altro che aveva ben memorizzate.

Nel suo saluto iniziale Lupi come esempio dell’incomprensione in cui incorre quest’opera di soccorso e di salvataggio di vite umane ha citato l’episodio della scorsa settimana quando dopo aver salvato circa 200 persone, sono stati minacciati con le armi dagli scafisti per riavere indietro la barca ormai vuota. “Li hanno accusati di arrendevolezza, ma invece sono stati assolutamente responsabili, avevano a bordo 200 migranti appena salvati tra cui molte donne incinte, dovevano ingaggiare un conflitto a fuoco con l rischio di far morire quelli che avevano appena salvato?”

Tutti hanno portato la loro testimonianza, l’ammiraglio Angrisano ha ricordato che dal 1991 a oggi la Guardia Costiera ha salvato in mare più di 460.000 migranti. Il maresciallo Ancora ha aggiunto: “pensi a quanti bambini sono nati da queste persone salvate”.

Il maresciallo Emiliano Venuti che 20 dicembre 2014 è intervenuto con una squadra di soccorso su una nave ormai fuori controllo, è salito a bordo del mercantile Merkur 1 che, abbandonato dagli scafisti con inserito il pilota automatico e con i motori bloccati, navigava  senza essere governato rischiando di schiantarsi contro le coste siciliane. Salito a bordo il maresciallo Venuti riusciva a individuare e disattivare il selettore del pilota automatico e quindi a prendere il pieno controllo della nave mettendolo in sicurezza. Tutti salvi gli oltre 800 migranti.

Marianna Mari, è un sottocapo in servizio presso la Sala Operativa della Capitaneria di porto di Reggio Calabria, il 24 settembre 2014 ha partecipato al salvataggio di un barcone con 774 migranti in difficoltà nello Stretto di Sicilia. Inoltre è persona che si prodiga nell’assistenza ai migranti per lo sbarco anche dopo i turni di servizio.

Marianna Mari ha detto che la cosa che l’ha più coinvolta: “Il ricordo che resta indelebile sono gli occhi di queste persone, che cambiano durante il viaggio, dalla paura alla speranza alla gioia quando vedono la costa italiana avvicinarsi”.

Un altro marinaio ha confessato “la paura” provata quando a capodanno, mentre era a casa con la famiglia è stato chiamato per intervenire in soccorso su un vecchio mercantile alla deriva “con il timone bloccato e 900 persone a bordo e un mare con onde alte 9 metri”, la cosa più commovente, ha aggiunto, è stato l’applauso dei migranti quando sono riuscito e riprendere il controllo della nave”

Dopo che aver ascoltato le esperienze concrete, toccanti e impressionanti dei marinai,  al termine il Papa si è rivolto a loro manifestando la sua partecipazione e il suo apprezzamento per il questo servizio svolto con coraggio e dedizione a favore.

Ha detto tra l’altro che questo dei migranti non è un problema che si possa risolvere da un giorno all’altro, che certo la soluzione è più ampia dell’azione di soccorso, ma che intanto, quando una vita è in pericolo bisogna soccorrerla: “quando c’è un ferito la pria cosa è curargli le ferite”, poi viene il resto.

Il Papa ha ricordato il suo viaggio a Lampedusa e ha lodato la solidarietà dei lampedusani con i rifugiati anche a costo di danni per il turismo sull’isola; ha ricordato di avervi inviato il suo elemosiniere, Mons. Krajewski, a partecipare alle operazioni di recupero delle salme dopo il terribile naufragio dello scorso anno (“è tornato diverso, un altro” ha detto il Papa accompagnando la frase con i gesto della mano rivolta vero l’alto e poi rovesciata verso il basso) e ha concluso con queste parole: “…io ho ammirazione per voi, davvero, lo dico, mi sento piccolo davanti al lavoro che voi fate rischiando la vita, e vi ringrazio di cuore per questo. Ma vi sostengo come posso: con le preghiere e le buone parole e l’affetto”.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
19 giugno 2017

Tim: Lupi, Calenda dica se Governo vuole creare monopolio

«Sulla vicenda della fibra a banda larga e delle polemiche di membri dell’esecutivo ed esponenti del Partito democratico sollevate...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
19 giugno 2017

Consip: Lupi, bene dimissioni rappresentanti Tesoro

«La politica deve tutelare uno strumento importante per l’amministrazione pubblica, ha fatto bene il Ministero dell’Economia a chiedere le...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
19 giugno 2017

Ius soli: Lupi, Lega ritiri 80 mila emendamenti al Senato

«Non tiriamo i vescovi per la tonaca: la Cei ha il diritto-dovere di intervenire sullo ius soli, i partiti...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >