Google Google+

Plafond Casa: 2 miliardi per il mutuo sull’abitazione principale

27 maggio 2014 di Maurizio Lupi
tasse imu ici prima casa immobili immobiliare patrimoniale

(aggiornato 27 maggio) Grazie al lavoro del Governo per risolvere l’emergenza casa, sono a disposizione dal 5 marzo 2 miliardi per facilitare l’erogazione dei mutui per l’acquisto o la ristrutturazione della casa. Ecco le banche aderenti.

 

AGGIORNAMENTO 27 MAGGIO

Nuove banche hanno aderito, abbiamo aggiornato l’elenco qui sotto.

 

AGGIORNAMENTO 19 MARZO
Ho convocato domani al ministero l’Abi e la Cdp per verificare, anche a seguito delle vostre segnalazioni, la situazione dei mutui del Plafond casa chiedendo risposte alle vostre esigenze.

Ho ricevuto alcune mail e letto i vostri commenti che mi segnalano difficoltà nell’applicazione del Plafond casa, la convenzione tra Cassa depositi e prestiti e Associazione bancaria italiana.
Cittadini che si sono presentati allo sportello delle banche che hanno aderito al Plafond casa per richiedere il mutuo per l’acquisto della prima casa o per la ristrutturazione e che si sono sentiti rispondere “Non ne sappiamo nulla”.

Ho girato queste mail a CDP e all’ABI perché verifichino che cosa è successo e risolvano il problema.
Vi invito a scrivermi segnalandomi casi simili, intendo seguire sino alla sua applicazione concreta questo provvedimento che ho fortemente voluto per aiutare soprattutto le giovani coppie che cercano casa e le famiglie che vogliono ristrutturare quella in cui abitano.
Maurizio Lupi

Come ha dichiarato il Ministro Lupi al TG1 delle 20 il 2 marzo: “Dal 5 marzo abbiamo voluto dare un segnale concretissimo alle famiglie che vogliono o ristrutturare la propria casa o acquistare la prima casa. Potranno andare presso gli sportelli bancari delle banche convenzionate e chiedere l’accesso al Plafond Casa”.

 

 

BANCHE ADERENTI

Cassa depositi e prestiti (CDP) ha ufficializzato l’adesione di diverse banche italiane, e secondo ABI “oltre il 65% degli sportelli bancari al lavoro per realizzare l’iniziativa”. Ecco la lista delle banche aderenti e in corso di adesione (aggiornata 28 marzo dal sito Cassa e Depositi Prestiti):

  • BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA S.P.A.
  • UNICREDIT S.P.A.
  • INTESA SANPAOLO S.P.A.
  • BANCA SELLA S.P.A.
  • BANCO DI CREDITO P.AZZOAGLIO S.P.A.
  • “BANCA DI CREDITO POPOLARE” S.C.P.A.
  • CREDITO VALTELLINESE
    • CREDITO SICILIANO S.P.A.
    • CASSA DI RISPARMIO DI FANO S.P.A.
  • CASSA DI RISPARMIO DI CENTO S.P.A.
  • CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A.
    • BANCO DI LUCCA E DEL TIRRENO S.P.A.
    • BANCA DI IMOLA S.P.A.
  • CASSA DI RISPARMIO DI SAN MINIATO S.P.A.
  • BANCA DELL’ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DEI COMUNI CILENTANI S.C.
  • BANCA DI CESENA – CREDITO COOPERATIVO DI CESENA E RONTA S.C.A.R.L.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI NAPOLI S.C.P.A.
  • BANCA DI FRASCATI – DI CREDITO COOPERATIVO S.C.P.A.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SASSANO S.C.
  • CASSA RURALE LAVIS – VALLE DI CEMBRA – BANCA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DELL’ALTA BRIANZA – ALZATE BRIANZA (COMO) S.C.A.R.L.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BASILIANO S.C.
  • CASSA RURALE ED ARTIGIANA ‐ BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BATTIPAGLIA E MONTECORVINO ROVELLA S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO S.C.A.R.L.
  • BANCA ALPI MARITTIME CREDITO COOPERATIVO CARRU’ S.C.P.A.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASTENASO (BOLOGNA) S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CHERASCO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CALCIO E COVO S.C.
  • BANCA DI ALBA CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • CREDITO COOPERATIVO RAVENNATE ED IMOLESE S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI GAUDIANO DI LAVELLO  S.C.
  • BANCA DI PISA E FORNACETTE CREDITO COOPERATIVO S.C.P.A.
  • BANCA DEL CENTROVENETO – CREDITO COOPERATIVO S.C. – LONGARE (VI)
  • BANCA DI MANTIGNANA E DI PERUGIA CREDITO COOPERATIVO UMBRO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI OSTRA E MORRO D’ALBA S.C.
  • BANCA DI RIPATRANSONE – CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI RIANO S.C.
  • FRIULOVEST BANCA – CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SAN GIOVANNI ROTONDO S.C.
  • BANCA SUASA – CREDITO COOPERATIVO S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPELLO E BETTONA S.C.
  • BANCA CRAS – CREDITO COOPERATIVO – CHIANCIANO TERME – COSTA ETRUSCA  ‐  SOVICILLE
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DELLE PREALPI S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VIGNOLE E DELLA MONTAGNA PISTOIESE S.C.
  • BANCA DI CREDITO COOPERATIVO “GIUSEPPE TONIOLO” DI GENZANO S.C.
  • BANCA SANTO STEFANO – CREDITO COOPERATIVO – MARTELLAGO-VENEZIA S.C

Continueremo ad aggiornare l’elenco delle banche aderenti.

 

 

CHE COS’E’ IL PLAFOND CASA

Il Plafond casa, fortemente voluto dal Ministro Maurizio Lupi, è uno strumento per otteneere un mutuo di lunga durata (fino a 30 anni).

Cassa Depositi e Prestiti fornisce 2 miliardi di euro alle banche che aderiscono all’iniziativa e tramite i quali sarà possibile ottenere:

  • mutui per l’acquisto dell’abitazione principale;
  • mutui per la ristrutturazione e miglioramento dell’efficienza energetica.

Il Plafond Casa non sostituisce la possibilità di sfruttare gli incentivi fiscali già previsti per queste categorie di interventi.

LEGGETE ANCHE: Domande e risposte per ottenere gli incentivi sulle ristrutturazioni

 

REQUISITI PER ACCEDERE

Hanno diritto al plafond casa tutti i cittadini, ma c’è una speciale attenzione verso i “beneficiari prioritari” identificati come giovani coppie, famiglie numerose e nuclei familiari di cui fa parte almeno un soggetto disabile che devono:

  1. acquistare la prima casa – se appartiene preferibilmente ad una delle classi energetiche A, B, C o D;
  2. e/o ristrutturare l’abitazione e aumentare l’efficienza energetica.

L’accesso al plafond è regolato “a sportello”, fino ad esaurimento dello stesso (con un limite a 150 milioni di euro per ciascuna banca). Termini e condizioni dei finanziamenti sono negoziati e determinati dalle Banche nella loro autonomia.

 

COME FUNZIONA LA SCELTA DELLE BANCHE

La singola banca esamina le richieste e decide l’eventuale concessione del credito, assumendone il rischio.

La Banca esamina con priorità le domande di mutuo formulate dai Beneficiari Prioritari, individuati dalla normativa. I procedimenti istruttori e di delibera interni non sono in alcun modo influenzati o monitorati da Cassa Depositi e Prestiti.

 

COME SI ACCEDE AL PLAFOND CASA?

Rivolgendosi a una delle banche aderenti, sarà possibile ottenere informazioni specifiche su questo strumento di finanziamento. Ciascuna Banca aderente deve fornire una adeguata pubblicità all’iniziativa, sia nelle proprie filiali che attraverso la diffusione cartacea e via web per consentire un’immediata differenziazione del Plafond Casa rispetto ad altri prodotti standard.

Inoltre, a fronte delle richieste di finanziamento, le Banche sono tenute ad informare la clientela dell’esistenza e delle condizioni dei prodotti che si avvalgono di questo strumento.

SCARICATE IL MODULO DI RICHIESTA

 

VANTAGGI DEL PLAFOND CASA?

Il Plafond Casa ha il grosso vantaggio per chi lo richiede di poter ottenere un mutuo di durata superiore alla media (fino a 30 anni).

In ciascun contratto di finanziamento deve essere specificato che l’operazione è stata realizzata utilizzando la provvista messa a disposizione dalla CDP, indicandone il relativo costo e durata, nonché il vantaggio ottenuto in termini di riduzione del tasso annuo nominale (“TAN”), espresso in punti percentuali annui o in basis point annui, prendendo a riferimento le condizioni standard come determinate, alla data di stipula del finanziamento, dai fogli informativi relativi a finanziamenti con provvista diversa, ma di analoga natura, finalità, durata e tipologia di tasso (fisso o variabile).

 

QUANTO DURA E QUANTO FINANZIA IL PLAFOND CASA

Il Plafond Casa prevede 3 diverse durate temporali e 3 diversi importi limite:

  1. I finanziamenti hanno il limite di 100 mila euro per gli interventi ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica;
  2. 250 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale senza interventi di ristrutturazione;
  3. 350 mila euro per l’acquisto di una abitazione principale con interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica sulla stessa abitazione.

I finanziamenti possono essere rimborsati a 10, 20 o 30 anni.

 

OTTENERE MAGGIORI INFORMAZIONI

Maggiori informazioni e dettagli possono essere richiesti alle banche aderenti e sul sito della Cassa Depositi Presiti insieme al testo della Convenzione


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi


276 commenti a “Plafond Casa: 2 miliardi per il mutuo sull’abitazione principale

Lascia il tuo commento!

  • Jimmy Steve
    6 settembre 2014 alle 14:28

    Ciao cari clienti un valore,

    Avete bisogno di un prestito urgente per finanziare la vostra attività o in qualsiasi finalità? siamo certificati e legittimo e internazionale prestatore di prestito concessi in licenza Offriamo prestiti alle imprese commerciali, aziende e privati ​​a un tasso di interesse a prezzi accessibili del 3%, potrebbe essere un prestito a breve oa lungo termine o anche se si ha credito poveri, ci deve elaborare la prestito non appena riceveremo la vostra applicazione. siamo un istituto finanziario indipendente. Abbiamo costruito una reputazione eccellente nel corso degli anni nella fornitura di vari tipi di prestiti a migliaia di nostri clienti. Offriamo servizi di prestito garantito di qualsiasi importo per i cittadini e non cittadini Offriamo un facile prestiti personali, prestiti / attività commerciale, prestito auto, leasing / attrezzature finanza, prestito di consolidamento del debito, mutuo per la casa, per tutti i cittadini e non cittadini sia con un buona o cattiva storia di credito. Se siete interessati alla nostra offerta di prestito di cui sopra sei consigli per riempire le informazioni qui sotto e tornare a noi per maggiori dettagli, è possibile contattarci a questa email {livingstoneloaninvestment@gmail.com} Dovremo rispondere a voi non appena avremo ricevuto il email. I nostri obiettivi è quello di fornire il meglio ai nostri clienti e dare loro un servizio sicuro NOSTRI PACCHETTI COMPRENDONO: * * Prestito Auto * Prestito ipotecario * Prestito d’affari * Prestito Internazionale * Prestito personale * E molto altro ancora.

  • ferraioli domenico
    3 settembre 2014 alle 15:45

    L’ennesima presa in giro, giusto per avere qualche voto in più alle europee. Quando lo stato smetterà di essere succube delle banche????

  • Giuseppe Anon
    5 agosto 2014 alle 06:38

    Questo è valido anche per chi vuole acquistare il proprio alloggio ex-iacp come prima casa, è leggittimo assegnatario da più di 30anni e rientra nei vecchi piani di vendita dell’ente Ater?

  • giuseppe paludi
    1 agosto 2014 alle 21:55

    La solita presa in giro….
    Oltre alla disinformazione delle Banche stesse nessuno eroga Mutui al 100%!!!!!
    La cosa più grave è che il gruppo “INTESA SAN PAOLO” eroga solo 80% con CDP ma per i loro mutui standard “Domus” erogano anche fino al 100%, come al solito le banche pensano (dal loro punto di vista giustamente) solo a se stesse!!!!
    Erogare un mutuo al 100% con lo spread imposto della CDP risulta NON CONVENIENTE, 2,30% rispetto al loro 3,70% per un mutuo al 100%.

    Allora così chi stiamo aiutando…..come al solito solo le banche, perchè per i pochi che possono permettersi un mutuo all’80% perche hanno un capitale di partenza, le banche hanno il vantaggio di avere una commessa di LIQUIDITà REALE versata da CDP ergo vantaggi solo per le banche!!!!!!!!!!!

    Solita norma poco chiara fatta all’italiana, Grazie LUPI!

  • Guido Campanella
    17 luglio 2014 alle 12:26

    Io e la mia compagna siamo stati questa mattina da Unicredit, ho chiesto se c’erano delle convenzioni con lo Stato per avere un mutuo al 100% e mi hanno detto di no. Mi danno solo un mutuo all’80% alle loro condizioni (migliori però di altre banche). Da notare che siamo entrambi lavoratori della pubblica istruzione a tempo indeterminato..
    A me sembra che tra quello che dice lo Stato e quello che fanno le banche ci siano un paio di oceani di mezzo. A questo punto mi sa che resteremo in affitto..:(

  • Franco Arena
    2 luglio 2014 alle 11:22

    Sono andato in banca per chiedere informazioni per la ristrutturazione di una casa “MUTUO PLAFOND CASA” ma mi sono accorto che è più facile ottenere il mutuo tradizionale e che il MUTUO PLAFOND CASA ha gli stessi costi ed è MOLTO PIù DIFFICILE OTTENERLO. SALUTI.

    • Logic
      8 settembre 2014 alle 07:19

      Beh, è logico che sia più difficile ottenerlo a più lunga durata, anche un ignorante in materia lo capisce al volo perchè.
      Ed è logico che costi anche di più, ovvero che abbia un tasso taeg più alto.
      Probabilmente tu e tanti altri, vi eravate illusi che il governo avesse fatto una convenzione di garanzia verso le banche. E invece non è così, proprio per nulla.
      Il governo ha solo spinto le banche a prolungare le durate dei mutui, in cambio magari di futuri ulteriori finanziamenti gratuiti alle banche, e questo sarebbe nuovamente scandaloso se succedesse ancora.

  • michele pusterla
    17 giugno 2014 alle 14:28

    Confermo che ad oggi , 17 giugno 2014 , Intesa San Paolo non ha ancora emesso nessuna nota tecnica interna con le condizioni da applicare per il Plafond Casa.

  • Paolo Parrello
    11 giugno 2014 alle 18:36

    Intesa San Paolo ha aderito il 2 aprile, oggi 11 giugno ancora non ha alcuna publicazione dell’offerta per il plafond casa.
    Caro Sig. Ministro, siete credibili meno di zero.
    Se non siete in grado di mettere in atto quello che dite, lasciate perdere che fate piu bella figura.
    Siete solo capaci di dare soldi alle banche come al solito e zero possibilità per i cittadini.

    Grazie

    Ormai la speranza di prendere un mutuo oltre l’80% a tasso agezvlato è morta.

    Cordiali Saluti

  • stefano mariotti
    9 giugno 2014 alle 14:42

    Salve,

    io e la mia compagna avendo tutti i requisiti per l’ottenimento dell’agevolazione sul mutuo della CDP, nel mese di Gennaio ci siamo recati presso una filiale della Banca Sella che è stata la prima ad aderire.

    Dopo un iter burocratico per usare un eufemismo paludoso (superato solo grazie all’efficienza dell’impiegato della banca), il 12 giugno, Giovedì prossimo avremo la stipula del mutuo agevolato a tasso fisso per l’acquisto della nostra prima casa.

    Oggi per curiosità ho provato una simulazione del mutuo online con le stesse caratteristiche di importo e durata e con mio grande stupore il termine agevolato non fa certo riferimento alla rata mensile, ho riscontrato una differenza del 9% circa a nostro sfavore (comunque riverificherò tutto dopo la stipula e per correttezza riporterò la reale differenza).
    Di sicuro io e la mia compagna non abbiamo esattamente il profilo ad hoc per l’erogazione del mutuo da parte della banca, entrambi precari e quindi anche se il nostro redditto era sufficiente, eravamo quasi sicuri di non riuscire ad ottenerlo.

    In conclusione vorrei capire se questa garanzia* della CDP sia intervenuta a nostro favore almeno per quanto riguarda la concessione?

    La mia sensazione è che probabilmente sia risultato più determinante il rapporto con l’impiegato che ci ha seguito e che banca Sella invogliata dalla garanzia* della CDP sia stata meno esigente.

    Inoltre a beneficio di tutte le persone che otterranno lo stesso tipo di mutuo posso dirvi in anticipo che dopo la delibera dello stesso da parte sia della banca che della CDP ( ci vogliono 3 mesi circa dalla presentazione della richiesta) , verrà data una finestra di soli 15-20 giorni(assurdo) per effettuare il rogito e che si dovrà tenere inoltre conto di una spesa notarile di 1000 euro circa aggiuntiva per un atto in più che avviene tra la banca erogante e la CDP.

    Cordiali saluti in attesa di un vostro riscontro,
    Stefano M.

    *Ci tengo a sottolineare che la CDP non garantisce il credito della Banca ma da solo la provvista (il denaro) che dovrà in seguito restituire, la banca rimane esposta nei nostri confronti come in un qualsiasi mutuo tradizionale.

  • Marco
    5 giugno 2014 alle 14:07

    Buongiorno,
    leggendo i commenti di questo articolo quello che ne deduco è che le banche non stanno attuando questo plafond casa. Inoltre nessuno risponde alle segnalazioni e a distanza di diversi mesi, a parte vedere crescere la lista delle banche aderenti, non ho visto nessun cambiamento.
    Quello che chiedo al Ministro Lupi è se sa quanti di questi 2 miliardi sono stati spesi per erogare mutui plafond casa fino ad oggi. La mia impressione è che gli unici soldi spesi siano quelli per mettere in piedi il tutto contribuendo solo allo spreco di denaro pubblico (visto che l’iniziativa non è mai partita). Questo più che agevolare…. grava sulle nostre tasche.
    Spero vivamente di essere smentito.
    Saluti

  • Graziella Donnantuono
    4 giugno 2014 alle 16:38

    Ciao Lupi come prima cosa vorrei sapere se questo articolo è una presa per i fondelli,visto che in tv dicono che è molto difficile dare il mutuo a noi giovani…io ho 26 anni sono sposata e ho un bimbo di 2 anni io in questo momento abito a casa dei miei perché ho bisogno di un’aiuto per ristrutturare casa di 70 metri quadrati…quindi non prendiamoci in giro perché tutte le banche non sanno niente di questo articolo…fate qualcosa per noi giovani perché siamo nella merda.e non è giusto che date case popolari a chi sta bene economicamente e avora negli ospedali…Aiutateci…perché l’Italia ha bisogno di fatti e no solo parole muovetevi e non riscaldate la sedia…vogliamo solo fatti e aiuto…grazie

  • Marco
    4 giugno 2014 alle 12:40

    Buongiorno, nei giorni precedenti ho scritto un commento che non mai stato pubblicato, come mai?
    Grazie

    • Maurizio
      5 giugno 2014 alle 10:23

      Ciao Marco, grazie per la segnalazione.
      Non mi risultano altri tuoi commenti in coda. Riesci a ripostarlo? Grazie
      Carlo per Maurizio Lupi

  • francesco de marco
    30 maggio 2014 alle 08:20

    Faccio notare qualcosa che forse ai più è sfuggito:
    – il plafond casa prescrive che le banche aderenti offrano tassi più vantaggiosi rispertto ai FOGLI ILLUSTRATIVI: avete mai letto un foglio illustrativo? riportano condizioni economiche ben più gravose rispetto alle reali offerte commerciali delle banche perché esse già tengono conto della trattativa che si svolgerà con il cliente. ecco perché il tasso del plafond risulta essere anche più alto di un mutuo “normale”

    – se leggete il post di presentazione, il plafond casa si è trasformato da un mutuo a tassi agevolati fino al 100% (ovviamente coi massimali previsti) a “uno strumento per otteneere un mutuo di lunga durata (fino a 30 anni)” come se la cosa avesse dell’eccezionale, come se una qualsiasi banca non ci offrisse un mutuo a 30 anni.

    chiedo per tanto al Ministro Lupi di chiarire definitivamente queste gravose questioni:

    1) il mutuo 100% è una condizione prescritta dal plafond casa? è SOLO una opzione lasciata a discrezione della banca aderente? NON è una opzione prevista?

    2) la convenienza del tasso offerto è rapportata alla miglior offerta commerciale della banca o solo alle condizioni commerciali farlocche riportate nei fogli illustrativi?

    3) esiste un canale UFFICIALE per segnalare anomalie, negligenze o difformità rispetto a quanto prescrive il Palfond casa?

    grazie

  • francesco de marco
    29 maggio 2014 alle 22:34

    immaginiamo un mutuo di 100 mila euro per 30 anni, per praticità teniamo bloccato il tasso ai livelli attuali anche per il variabile e siccome le banche rimborseranno il finanziamento alla CDP con rate semestrali, anche il mutuo al cliente lo consideriamo semestrale. L’unica differenza tra i due finanziamenti, oltre ai tassi, sarà il tipo di ammortamento, che per la banca nel caso del variabile sarà all’italiana (con quote capitale tutte uguali) mentre per il mutuo al cliente come al solito l’ammortamento sarà alla francese.

    Il risultato finale è che il finanziamento a tasso variabile costerà alla Banca, in termini di interessi pagati, circa 41 mila euro mentre al cliente costerà poco meno di 71 mila. Il mutuo a tasso fisso costerà invece circa 83 mila euro alla banca e poco meno di 130 mila al cliente che inoltre corrisponde tutte le spese relative al mutuo. Che ve ne pare? Un bel margine di intermediazione, vero?.. un bel “regalo”?

    Una particolarità di questi mutui, che però nessuno dice, è che possono essere cartolarizzati solo a favore della Cassa Depositi e Prestiti, a questo punto la banca può erogare il mutuo utilizzando i fondi messi a disposizione dalla CDP, dopo di che tramite l’alchimia della cartolarizzazione tramuta il credito derivante dal mutuo stesso in obbligazioni che avranno come garanzia il mutuo e rivende queste obbligazioni alla CDP che rifinanzia la banca. In pratica la Banca riottiene i soldi che ha erogato con il mutuo e passa il rischio alla CDP.

  • GIUSEPPE TROTTA
    20 maggio 2014 alle 19:51

    Caro ministro lupi sono stato proprio ora ( 20 maggio ) in una filiale Banca Intesa.
    Per prima cosa non propongono affatto il plafond casa.
    Quando glielo chiedi non sanno da dove accampare scuse.
    Poi infine ti dicono che effettivamente non sono ancora partiti e che non partiranno prima di luglio…
    In Unicredit invece peggio….
    Dovrò avergli espressamente chiesto un preventivo plafond casa veniva fuori un tasso più alto del normale…
    Ma si può prenderci così in giro…
    La verità allora dov’è?

    • Vincenzo Pelliccia
      29 maggio 2014 alle 16:08

      Caro Giuseppe,
      siamo tutti sulla stessa barca, ma qui non rema nessuno, e soprattutto nessuno risponde alle segnalazioni, nè con interessamento nè con fatti concreti. Capisco che ci sono state le elezioni di mezzo, ma qui ormai ognuno fa quello che più gli pare e nessuno controlla o fa in modo che le cose vadano secondo le aspettative. Il ministro Lupi, che si è fatto promotore di questa iniziativa, dovrebbe far sentire di più la sua voce! Gli italiani attendono fiduciosi…

  • Vincenzo Pelliccia
    16 maggio 2014 alle 16:55

    Dopo mesi di attesa pare che anche il gruppo intesa sia in dirittura di arrivo. Pensate che l’attesa verrà ripagata? Niente affatto! La consulente che segue la mia pratica (70% del valore dell’immobile, e le ristrutturazioni le finanzio direttamente senza accedere al credito… e quindi hanno definito la mia pratica una formalità) mi ha tranquillamente detto che l’iniziativa è una mezza bufala, nel senso che le banche, hanno l’unico onere di concedere con il plafond, tassi più bassi di quelli presenti nel portafoglio offerte standard. Risultato? se applicano un fisso standard al 7%, con il plafond scendono (se va bene) al 6,5. Il tutto però deve essere autorizzato da una doppia approvazione, dapprima della banca (circa 40 gg) dopodichè viene sottoposto al vaglio della cdp. Insomma per una pratica mutuo, se non ci sono intoppi, servono circa 3 mesi. Signor Ministro, ma i ben 2 miliardi dati alle banche giustificano solo un piccolo ritocchino ai tassi, o è il caso di fare qualcosa e battere i pugni sul tavolo dell’abi?

  • Franca Locci
    11 maggio 2014 alle 19:43

    Caro ministro Lupi…sono 2 mesi che io e mio marito siamo in cerca di ricevere un mutuo per l’acquisto nella nostra prima casa. 180 mila euro per l’acquisto più 70 mila euro per la ristrutturazione (visto che è una casa degli anni ’60). A fonte del nostro reddito medio alto (gestiamo una società di informatica con 7 dipendenti), nessuna banca ce lo concede! Motivo? Nessun garante! Mi spieghi lei con che faccia, a 40 anni, andiamo dai nostri genitori pensionati a chiedergli di metterci una firma di fideiussione per il nostro mutuo! La banca intesa san paolo non sa neanche di cosa lei sta parlando…plafond casa? farneticazioni… Noi stiamo perdendo l’acquisto di questa casa perché nessuna banca ci concede il mutuo per l’acquisto e la ristrutturazione al 100%. Bella iniziativa signor ministro! Peccato che rimanga solo sulla carta! Noi continuiamo a dare lavoro ai nostri dipendenti e alle loro famiglie, e questo, alla fine, non viene riconosciuto da nessuno! Senza contare che i direttori delle banche, quando chiedi un mutuo al 100% ti fa sentire un emerito pezzente e, ovviamente, non te lo concede! Caro ministro, lo hai chiesto tu di scriverti….ed io l’ho fatto! Puoi darmi tu una risposta alla fatica di andare ad elemosinare un mutuo in banca? Io, per adesso, ci ho rinunciato!….

  • francesco denaro
    10 maggio 2014 alle 17:18

    perchè non escludete TUTTE le banche che non erogano il 100% del mutuo se richiesto? perchè non escludete TUTTE le banche che non danno un tasso di spread VERAMENTE PIU basso del loro dato che senza convenzione il loro tasso risulta più basso e conveniente?
    ma voi la sofferenza delle persone la capite? sapete che significa aiutare le persone in difficoltà?
    no che non lo sapete, perchè chi naviga nell’oro non può capire la scomodità di chi è nella ……
    il male dice al bene, tu per me sei il male!
    prima o poi tutti vi dovrete passare una mano sulla coscienza, e spero non sia troppo tardi!

  • Carlo Pandolfini
    10 maggio 2014 alle 13:22

    Le anomalie emerse sono reali e non aiutano “La volta buona” del governo Renzi.
    Ogni banca, sulla base dei propri indicatori di rischiosità (patrimonio di vigilanza…) affronta un costo per accedere alla provvista della Cdp.
    Basterebbe limitare al tasso fisso i mutui con provvista Cdp (aiutiamo il cittadino a fare le scelte meno rischiose soprattutto in un momento di tasso Euribor ai minimi storici) e fissare uno spread massimo di 2 punti superiore a quello pagato dalle banche per richiedere provvista alla Cdp.
    Le banche avrebbero così, su questa tipologia di finanziamenti “incentivati” dallo Stato, un ritorno economico trasparente ed allineato e il cittadino meritevole avrebbe accesso ad un finanziamento ad un tasso che potrebbe variare (in base al costo della provvista Cdp e in coerenza con le politiche commerciali delle singole banche) indicativamente da un tasso finito del 4% a 10 anni al 5% a 30 anni.

  • Paolo Parrello
    9 maggio 2014 alle 11:57

    Salve,

    vorrei sapere se banca Intesa San Paolo pubblicherà qualcosa, visto che hanno aderito il 2 aprile e dopo più di un mese ancora non hanno l’offerta.
    Che vergogna questa Italia!!!!!!!!!!!!!!
    Bravi!!!!!!!!!!

  • Andrea C.
    7 maggio 2014 alle 14:07

    Banca Sella, copre il 70/80% dell’importo richiesto e non il 100%… mha… vabbè vado a comprare una brandina al decathlon.. in contanti.. è meglio.

  • Letizia Artemagna
    6 maggio 2014 alle 14:31

    ASCOLI PICENO N.2

  • trapani francesco
    5 maggio 2014 alle 16:29

    Buongiorno,
    se ho ben capito questo accordo è nato per consentire alle giovani coppie (non cito tutte le categorie), che non sono in possesso di capitali di partenza, di accedere ad un finanziamento per l’acquisto della prima casa fino ad un importo pari al 100% del valore dell’immobile e nel mio caso non superiore a 250.000€. Oggi mi sono recato presso Unicredit di mentana (roma) per chiedere un mutuo di 200.000€ e mi è stato risposto e fatto vedere la loro circolare interna che concedono mutui con accesso al plafond casa fino ad un massimo dell’80% del valore! a questo punto che senso ha? qualsiasi banca da mutui fino all’80% e con tassi migliori, è possibile che le banche possano fare deroga ad un accordo preso tra ABI e CDP? Se voglio segnalare l’anomalia dove posso farlo?
    Grazie.

  • daniele la regina
    2 maggio 2014 alle 19:49

    Buonasera Ministro Lupi,
    sto cercando di acquistare una casa e avrei i requisiti come giovane coppia, peccato che se si va in banca non si conoscono le informazioni necessarie.
    Sul sito di cdp vi è riportato che le Banche che accedono al Plafond casa hanno l’obbligo di pubblicizzare la notizia e le condizioni.
    Solo in Unicredit, leggendo per la prima volta in mia presenza (oggi 2 maggio 2014) la comunicazione, mi viene detto che i vantaggi sono i seguenti:
    – azzeramento dell’aliquota di imposta sostitutiva 0.25% del capitale richiesto;
    – 0.2 in meno di spread per tasso variabile e 0.90 per tasso fisso.
    Sono realmente questi i vantaggi che consente il plafond casa?
    Sinceramente le convenzioni che siglano le aziende private con i gruppi bancari danno vantaggi maggiori (es. azzeramento di spese di istruttoria e perizia, polizze assicurative dimezzate e 0.50 in meno di spread).
    Mi auguro di cuore che il personale Unicredit non abbia saputo darmi le indicazioni corrette perché altrimenti non vedo il vantaggio del Plafond casa.
    In intesa San Paolo mi hanno detto che ABI e CDP ancora non si sono messi d’accordo sulle condizioni e quindi loro non sanno come applicare le agevolazioni (oggi 2 maggio 2014). Il motivo della discordia, mi riferivano, sembrerebbe che sia legato ai tassi, in quanto CDP vorrebbe una forte riduzione degli stessi (quasi dimezzamento).
    Mi scusi ma come possiamo fare, noi comuni mortali, a capire quali sono le agevolazioni?
    La ringrazio per tutto quello che Lei potrà fare per noi giovani.
    Saluti
    Daniele La Regina

    • daniele la regina
      2 maggio 2014 alle 20:01

      Le filiali sono, per entrambi gli Istituti finanziari, in viale Cesare Pavese Roma.
      saluti

  • enrico
    2 maggio 2014 alle 18:15

    Salve, caro ministro vada in cerca di mutuo al 100%,e poi mi faccia sapere quale banca lo concede, grazie e in bocca al lupi

    • enrico
      2 maggio 2014 alle 21:30

      signor Ministro se vuole aiutare noi poveri cristi a comprare una casa, non deve dare i soldi alle banche, per esempio può aumentare la detrazioni per gli interessi dei mutui, può creare un fondo perduto per acquisto prima casa, ci sono tante idee.Ma lei ci vuole veramente aiutare?

  • Alessandro
    2 maggio 2014 alle 15:42

    Buongiorno Ministro,
    anch’io come tanti altri desidero far presente il mio dissenso per una proposta di agevolazione dei mutui che non sta funzionando. Molte banche non sanno nulla, anche se appartengono alla lista. Ma la cosa veramente più sconcertante è che mutui con il Plafond casa siano meno convenienti di altre offerte.
    Avevo visto questa proposta con fiducia…ma sono rimasto profondamente deluso. Speravo in un cambiamento…ma sono rimasto profondamente deluso…Possibile che in questo Paese ci siano sempre così tante difficoltà ad innovare…a cambiare…mi piacerebbe capire quanta gente ha stipulato un mutuo grazie a questa convenzione…e con quali risultati…
    Cordiali saluti.
    Alessandro

  • emiliano marini
    2 maggio 2014 alle 15:00

    Sono andato varie volte alla mia banca che fa parte del banco di credito popolare quindi una delle banche adrenti ma ad oggi 2/05/14 dei mutui garantiti dal plafond casa 2014 i dipendenti delle filiali non hanno ricevuto nessuna comunicazione ne dei tassi ne delle modalita’ di richiesta e’ una vergogna.I mutui doveva erogarli direttamente la cassa depositi e non lasciarli gestire dalle banche.

  • federico
    25 aprile 2014 alle 12:35

    Sto acquistando casa e considerata la mia giovane età ho chiesto a tutte le Banche il famoso Plafond. Ebbene i tassi del plafond sono meno vantaggiosi dei tassi promozionale delle banche…..Ma scherziamo? siamo un paese che vive di spot, di slogan….
    Era difficile dare un contributo ben preciso di 10/20 mila euro….??? roba da matti

  • ENZO
    24 aprile 2014 alle 11:49

    buongiorno
    ONOREVOLE LUPI
    Sono pensionato dal 1997 per inabilità al 100% a proficuo lavoro ed anche invalido civile al 100 % mia moglie commerciante , bar tabacchi, lavora solo per pagare tasse e Equitalia, . Presto dovremo lasciare la casa ,in affitto, dove abitiamo ed è l’ottavo trasloco. quindi avremmo deciso di compra le LA PRIMA CASA. Sono andato all’INPDAP e mi è stato detto che sono stato iscritto al FONDO fin quanto ho lavorato successivamente quale pensionato dovevo comunicare la mia adesione al FONDO. Quindi non ho diritto a nessun mutuo per acquisto prima casa. Mia essendo titolare, dell’esercizio commerciale, non ha nessun TFR quindi non può chiedere nessun acconto al fondo pensione INPS. Per questi motivi non ci è rimasto che rivolgerci alle banche convenzionate, e non, per chiedere il mutuo acquisto prima casa. TUTTE dichiarano di concedere mutui per il 80% del valore dell’immobile.ma non è cosi. Difatti prima di ottenere il mutuo bisogna avere depositato il 20% dell’importo che si pagherà sul rogito e poi la banca concederà il rimanente 80% al momento dell’atto . Quindi in pratica 1/5 dell’abitazione deve essere gia pagata . Poi loro ci appioppano una ipoteca che va da 200% al 300% non del valore rimasto da pagare ma del valore totale dell’immobile. Quindi se non hai il 20 % del costo della casa e non hai nessuno che possa prestartelo non puoi COMPRARE CASA. Lo STATO ci concede di scaricare fino la 50% irpef per acquisto prima casa , ma se non possiamo compare cosa scarichiamo? La mia domanda è questa se noi, Pensionato e Commerciante, non possiamo avere un prestino di appena 30.000 (IL 20%) da nessun ENTE o Banca immaginiamo i mono redditi o le coppie giovani. Anche se ci possiamo permettere di pagare un mutuo mensile ( addirittura inferiore al costo di affitto) non possiamo comprare casa. Quindi i 33 anni che io ho lavorato per lo stato e i 30 di mia moglie non ci concedono di acquistare un BUCO di casa. La ringrazio per l’attenzione che ha voluto dedicarmi e La saluto cordialmente.

  • Luciano Mariani
    17 aprile 2014 alle 23:07

    Salve ,
    Sto acquistando casa ma nessuna banca ha proposto il famoso plafond 2014 . A questo punto mi chiedo : non sarebbe meglio per il governo contribuire direttamente all’acquisto tramite 20/30 k€ Cifra che coprirebbe tranquillamente le varie spese extra che bisogna considerare oltre al prezzo vero della casa ? : spese notarili, dell’agenzia etc etc con 2 miliardi si potrebbero coprire quasi 7000 acquisti dando veramente un contributo tangibile a chi deve affrontare il grande passo.
    Saluti

  • Giuseppe Castaldo
    11 aprile 2014 alle 16:03

    Caro ministro spero che tutto questo non sia l ennesima bufala….giro da mesi alle varie banche….alcuni sanno altri no…alcuni tra cui intesa Sanpaolo hanno detto che i tassi che hanno loro sono migliori anche rispetto al plafond giovani…ma allora?

  • Luca Frustaci
    11 aprile 2014 alle 10:21

    Ciao
    Spero possa chiarire definitivamente, in quanto mi è stato spiegato bene (in banca) il meccanismo del Plafond Casa:

    -lo spread pubblicato sul sito CDP è lo spread con cui le banche accedono al Plafond Casa (famosi 2 mld)
    -poi loro aggiungono il loro margine, stando attenti a non superare nel totale lo spread applicato ai loro prodotti STANDARD.

    Quindi:
    – attuale prodotto standard Unicredit : se non erro ha il 4 di spread.
    – prodotto plafond casa ha il 3.30 di spread.
    – prodotto “offerta” il 2.25.
    ne consegue che il prodotto plafond casa sarà “SEMPRE” meno conveniente e non in linea con il mercato attuale.

    a voi le considerazione del caso.

    Luca Frustaci

  • Luca Frustaci
    10 aprile 2014 alle 10:13

    Buongiorno Ministro
    oggi l’ennesima conferma. Mi sono recato filiale Unicredit della mia città, la risposta è stata : si nessun problema per il plafond Casa….peccato però le condizioni sono spread al 3.30 sul variabile,il loro prodotto attuale è al 2.25.
    Quindi mi chiedo: i valori riportati sul sito della CDP a cosa servono?Possibile che non c’è nessun controllo?.
    L’ennesima dimostrazione di come funziona la politica.
    Servono risposte celeri e chiarimenti.
    Luca Frustaci

    • Gabriele Trianni
      11 aprile 2014 alle 10:48

      Sono perfettamente d’accordo con lei. Il problema maggiore non è tanto la disinformazione della banca a cui si può ovviare con maggior controllo ma la totale inutilità dell’agevolazione in quanto gli spread proposti sono più altri di quelli di mercato. Che senso ha sbandierare un’iniziativa del genere se poi è totalmente inefficace?
      Che senso ha parametrizzare il tasso di spread con il tasso effettivo globale medio (ad oggi del 3,73%!!!!) del Ministero dell’economia?
      In questo modo è ovvio che la banca utilizzerà degli spread superiori a quelli di mercato, ci sono banche che offrono il 2,5% o anche meno…
      Modificate questo “strumento” o altrimenti è INUTILE

  • Carmen
    9 aprile 2014 alle 17:22

    Correggetemi se mi sbaglio,ma mi era sembrato di aver letto da qualche parte che questi mutui sarebbero stati concessi a giovani coppie anche titolari di contratti atipici. Stamattina sono andata ad informarmi per l’ennesima volta (a parte che si sono letti la circolare mentre io ero lì,ma sorvoliamo) mi hanno chiesto un reddito consistente.
    Se avessi avuto le condizioni per richiedere un mutuo l’avrei già fatto senza aspettare.
    E cmq se non finanziano il 100% dell’importo, di che stiamo a parlare….come si fa in questo momento a mettere da parte qualcosa per l’anticipo.Quindi o si mette come clausola alle banche l’erogazione del 100%, oppure é solo una perdita di tempo!!!!!

  • Luca Frustaci
    9 aprile 2014 alle 09:23

    Buongiorno
    ennesimo incontro in altra banca(unicredit) nessuno sa nulla. loro hanno un loro prodotto con spread 2,25.
    Inoltre il buon caro Ministro, all’incontro con ABI non era presente, quindi per la serie “non mi interessa”. Adesso chiedo come “c…o” devo fare per avere quello scritto sul sito della CDP? Chiedere a papa Francesco? A Napolitano? Possibile che non riuscite a farne una , dico una , ma solo una giusta o quanto meno chiara? Basterebbe dire…”sono soldi per aiutare le banche, quelli che avanzano, se avanzano, vediamo se si riesce a fare qualcosa per voi cittadini”.
    Poi l’altro fenomeno di Renzi dice che nel DEF pagheranno le banche…quindi mi immagino quale plafond casa le banche faranno.

    luca frustaci

  • DENISE COSTA
    8 aprile 2014 alle 11:46

    BUONGIORNO EGREGIO MINISTRO LUPI, IERI SONO STATA ALLA FILIALE DI VICENZA DELL’UNICREDIT, SPERANZOSA E MOLTO OTTIMISTA DI AVER NOTIZIE SUL PLAFOND…..RISULTATO??IL CORDIALE IMPIEGATO MI HA ILLUSTRATO IL PLAFOND CASA SECONDO UNICREDIT: SPREAD A 3.10 PUNTI(E LO CHIAMANO VANTAGGIOSO?ALLA FACCIA…IL LORO SPREAD PIU ALTO è DI 2.90 PUNTI…VA BEH SURCLASSIAMO…) E SORPRESA DELLE SORPRESE, IMPORTO FINANZIABILE AL MAX 80%….ALLA MIA FRASE “MA SULLA CONVENZIONE C’E’ SCRITTO 100%” SA COSA MI HA RISPOSTO?CHE NON ESISTE IL 100%, NON LO DARANNO MAI….MI SENTO PRESA IN GIRO…. MINISTRO FACCIA OLTREMODO SUBITO QUALCOSA,ALTRIMENTI SARA’ LA FINE……CORDIALI SALUTI…

  • Michela Raponi
    7 aprile 2014 alle 21:31

    Buonasera Ministro Lupi,
    questo tentativo di proporre qualcosa di buono per i giovani è sicuramente buono sulla carta ma inattuabile nella realtà… le giovani coppie hanno bisogno di aiuti seri, e stabiliti dallo stato, e non lasciati a discrezione delle banche che hanno e avranno sempre il potere di decidere le condizioni… oggi sono stata in 3 banche (BNL, INTESA SAN PAOLO e UNICREDIT), tutte completamente ignare di cosa fosse questo PLAFOND e soprattutto impreparate sui tassi agevolati che si dovrebbero avere in virtù di queste “presunte” agevolazioni… credo sia ora di smettere di illudere i giovani e la brava gente che tutti i giorni lavora per poco più di 1000 € al mese… basta scherzare con i sogni della gente. VOGLIAMO TRASPARENZA E UN CAMBIAMENTO VERO! Amo l’Italia, ma per questa e molte altre cose avrei voglia di espatriare… CI DIA DELLE RISPOSTE IMMEDIATAMENTE SIG. MINISTRO!!!

    • Alessandro Mari
      8 aprile 2014 alle 12:24

      Concordo in pieno con il commento della Sig.ra Michela Raponi , nessuna banca è operativa con il Plafond Casa e la cosa più inquietante e che dicono che non verrà mai applicato ! Ministro Lupi cosa vogliamo fare ?

      • Michela Raponi
        10 aprile 2014 alle 15:08

        Ministro Lupi… la gente e soprattutto la nostra generazione vuole e pretende trasparenza! Non si vive di pane e illusioni! Per favore, dia un segnale di cambiamento…

  • pippo
    7 aprile 2014 alle 13:51

    Buongiorno,vale lo stesso discorso per Cariparma a Roma (zona portuense).
    Ad oggi ,che si vada dal direttore o allo sportello la risposta e la solita “NON HANNO INFORMAZIONI in merito dalla loro banca centrale ” pertanto ti possono proporre solo i loro tassi del 2.50 per i primi 24 mesi.

    • Maurizio
      8 aprile 2014 alle 09:41

      Cariparma non è nella lista delle banche aderenti.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Paolo Parrello
    7 aprile 2014 alle 12:16

    Salve,

    in questi giorni sono stato in due filiali di Intesa San Paolo a Roma, e mi è stato detto che si, hanno aderito al Plafond Casa ma non si sa nulla sulle modalità di applicazione. Non capisco se sia ostruzione o meno per erogare questi mutui. Ci vorra molto?

    Filiale Via Trionfale 8660 Roma, Via Giorgione 93 Roma

    Cordiali Saluti

    Paolo Parrello

  • Alessandro U
    6 aprile 2014 alle 19:47

    Cari tutti,
    ho il piacere di condividere con voi la mia breve esperienza con il plafond casa dal punto di vista di giovane coppia che richiede il mutuo per la prima casa.

    Circa una settimana fa siamo andati alla banca Intesa San Paolo dove non sapevano minimamente cosa fosse il plafond casa. Se non altro hanno avuto la curiosità di informarsi al momento, navigando su internet, e ci hanno “rimandato” ad Aprile perché ancora non attivo e dovevano capire le modalità di applicazione.

    Successivamente siamo andati da Unicredit dove siamo stati sostanzialmente ignorati e ci è stato detto che è praticamente impossibile ottenere un tasso di interesse più basso di quello da loro proposto.

    Egregio Ministro Le chiedo di poter far chiarezza sulla concretezza di questa iniziativa, per avere almeno la possibilità di parlarne con le banche invece di veder cadere dalle nuvole l’impiegato di turno. Grazie.

    • Maurizio
      7 aprile 2014 alle 09:49

      Nel frattempo ci riuscite a dire in quale filiale?
      Grazie Carlo per Maurizio Lupi

      • orazio pisaturo
        7 aprile 2014 alle 11:20

        Egregio ministro lupi come puo vedere nn sono il solo ad essere preso in giro dalle banche bcc di battipaglia e intesa sanpaolo salerno ancora loro nn sanno nulla di questo plafond…mi chiedo chi dovrebbe divulgare la notizia in tutti i casi loro offrono i loro prodotti e no quelli dello stato….se veramente ministro lei vuole aiutarci ci metta in condizione di andare alla banca d’italia invece di andare a banche private….le banche fanno finta di nulla sempre stato cosi….lo stato si deve svegliare e attivare una banca di stato.

    • Andrea Rossi
      7 aprile 2014 alle 16:21

      Confermo l’esperienza qui sopra riportata, nella filiale di Siderno (RC) della banca Intesa San Paolo. La banca risulta aderente al Plafond ma non hanno alcuna indicazione in merito. Il responsabile davanti a me ha effettuato diverse telefonate ad altre filiali, di competenza maggiore ma la risposta non è cambiata Q!

    • DomenicoGiammarelli
      7 aprile 2014 alle 18:08

      E dopo che vi diciamo in che filiale ci han risposto in tal modo, cambierebbe qualcosa?????Non penso che sia qualcosa che riguarda la “singola filiale” visto che tale atteggiamento di ignoranza nei confronti del Plafond Casa da parte degli impiegati è estremamente diffuso in tutta Italia……

  • Gabriele Trianni
    6 aprile 2014 alle 08:55

    Purtroppo questa iniziativa sembra veramente inefficace. Giovedì 3 aprile son stato da Unicredit e mi hanno detto che non esiste un mutuo del genere.
    Inoltre, guardando i fogli informativi pubblicati e leggendo le esperienze delle altre persone che hanno commentato su questo forum, le banche utilizzano degli spread che sono in realtà maggiori a quelli di mercato.
    Con altri istituti, senza agevolazione, posso richiedere un mutuo 30ennale con spread del 2,5 o inferiore.
    Insomma NESSUN VANTAGGIO tramite questa finta agevolazione!

    • Maurizio
      7 aprile 2014 alle 09:50

      Puoi dirci in che filiale? Grazie
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Gabriele Trianni
        7 aprile 2014 alle 12:32

        Il problema non sono le filiali o la persona che è allo sportello. Il problema vero è come è stata scritta questa “convenzione” che non dà delle indicazioni chiare alle banche su quali tassi “agevolati” applicare.
        Ripeto, senza passare dai mutui plafond casa chiunque può avere degli spread inferiori di quasi un punto…

  • Giovanni
    5 aprile 2014 alle 07:43

    04/04/2014 Banca Sella Brindisi. Offerta di mutuo pari al 70% del valore dell’immobile e durata massima del mutuo 15 anni non di più. Valore immobile € 60,000. Quindi il finanziamento e solo di € 42,000 ne dovremmo trovare altri € 18,000 più altri € 4,500 per notaio e burocrazia. Totale € 22,500 da mettere in contanti di tasca proprio. Grazie.

  • maria
    4 aprile 2014 alle 18:32

    Salve, mi sono rivolta alla mia banca (INTESASANPAOLO)settimana scorsa, idem non hanno notizie in merito al plafond, mi hanno liquidata dicendomi che si sarebbero informati e inviato in mail le informazioni.
    Sto’ ancora aspettando.

    • Maurizio
      7 aprile 2014 alle 09:53

      Posso chiedere in che filiale? Grazie
      Carlo per Maurizio Lupi

  • maria
    3 aprile 2014 alle 18:49

    la mia domanda è, sono sposata in separazione dei beni mi è stato riferito che non posso accedere al plafond perchè se faccio il mutuo cointestato non posso intestare l’abitazione solo a mio marito MA AD ENTRAMBI. Sarà vero? E la tempististica delle banca sarà 30 gg. SELLA

  • Andrea Rossi
    3 aprile 2014 alle 08:11

    Salve, ieri 3 Aprile 2014 Mi sono recato presso la locale filiale di Intesa San Paolo. Le parole del direttore sono state queste: Nonostante la banca figuri nelle banche aderenti al Plafond Casa, in realtà non lo applicherà MAI poichè le condizioni proposte dal Plafond non sono applicabili dalla banca in tempo di spendig review ( e mi dice poi, non le applicherà mai nessuna banca) Allora gli chiedo, ma perchè avete aderito . . . Mi ha fatto un sorrisetto e non mi ha dato risposta ! Ma allora è tutta una barzelletta ?

    • Maurizio
      3 aprile 2014 alle 12:50

      Segnalazione inoltrata al Ministro.
      Carlo per Maurizio Lupi

    • Giovanni
      3 aprile 2014 alle 18:17

      Fino ad’oggi sembra di si perché di tutte le cose dette del plafond cioè mutui fino al 100% del valore dell’immobile, tassi d’interesse vantaggiosi ecc.. sono solo barzellette visto quello che dicono le banche fino ad oggi. Il compiti del plafond sono solo due far lavorare le banche e concedere mutui a lunga durata fino a 30 anni con maggior tasso di interessi. Per ora sembra l’unica cosa che fa il plafond.

    • mario castiglione
      4 aprile 2014 alle 00:58

      caro andrea,
      anche nel mio paese (Lamezia Terme), la situazione è analoga, vai nelle banche convenzionate e ti prendono in giro e le risposte date sono praticamente le stesse che hanno dato a te, tutto questo è molto triste…caro ministro perchè accedere alla CDP utilizzando i ns risparmi e poi i direttori delle varie filiali ti mortificano facendoti capire che non ti daranno mai la possibilità dell’accesso al credito? Perchè se acquisto casa attraverso un mutuo non posso smaltire i costi del notaio? Se lo stato fa da garante alle banche per il 50% del capitale attraverso i ns risparmi perchè le banche devono finanziarti nella migliore delle ipotesi l’80%…..Se il 50% lo garantisce lo stato il 20% deve essere anticipato dall’acquirente oltre l’ipoteca dell’immobile, il rischio delle banche si assume pari al 30% con la possibilità di un utile pari a quasi l’80% visto che se chiedi €100.000 in 30 anni ne devi restituire 180.000…. è facile fare impresa in questo modo? quando ripartirà cosi facendo il mercato immobiliare? Ministro a Lei il compito di tramutare con concretezza le promesse fatte, altrimenti lascerà solo un pessimo ricordo!

    • Mariangela
      4 aprile 2014 alle 09:58

      ………….senza parole!!!!

  • alessandro albertin
    2 aprile 2014 alle 16:59

    Spettabile Ministro

    Oggi ho avuto il colloquio con il direttore della banca unicredit di piazzola sul brenta(Pd) e stupore non sapevano del finanziamento al 100% ma di solo 80% per il plafond casa.La mia domanda è ministro Lupi ci sta prendendo in giro oppure ho trovato una persona incompetente nel fare il suo lavoro? Questa situazione non li farà crescere la credibilità e sarà valutato anche Lei caro ministro uno come uno dei tanti che parla tanto e alla fine fa niente. solo fumo niente arrosto peggio per la sua campagna elettorale. non siamo idioti.

    • Maurizio
      3 aprile 2014 alle 12:51

      Segnalazione inoltrata al Ministro.
      Carlo per Maurizio Lupi

    • Giovanni
      4 aprile 2014 alle 08:27

      Ciao no il responsabile della banca non e stato un’incompetente. Tutt’oggi nessuna banca finanzia il 100% come lo prevede il plafond e come ha dichiarato il nostro stesso ministro. Speriamo soltanto che sia una condizione momentanea come lo e stato per l’adesione delle banche altrimenti e una presa in giro. Il tempo ci darà l’esito. Io spero che quanto detto dal ministro venga fatto perché se l’ha detto vuol dire che vuole farlo. Aspettiamo un po’.

  • Giovanni
    1 aprile 2014 alle 15:26

    Signor. Carlo capisco il suo compito. Ma per favore può chiedere al Signor.Ministro Lupi di sistemare la questione del 100% finanziabile? Per favore Io ho 24 anni sono disoccupato mio padre e inesistente dalla nascita e non mi ha mai dato € 1,00 mia mamma gli ha fatto causa perché e in giusto che un padre non si prenda le sue responsabilità e nonostante tutto non ha ancora ottenuto € 1,00. Sono stato cresciuto interamente con gli sforzi di mamma senza aiuto di nonni o parenti. Mia mamma invalida al 67% ancora non riconosciuta da l’inps e con domanda bloccata per un errore commesso da inps e il sindacato sta cercando di risolvere attesa già 2 anni. Non ho nonni materni perché morti entrambi. Con noi abita mio zio disabile al 100% che va seguito. I soldi che prende sono € 800,00 Abitiamo in case popolari senza luce nelle scale senza ascensore e con gente pessima. Come facciamo a comprare casa se poi abbiamo bisogno del restante 30% più spese notaio? Da dove li prendiamo il resto dei soldi? Dov’è questo aiuto? Voi dite che che il vantaggio sono i 30 anni ma il resto delle promesse scritte? Perché avete detto che si potrà avere anche il 100% del valore dell’immobile se invece non e così? Per favore per favore prendetela a cuore questa cosa.
    Se e così sia così altrimenti modificate quanto detto. Una persona vede le case alla fine trova quella che fa al caso suo a pochi mila euro e poi rimane male sentendosi dire che c’è bisogno del restante 30% dove lo prendiamo che non ne abbiamo? Noi siamo gente povera come la maggior parte che ha commentato sopra che prende 1000 euro o meno al mese. Aiutateci di cuore per favore. Spero in una risposta concreta al più presto. Almeno per chi ha davvero bisogno del 100% del finanziamento e che magari può provarlo mediante documenti reddituali. Spero in un aiuto concreto vogliamo una casetta nostra piccola e modesta che costi max 60,00 mila euro ma non abbiamo il resto dei soldi contanti. Almeno fatelo per le coppie giovani e per chi è disabile e che davvero non ha nessun aiuto economico. Una coppia giovane come può avere il 30% contanti? Lo possono avere magari da nonni materni e paterni ma io non ho nemmeno quelli. I paterni sono peggio di mio padre inesistenti.

  • mario castiglione
    1 aprile 2014 alle 12:49

    l’ultimo incontro avvenuto ieri con Banco di napoli. Nei giorni precedenti (dal 31.03) abbiamo avuto incontri con e Unicredit. Tutti in Calabria, Lamezia Terme-Crotone.
    Risultati:
    nessuna banca finanzia il 100%;
    BANCO DI NAPOLI/INTESA S.PAOLO non ne sanno nulla;

    Non è giusto che si continui a fare propaganda politica alle ns spalle, non siamo un popolo di caproni, Caro Ministro se solo lo Stato credesse veramente in questa proposta come è stato fatto x i debiti della PA, allo stesso modo e con lo stesso sistema del recupero del debito le banche dovrebbero facilmente erogare questi benedetti crediti…ma ci volete venire in contro una buona volta!!!!!!

  • Stefano C.
    1 aprile 2014 alle 10:52

    Tutta questa manovra è fasulla.
    non fatevi abbindolare dalla solita propaganda politica (ci sono le europee a breve).
    – nessuna banca concede il 100% della quota, cosa che veramente interessa a chi è in crisi in questo momento.
    – le banche offrono degli spread ben peggiori delle loro offerte normali (Sella 3,00% Unicredit 3,30% con variabile Plafond Casa).
    – ogni banca può finanziare fino a 150 milioni di mutui, ma se i mutui non arrivano quei soldi rimangono nelle tasche delle banche.

    Insomma il solito inghippo per far arricchire le banche e lasciare i cittadini a bocca asciutta.

    Grazie ministro Lupi.

  • istituto torinese immobiliare
    1 aprile 2014 alle 10:44

    LE BANCHE CONTINUANO A RISPONDERE DI NON ESSERE PRONTE A PROCEDERE AL CARICAMENTO DELLA PRATICA PER IL PLAFOND CASA, ALLO MI CHIEDO SE NON SI PUO’ FARE PERCHE’ CARO MINISTRO CONTINUA AD ILLUDERE LE PERSONE DI POTER ACQUISTARE LA CASA DEI PROPRI SOGNI CON TASSI AGEVOLATI QUANDO AL MOMENTO NON E’ ASSOLUTAMENTE POSSIBILE? IO HO UN’AGENZIA IMMOBILIARE E “GRAZIE AI SUOI ANNUNCI” HO DIVERSE PRATICHE BLOCCATE CHE AVREI POTUTO CONCLUDERE CON MUTUI ORDINARI…NO, CARO MINISTRO..ADESSO VADA NELLE BANCHE CONVENZIONATE E SE NE OCCUPI PERSONALMENTE! ATTENDO RISPOSTA. GRAZIE LOREDANA

  • alessandro lo verso
    31 marzo 2014 alle 23:44

    Sono stato in Banca Sella. Grazie all'”agevolazione” mi hanno offerto un variabile con spread 2,80% ed un fisso a 5,50% ahaha..però solo perché c’è di mezzo la CDP ahahah.
    Sono stato in altre tre banche ed ho l’ok a procedere.
    Senza dire GRAZIE A NESSUNO spread a 2,10% o fisso taeg a 5,10%.
    LUPI QUESTA MANOVRA NON …MENO PORTA A PORTA PIU’ CASA PER CASA.

    • Stefano C.
      1 aprile 2014 alle 10:48

      Si però se mi dici che hai preso il mutuo Credem con spread a 2,10% devi anche essere onesto e dire che non è per tutti.
      Chiedono il 50% in contanti e massimo rimborso in 20 anni.
      Oppure sei riuscito ad avere spread 2,10% con un altra banca? Grazie

    • M A
      1 aprile 2014 alle 13:16

      Caro Alessandro, potresti p.f. dire anche a noi con che banche hai trovato queste offerte? Ci risparmieresti ore (se non giorni) di ricerca! grazie mille! ;)

    • Domenico Giammarelli
      1 aprile 2014 alle 16:03

      Scusi, quali sarebbero queste banche?Banca Sella ha esposto online le sue condizioni sul plafond casa…ma di altre banche non ho notizie…

  • Stefano C.
    31 marzo 2014 alle 13:51

    Siccome come sempre Unicredit è cosi “trasparente” da mettere le notizie ben visibili sul proprio sito, vi passo il link per accedere alle condizioni che propongono per Plafond Casa

    • Stefano C.
      1 aprile 2014 alle 10:46

      semplicemente per farvi vedere che sono vergognose (spread al 3,30% per il variabile)

  • albertin alessandro
    30 marzo 2014 alle 09:48

    Salve,
    Leggendo i commenti di sopra sono un po’ preoccupato in quanto fra tre giorni ho l’appuntamento con la banca unicredit per il mutuo agevolato. Spero di non dover scrivere anch’io la mia scontentezza. Carissimo ministro mi auguro che veramente ha sistemato tutto e che possiamo accedere a questo tipo di mutuo. In bocca al lupo a tutti!

  • valentina iaia
    29 marzo 2014 alle 15:07

    l’ultimo incontro avvenuto ieri con Banca Sella. Nei giorni precedenti (dal 24.03) abbiamo avuto incontri con Intesa San Paolo,Credito di Cambiano e Unicredit. Tutti a Firenze e provincia.
    Risultati:
    nessuna banca finanzia il 100%;
    Unicredit non ne sapeva nulla;
    Intesa non ne sapeva nulla.
    Chiedo cortesemente di diffondere una lista chiara e sintetica delle banche che “effettivamente” aderiscono all’iniziativa e chiedo un organismo di controllo su quello che sta succedendo.
    Non è giusto per chi ci ha messo la faccia (ministro) e per chi giorno dopo giorno si deve relazionare con consulenti bancari incompetenti a cui bisogna spiegare persino di cosa si tratta…perdendo ore di lavoro e pazienza.

  • Daniele Lucà
    29 marzo 2014 alle 08:33

    Salve, anche io, eccitato ed entusiasta della presunta novità del plafond casa 2014, mi sono recato inizialmente alla banca Intesa S. Paolo per vedere questo “grosso” vantaggio del plafond casa nonchè per assaporare il “segnale” che il minitro ha detto di dare ai presunti beneficiari del plafond. Anche in questa banca non sanno nulla.. o quanto meno aspettano condizioni operative dalla loro sede centrale che non gli sono ancora pervenute. Gli impegati, “nel dubbio”, non avevano neanche la più pallida idea di questo plafond! Ho fatto un giro on line per vedere se almeno le banche aderenti pubblicizzassero la presunta differenza tra i loro tassi standard e i tassi che verranno fuori da questo palfond! Neanche la minima traccia…
    Solo Banca Sella espone un documento on ine in merito e mostra come alla fine applichi uno sconto sul loro spread dello 0.30% (!) sul tasso varibaile e uno 0.50% (!!!) sul tasso finito (che parte dal 7.00%..). Insomma giudicate un pò voi..ancora una volta sarà la solita bolla di sapone che altro non farà se non far impazzire noi “popoletto di serie B” che tenta di comprare una casetta…con le poche risorse che ha cercando di beneficiare qualcosa e presi in giro da ìlla “Terra Promessa” che i nostri governi tentano di venderci ogni volta..
    Buona fortuna a chi ci prova.. sempre se non dovrà alla fine stare a guardare, come me, chi invece a colpi di “conoscenze” riesce ad accedere a condizioni che dovrebbero toccare a tutti

  • Francesco L'Abbate
    28 marzo 2014 alle 13:07

    Salve, ho visto ripetere svariate volte che la convenienza del plafond “è la possibilità di avere un mutuo della durata di 30 anni”.
    Vorrei informarla che ci sono banche che concedono mutui anche fino a 35 anni senza il plafond casa.
    Inoltre avendo letto attentamente la convenzione Plafond Casa, la convenienza deve risiedere in tassi più vantaggiosi rispetto alla normale pratica, con la possibilità di garantire mutui che coprano fino al 100% del valore dell’immobile.
    Saluti

  • Raffaele Andreozzi
    27 marzo 2014 alle 18:11

    Ciao a tutti.
    Il 21/03/2014 ho richiesto all’ex IACP di Trieste di acquistare l’alloggio che occupo dal 1982.La risposta che ho ricevuto ieri-posta certificata- è stata di diniego perché è il consiglio di amministrazione di tale ente a decidere quali sono gli alloggi da vendere.Da anni ve ne sono moltissimi risalenti ai primi anni 50 e ciò fa capire perché sono ancora là.Eppure il Ministro aveva detto anche in TV che gli inquilini delle case popolari-pago 600,00 al mese-possono richiedere di acquistare l’alloggio dove abitano.Come mai l’Ater ha risposto cosi?Allora non avrò mai una casa mia? Con i soldi che ho sborsato ne avrei comprata una anche migliore.Ora l’età….sono condannato a pagare a vita egregio Sig Ministro o l’ex IACP dovrà correggere..il tiro? Grazie

    • Giuseppe Anon
      3 giugno 2014 alle 12:58

      Ciao poi com’è andata a finire la faccenda?

  • Patrizia Pausche'
    27 marzo 2014 alle 15:49

    Salve, sono stata in tre Banche e precisamente Banca Sella, Unicredit e BNL. La prima alla richiesta sul Plafond Casa mi ha prospettato le condizioni per accedervi, ma nonostante avessi i requisiti necessari, non ho accettato perché le agevolazioni di cui tanto si parla erano inutili applicate ai loro alti tassi e spread. La seconda Banca non era informata sui dettagli relativi al Plafond e dopo un veloce consulto alle circolari, ha ugualmente prospettato dei tassi abbastanza alti nonostante “le agevolazioni”. La terza, ne aveva sentito solo parlare ma non c’era niente di fatto. Sono convinta dai fatti e non dalle parole che queste Banche hanno aderito al Plafond perché non hanno tassi concorrenziali e hanno sperato che in qualche modo li favorisse affinché i clienti si decidessero ad indebitarsi per la vita con loro. In seguito ho consultato un paio di Banche che non vi hanno aderito e che nonostante ciò avevano tra i tassi più bassi presenti sul mercato, ma ti ponevano dei paletti, per cui in ugual modo mi hanno limitato. La mia conclusione è che per l’ ennesima volta ci siamo illusi che qualcosa potesse favorirci e sopratutto sostenerci nel realizzare non i nostri desideri, bensì i nostri bisogni.

  • caterina coronetti
    27 marzo 2014 alle 11:10

    buon giorno, ieri mio marito si è recato presso l istituto bancario Sella di Verona dove ha chiesto informazioni per il mutuo Plandof Casa erano abbastanza informati ci hanno dato tanti fogli informativi dove spiega il tutto l’unico problema però che finanziano fino al 70 per cento dell immobile e i tassi non sono così convenienti come viene descritto. io mi chiedo dove sta sto mutuo a 100 per cento per le giovani coppie e solo un presa in giro tanto decidono sempre e solo le banche altro che aiuto per chi vuole acquistare casa.Spero che si faccia qualcosa per questa situazione siamo molto amareggiati

  • giuseppe berretta
    27 marzo 2014 alle 10:37

    BUONGIORNO, VOLEVO SOLO RENDERLA A CONOSCENZA CHE ANCHE IO HO FATTO VIVITA AD ALCUNE DELLE BANCHE SU CUTATE ,ED NON AVEVANO NESSUNA INFORMAZIONE IN MERITO AL PLAFOND CASA !!!!!.
    SPERO SI RISOLVA PRESTO LA SITUAZIONE PERCHE è L’UNICA SPERANZA CHE HO PER POTER ACQUISTARE CASA,E NON PAGARE PIù INUTILMENTE UN AFFITTO.

  • Luigi Moscarda
    27 marzo 2014 alle 10:26

    Sono appena uscito da una filiale di BNL-BNP, stessa identica risposta: “Stiamo aspettando le indicazioni operative, dovrebbero uscire entro fine Aprile”. Ma dove sta l’inghippo? Io non potrò accedere al plafond casa grazie a questo incomprensibile e ingiustificato ritardo, perchè i tempi concordati per la stipula del preliminare (vincolato alla delibera del mutuo) non mi permettono di aspettare fino a Maggio per far partire l’istruttoria. Che amarezza, quando le possibilità ci sono ma la macchina dell’inerzia le brucia.
    Auguro a tanti “beneficiari privilegiati” di essere più fortunati di me. Caro Ministro, la prossima volta inseriamo un disincentivo al ritardo nella convenzione ok?
    Una giovane famiglia DELUSA

  • Paolo Parrello
    26 marzo 2014 alle 15:29

    Tutto tace… attendiamo notizie per favore!!!
    Stiamo perdendo l’appartamento che le care banche hanno detto di trovare nel frattempo dell’adesione al plafond, se veramente volete risollevare un po la situazione è ora che si faccia i seri!!
    Ma perchè in questo paese la gente si diverte a complicare sempre tutto!!! Per voi politici è facile, guadagnate un sacco di soldi, pensate alle persone comuni che guadagnano 1000 euro al mese o poco più che farebbero di tutto per comprare un buco di casa.. ma se queste sono le aspettative.. decreti legge non attuati come dovrebbero, perchè noi italiani dovremmo credere in voi??
    Ve lo siete domandato??

  • Alessandro Mari
    26 marzo 2014 alle 12:10

    Salve, trovo Vergognoso che una legge dello Stato, volta ad aiutare le giovani coppie ad acquistare casa, soprattutto in questo moneto di particolare crisi, non riesca ad essere applicata in modo efficacie dopo oltre 3 mesi che è entrata in vigore ! Ministro ma la sua funzione qual’è ?

    GRAZIE

  • Domenio Giammarelli
    25 marzo 2014 alle 16:23

    Sto perdendo quasi le speranze……..Avevam trovato 2 case: una di questa, per aspettare i tempi delle banche l’abbiam persa, l’altra andrà via ben presto… Non solo non si sa nulla dall’incontro tenutosi il 20, ma oggi mi ha contattato il banco di napoli, dicendomi che finanziano l’80 % del prezzo d’acquisto…..
    Vero che dobbiamo “accontentarci” dei tassi, vero che c’è la garanzia dello stato, ma essendo beneficiari prioritari giovani coppie, famiglie numerose e persone con problemi di handicap in famiglia, non capisco come tali beneficiari possan metter di tasca loro il restante 20%………Tra l’altro il testo della Convenzione parla chiaro, finanziano fino al 100%…Fate qualcosa vi prego per smuovere queste banche……

  • DIANA NICOTERA
    25 marzo 2014 alle 14:43

    Buongiorno, anche a noi è successa la stessa cosa: sia presso Banca popolare di Lodi che presso Unicredit Banca (due fiiali), ci è stato detto che non c’era nessun tipo di mutuo al 100%, che questo plafond casa a loro era socnosciuto. Non ho parole.

  • Luigi Fichera
    25 marzo 2014 alle 14:40

    Buon giorno.
    La settimana scorsa io (27 anni) e mia moglie (31 anni), ci siamo recati presso l’ istituto bancario UNICREDIT di Tradate (VA).
    Abbiamo chiesto informazioni per quanto riguarda Plafond Casa , ma ancora non sapevano molto, cosî ci hanno detto che appena sapevano di piû ci avrebbero richiamati.
    Abbiamo ricevuto finalmente la risposta:
    “Noi dell’Unicredit abbiamo aderito al Plafond Casa, ma non stanziamo comunque il 100% del mutuo, abbiamo deciso di farlo al 80% (come del resto tutte le banche)”.
    La mia domanda è:
    Ma se davvero lo stato a stanziato 2 miliardi per le agevolazioni all’acquisto della prima casa, perchè le banche che aderiscono non permettono il 100% ?
    Quali sono le agevolazioni per le giovani coppie?

  • Carmen
    25 marzo 2014 alle 10:00

    Nessuna notizia dell’incontro del 20 Marzo tra Ministro, ABI e CDP?

  • Matteo Leccese
    25 marzo 2014 alle 00:49

    Buonasera,
    ho fatto richiesta del “Plafond Casa” al Credito Valtellinese, il primo approcio è stato:
    “ma noi non sappiamo nulla”, allora ho mandato a mezzo E-Mail, quanto riportato sul sito della “CDP”, adesso mi viene detto di attendere con fiducia, che la sede principale della banca, inoltri una circolare interna alle filiali x chiarire modi e disponibilità del servizio.

  • Samuele Gnali
    24 marzo 2014 alle 21:07

    Buonasera,
    mi sono recato da Intesa San paolo (come indicato sul sito della CDP è tra le banche aderenti: con mia moglie (entrambi 27 anni, reddito inferiore ai 35000 e per acquista casa in classe A+) e mi è stato risposto che la banca sta ancora aspettando da parte di non so chi i parametri con cui concedere o meno il plafond. Io so che sono mesi che se ne parla, che si indicano i parametri e che il regolamento è stato pubblicato ed è pubblico… quindi mi chiedo, sarà stata una scusa per declinare o altro?
    Nonostante sia specificato che il Plafond VA pubblicizzato e proposto da parte delle banche a chi chiede un mutuo, nessuna tra le decine di banche che ho visitato (tutte nella lista di quelle aderenti) mi ha proposto nulla, ho dovuto chiedere io e con stupore ho notato che ne sapevo più io di loro (almeno in apparenza).

  • Aurelio
    24 marzo 2014 alle 16:10

    Vi informo che la riunione del 20 u.s. non ha sortito alcun effetto.
    Il giorno 21 presso uno sportello Unicredit di Palermo, dall’addetta (che conosceva il plafond casa per sentito dire) mi è stato riferito che Unicredit ancora non aveva predisposto alcuna documentazione ne tanto meno aveva dato disposizioni in merito; pertanto devo essere io a controllare assiduamente il loro sito internet e dopo che ci saranno là le informazioni, posso prendere un appuntamento con gli impiegati addetti ai finanziamenti.

  • Massimo
    24 marzo 2014 alle 15:47

    Mi spiace dirlo, ma mi sembra l’ennessima presa in giro all’italiana… sono stufo di pagare tasse per mantenere gente come voi che non fa altro che parlare e MAI concretizzare qualcosa di buono per i cittadini!! a lavorare a 1.000euro al mese e poi vediamo come si mette, magari potreste capire quali sono le vere esigenze delle persone!! VERGOGNA!!!!!!!!

  • Francesco P.
    24 marzo 2014 alle 14:56

    Purtroppo, lasciando le banche libere di decidere, non cambierà proprio nulla…perchè saranno sempre loro a decidere se fare il mutuo e a che condizioni….quindi questo plafond casa…..non cambierà affatto la situazione italiana in merito alla difficoltà di accesso al mutuo…perchè tanto decidono sempre e solo le regnanti banche.

  • Aurelio
    24 marzo 2014 alle 10:27

    Come al solito, “parole” caro ministro o che per lei, l’incontro del 20 u.s. se c’è stato non ha prodotto effetti, tant’è che il 21 u.s. recandomi presso uno sportello Unicredit a Palermo, l’impiegata addetta, mi dice di aver sentito parlare di “plafond casa” ma che ancora ad oggi l’unicredit non ha predisposto nulla e non ha dato direttive in merito, pertanto di farmi risentire, comunque dopo che sul sito internet della banca ci siano notizie in merito alle mie richieste !!!

  • Paolo Di Fino
    21 marzo 2014 alle 18:24

    Salve anche io sono stato in unicredit per il plafond casa, ma effettivamente rispetto a ciò che era scritto a riguardo su condizioni, tassi e ciò che dovevano pubblicizzare e agevolare rispetto ai LORO prodotti standard non avviene e rimangono più convenienti quest’ultimi, mentre noi volevamo contrattare per prendere un mutuo a tassi più bassi dei soliti, senza spese istruttorie ed altro. Chi ha veramente bisogno ha bisogno di questo.

  • Domenico Giammarelli
    21 marzo 2014 alle 16:53

    Gentile Ministro, resto in attesa di notizie riguardo l’incontro tenutosi ieri tra CDP e Abi.
    Mi sono recato in diverse banche le quali hanno posto un limite massimo erogabile, pari al 70-80% del costo della casa da acquistare.
    Avendo letto però il testo della Convenzione, all’articolo 6.10 (pag.16) è espresso quanto segue:

    6.10 Fermi restando gli importi di cui al successivo Articolo 6.11, l’importo massimo in linea capitale di ciascun Finanziamento Beneficiario non potrà in alcun caso essere superiore al 100% del valore dell’Immobile
    Residenziale oggetto dell’ipoteca che garantisce il relativo Finanziamento Beneficiario quale risultante da apposita perizia acquisita dal relativo Contraente il Finanziamento in conformità alla prassi di mercato per operazioni della medesima specie”.
    Cosa ne pensa di questo? Possono le banche porre dei limiti sul massimo erogabile?Grazie

  • Giulio
    21 marzo 2014 alle 12:45

    Mi sono recato, con la mia compagna, presso gli sportelli Unicredit, MPS e Banca di Sondrio chiedendo di poter accedere al Plafond casa, dopo averci guardato come si guarda un marziano, ci hanno risposto che non ne sapevano nulla e ci hanno proposto un loro mutuo…

    • Maurizio
      21 marzo 2014 alle 18:12

      Segnalazione inoltrata al ministro che sta verificando con Abi e Cdp la corretta applicazione del Plafond Casa da parte delle banche.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Cristiano Bordo
    21 marzo 2014 alle 12:42

    Che cosa è stato detto nell’incontro di ieri con Abi?
    Perché le banche continuano a fingere che questo prodotto garantito dalla CdP non esista?
    Si tratta di ignoranza (grave) o di strategia pianificata (criminale)?

  • Alessandro Mari
    20 marzo 2014 alle 18:13

    Oggi 20 Marzo ci doveva essere l’incontro Tra il Ministro Lupi, L’ABI e la CDP. Abbiamo notizie in merito ?

    GRAZIE

  • Renzo Pirisi
    20 marzo 2014 alle 17:51

    Buonasera

    Da tempo seguo questo accordo tra CDP e ABI. Tirando le somme possiamo dire che si tratta più che altro un accordo tra due società per azioni che come scopo primario hanno da guadagnarci (legittimo) ma con soldi semi-pubblici (se non sbaglio cdp li prende dai correntisti delle poste?). Tutto legale per carità ma mi sembra improprio definirlo un’intervento pubblico, di seguito alcuni punti di debolezza:

    I Tassi vengono dall’assunto di caricare tutto il rischio sul mutuatario, non mi sembra di vedere nessuna agevolazione.

    Le Garanzie, a parte il fatto che in caso di mutuo ipotecario ne vengono richieste molte, sarebbe stato molto utile chiarire alle banche che in questo caso non sono necessarie, essendo l’importo coperto da cdp e cartolarizzabile.

    Non siamo stupidi signor Ministro e capiamo che trattare con le banche non è semplice, ma le dico questo: quando cdp e abi verranno da lei al ministero gli ricordi a quanto ammonta il LORO debito nei confronti dello stato (mi sembra iva per qualche miliardo ma potrei sbaglare)

    Concludo dicendo che non mi sembra strano se allo sportello gli impiegati non parlano di plafond casa preferendo erogare i LORO prodotti ricordiamoci che le banche non sono delle onlus.

    Infine Auguri al Ministro per la sua riunione con CDP e ABI tutti speriamo in un incontro che dia dei “buoni frutti” (a noi cittadini si intende)

  • Domenico Giammarelli
    20 marzo 2014 alle 16:13

    Fiducioso in una svolta per questo Plafond Casa (spero solo che l’appartamento trovato non scappi via perché sto aspettando troppo) chiedo solo di darci ragguagli sull’incontro di oggi tra CDP e Abi.
    Grazie anticipatamente.

  • Mariangela
    20 marzo 2014 alle 15:08

    Non ho parole!

    Come già detto da altri la convenienza è inesistente:
    – mutuo a tasso fisso: TAEG da 7%
    – mutuo a tasso variabile: TAEG da 3,6%
    – importo finanziabile: max 70%

    ………….significa che per comprare una casa da 100000 € (se esiste!!!) una giovane coppia, una famiglia numerosa o con un disabile, deve avere 30000€ cash!!!! Ma di che si parla???? Mi chiedo perchè???? Perchè illudere così le persone? queste sarebbero categorie che si presume abbiano delle spese consistenti e non categorie che riescono a mettere 30000 da parte………e poi se il plafond prevede che si finanzi fino al 100% non vedo perchè nessuna banca lo preveda……..praticamente le condizioni che si leggono sul sito CDP è come se non esistessero!

    Grazie …..grazie …..grazie dell’ennesimo fumo negli occhi, dell’ennesima delusione di riuscire finalmente a comprare una casa un po piu grande di 70 mq per 5 persone!

    Tuttavia fino alla fine spero ci sia una spiegazione razionale a tutto ciò……..

    • salvatore
      21 marzo 2014 alle 11:22

      Signora Mariangela,condivido pienamente quello che ha scritto e solo fumo negli occhi e sicuramente il ministro lo sta cominciando a capire “forse”

  • Cinzia Gorno
    20 marzo 2014 alle 09:41

    Buongiorno,

    sto acquistando la mia prima casa insieme a mio marito e ieri ci siamo rivolti ad Unicredit per avere informazioni sul mutuo. Quando ho fatto presente che avremmo voluto fare domanda per il Platfond Casa come beneficiari prioritari in quanto giovane coppia, mi è stato risposto che la banca aveva aderito a questa iniziativa, ma si tratta della solita bufala italiana poiché l’accordo prevede che la banca garantisca uno spread del 3%, mentre sarebbe più vantaggioso per noi accettare la loro offerta Mutuo valore Italia con spread al 2,25%.

    A chi devo credere???

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 12:53

      Gentile Cinzia, il vantaggio del Plafond Casa non è nel tasso ma nella possibilità di avere un mutuo anche fino a 30 anni con garanzie solide. In questo momento il sistema bancario non concede più mutui quindi è una leva importante.
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Paolo Parrello
        20 marzo 2014 alle 14:58

        Gentile Carlo,
        non è vero che il vantaggio è SOLO nella durata, ma nei tassi e nella percentuale di erogazione dei mutui come da decreto legge.
        “Il Plafond casa mette a disposizione 2 miliardi di euro per sostenere il mercato immobiliare residenziale. I cittadini potranno così richiedere mutui a tassi agevolati per l’acquisto dell’abitazione principale.”
        “I finanziamenti potranno arrivare fino al 100% del valore dell’immobile residenziale oggetto di ipoteca o dell’operazione di ristrutturazione. Tipologia di tassi: sia fisso che variabile.”
        “E’ previsto un meccanismo di controllo affinché il minor costo di funding per le banche arrivi effettivamente alle famiglie: nei contratti, le banche sono tenute ad esplicitare il tasso a cui si sono finanziate presso la Cdp e lo sconto che verrà riconosciuto ai mutuatari rispetto alle condizioni standard applicate dalla banca per analoghi finanziamenti erogati con provvista diversa da quella del suddetto plafond.”
        “Classi A,B,C: da gennaio 2 miliardi per mutui con garanzia dello Stato Coperto fino al 50% del capitale e tassi agevolati per le prime case.”

        Almeno questo è quello che è stato diffuso.

        Cordialmente,

        Paolo Parrello

  • Marco
    20 marzo 2014 alle 08:58

    salve ancora oggi le banche non sanno niente del plafond casa io stesso sono andato all’unicredit e non mi hanno saputo rispondere cosa si dovrebbe fare???

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 12:57

      Segnalazione inoltrata al ministro.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Gabriele
    20 marzo 2014 alle 00:50

    Gentilissimi,
    ma avete dato un occhio alle condizioni applicate dagli istituti che hanno aderito al Plafond? Come già detto da altri la convenienza è inesistente:
    – mutuo a tasso fisso: TAEG da 7%
    – mutuo a tasso variabile: TAEG da 3,3%
    – importo finanziabile: max 70%
    Mi pare davvero una grande sciarada!
    Per favore almeno controllate e dimostrateci il contrario…
    2 miliardi di euro, sia chiaro, sono 50 anni di stipendi di 10000 persone che guadagnano 1000 euro al mese!
    Questo è quello che state dando alle banche… e per cosa???
    Grazie.

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 12:54

      Per riprendere a concedere mutui a lungo termine, che è il vero vantaggio del Plafond Casa. Cosa che in questo momento le banche non fanno più (credit crunch etc.).
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Gianpiero De Franco
        21 marzo 2014 alle 22:02

        Buonasera Carlo,
        secondo noi il vero vantaggio non sta solo nella lunga durata del mutuo, anche perché i tanti prodotti che offrono le banche arrivano a 25/30 anni.
        Il vero vantaggio si ha sugli interessi, visto che rappresenta il costo del mutuo, è più sono bassi e meglio è per noi. Altro punto fondamentale è la percentuale di finanziamento. Se le banche continueranno a finanziare max 70%, la vedo dura per noi giovani. Perché non dimentichiamoci che dobbiamo mettere in preventivo anche spese come ad esempio notaio, agenzia immobiliare ecc..
        E poi mi sembra assurdo che ad oggi siamo informati più noi cittadini che gli impiegati delle banche.
        Grazie.

  • Sergio Russo
    19 marzo 2014 alle 21:52

    Anche oggi pomeriggio sono stato in una delle tanti filiali Unicredit e mi hanno detto che nn sapevano dell’esistenza del plafond casa e che lo stavano apprendendo da me. A tutt’oggi non hanno avuto nessuna informativa sul plafond.

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 12:58

      Segnalazione inoltrata al ministro anche in previsione dell’incontro di oggi con Abi e Cdp.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Nicola De Domenico
    19 marzo 2014 alle 21:47

    Buonasera,
    sono stato in 3 banche che aderiscono al PLAFOND ma non ne conoscono l’esistenza, un ennesima presa per il c… per noi cittadini.

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 12:58

      Segnalazione inoltrata al ministro anche in previsione dell’incontro di oggi con Abi e Cdp.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Carmine Leo
    19 marzo 2014 alle 20:58

    salve ministro,
    il mio quesito è semplicemente questo: Ma esiste il “Plafond casa”??? è mai possibile che tutte le banche interpellate in merito nessuno sa niente??? è l’ennesima favoletta raccontata agli ITALIANI???? (mi sa di si….) grazie per tutto quello che fate per noi ITALIANI!!!! oggi comprare una casa è diventato un lusso! povera ITALIA!

  • CLAUDIO RICCI
    19 marzo 2014 alle 16:42

    Buongiorno,
    mi chiamo Claudio Ricci, ho 31 anni e vorrei acquistare una casa insieme a mia moglie, mia coetanea. Le banche fanno molte difficoltà, che cosa posso fare per avere il mutuo senza stress ?

  • Valentina Cavallaro
    19 marzo 2014 alle 16:08

    Salve,
    anch’io e il mio compagno è da mesi (almeno dicembre) che ci rechiamo in diversi istituti bancari in provincia di Catania, ma nessuno, e dico NESSUNO, era a conoscenza di queste agevolazioni! Io vorrei sottolineare che dedidere di acquistare casa in un periodo in cui le speranze riposte nel nostro paese sono davvero poche è un’impresa assai ardua. Ma lo è ancor di più quando gran parte dei giovani, miei coetanei, decide di non credere più in un futuro in Italia e di cercare “fortuna” (se vogliamo chiamare così una vita e un lavoro dignitoso) all’esterno. Quindi sponsorizzare tanto un prodotto che è INACCESSIBILE non ha senso! é l’ennesima illusione che questa politica fa ai cittadini, l’ennesima presa in giro!

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 13:00

      Segnalazione inoltrata al ministro anche in previsione dell’incontro di oggi con Abi e Cdp.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • giovanni musacchio
    19 marzo 2014 alle 16:01

    Il problema principale, caro ministro, è che il senso di questa iniziativa doveva essere di permettere, a coloro che non riuscirebbero a prendere un mutuo, di riuscire ad acquistare la loro prima casa: ovvero PRECARI e SENZA RISPARMI (quindi mutuo del 100%) attraverso la garanzia statale. Invece, pare non sia cambiato nulla. Le banche non erogano il 100% e chiedono garanzie come sempre. Il plafond servirà a far prendere il mutuo a chi già poteva prenderlo, magari con un piccolo vantaggio sul tasso.
    Mi dispiace di essermi illuso di nuovo (la prima volta è stato con il fondo casa della Meloni – apposta per coppie giovani e precarie che però le banche facevano finta di non conoscere)
    Giovanni

  • Carmen
    19 marzo 2014 alle 12:57

    Mi sono fatta un giro delle banche, Unicredit non sa niente, Banca Intesa (mi hanno detto che dovevo portare io la pratica in banca e dire loro quali fossero le condizioni) e Banca Carige ancora non sa se aderisce.
    Volevo sapere visto che le giovani coppie sposate e conviventi sono stati indicati come beneficiari prioritari, noi che siamo una giovane coppia di fidanzati in attesa di sposarci dopo aver comprato casa…possiamo usufruirne lo stesso?

    • Maurizio
      20 marzo 2014 alle 13:00

      Segnalazione inoltrata al ministro anche in previsione dell’incontro di oggi con Abi e Cdp.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Sabrina
    18 marzo 2014 alle 17:57

    Buongiorno,
    io e mio marito vorremmo acquistare casa ma in TUTTE le banche in cui siamo stati, ancora non sanno nulla del Plafond casa. L’unicredit e l’intesa San Paolo ci hanno fatto sapere che hanno “sentito” parlare del plafond casa ma che non hanno direttive su come procedere e non sanno darci tempistiche. Si riesce a sapere entro quando le banche potranno erogare questi mutui agevolati?
    Grazie

  • Agostino
    17 marzo 2014 alle 18:40

    Gentilissimo MINISTRO, potrebbe dirci dove andare per accedere a questo benedetto plafond casa?
    Le costa molto fare questa telefonata all’abi per smuovere questura ennesima truffa nei confronti degli italiani?
    Oggi é 17 marzo, non pensa siano abbastanza due mesi e mezzo di attesa?
    …..si ricordi che quello che offre Banca sella, al 70% del prezzo di acquisto! NON COSTITUISCE ALCUN VANTAGGIO……ANZI!
    Buona serata……ancora in attesa….

  • Domenico Giammarelli
    17 marzo 2014 alle 18:05

    Ancora nessun segnale parte delle banche…….
    Una domanda: ma queste ultime hanno un massimo finanziabile? Banca Sella afferma fino al 70 %…….

  • Alessandro Mari
    17 marzo 2014 alle 12:52

    Salve, intanto vorrei chiedere lumi sulla differenza di Banche Aderenti e Banche contraenti; poi segnalo che oggi 17 Marzo 2014 sono stato in Banca Monte dei Paschi di Siena, Unicredit, Banca Intesa ed Ubi banca (Carime), tutte e ripeto tutte non sanno assolutamente nulla sul Plafond casa, nonostante esse compaiano in almeno una delle 2 liste, elencate in precedenza.

    Distinti Saluti.

  • laura vignoni
    17 marzo 2014 alle 12:40

    TUTTI QUANTI VANTATE LA BANCA SELLA, MA SOLO IO MI SONO ACCORTA CHE SUL TASSO VARIABILE TALE BANCA APPLICA IL 3,30% (CONV.CDM)DI TASSO COMPLETO RISPETTO AGLI ALTRI TASSI VARIABILI PREVENTIVATI (CON STESSE CARATTERISTICHE) SU http://WWW.MUTUIONLINE.IT CHE PARTONO DA 2,56%?
    NON PARLIAMO DEL TASSO FISSO.

    PER LOGICA IL TASSO AGEVOLATO DEL PLAFOND DOVREBBE ESSERE INFERIORE AL 2,56% PREVENTIVATO E DI MERCATO.

    ATTENDO CHIARIMENTI SPERANZOSA.
    LAURA

  • Fiorenzo Bacchiocchi
    17 marzo 2014 alle 09:49

    Caro ministro penso che questi mutui siano solo per gli amici degli amici, in quanto le banche non sanno niente o fanno finta tanto che alla fine soltanto gli eletti vicino a qualcuno beneficerà del mutuo.
    Insomma come si fà ad accedere al mutuo?

  • Sergio Russo
    15 marzo 2014 alle 19:35

    Salve MInistri, ancora oggi recandomi in banca gli impiegati non hanno ancora nessuna informazione in merito al plafond. Io sto per comprare casa e vorrei accedere al Plafond. La mia domanda è: Quando posso recarmi c/o una delle banche aderenti per poter accedere al mutuo Plafond Casa? Ci sono date certe?

    • Maurizio
      18 marzo 2014 alle 12:28

      Gentile Sergio, che banca era?
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Sergio Russo
        18 marzo 2014 alle 15:52

        Diciamo che ho girato un bel po’ di banche. Le ultime tre erano Unicredit, Intesa San Paolo e MPS

  • Mauro
    15 marzo 2014 alle 12:13

    Salve a tutti,

    anch’io sono entrato in alcune banche aderenti ma nessuna di queste è informata sul plafond casa.

    Vorrei capire se è le banche non sono davvero al corrente di queste informazioni oppure se stanno facendo di tutto per non farci accedere a questa agevolazione.

    Trovo del tutto una presa in giro

  • Francesco Napoli
    15 marzo 2014 alle 11:17

    Gentile ministro,
    il plafond casa potrebbe essere una svolta per noi giovani. Noi siamo una coppia di 28 anni con un figlio di 3, lavoro a tempo indeterminato. Rientriamo in tutti i parametri richiesti, per questo ho bloccato la trattativa con una banca che mi stava offrendo un taeg variabile al 4%.
    Tornato dopo 2 mesi, in cui la stessa banca ha aderito (sulla carta) al plafond, il responsabile del settore famiglie non sa niente degli incentivi, non crede che il taeg possa diminuire, addirittura mi sconsiglia di credere in questi fondi.
    Successivamente passo da altre 3 banche aderenti (tutte grosse banche), e le risposte sono ancora peggiori. L’unica che sapeva del Plafond mi ha proposto un taeg del 4,20%.
    Signor Ministro, a che gioco stiamo giocando??

    Gradirei una risposta
    Grazie, Francesco Napoli

  • Marino
    14 marzo 2014 alle 22:23

    Buonasera non capisco quale sia la logica per la quale venga fatta una distinzione tra chi la prima casa decide di acquistarla e chi decide di realizzarla. Mi piacerebbe avere una spiegazione delle motivazioni che vi hanno spinto verso questa distinzione ed escludere dal plafond casa la costruzione della prima casa
    Grazie anticipatamente
    Cordiali Saluti

  • Luigi Pastellato
    14 marzo 2014 alle 16:17

    Buon giorno sig. Lupi
    Io ho già attivo un mutuo con acquistato un rustico 4 anni fa.
    Poichè ho avuto difficoltà a trovare l’impresa per fare i lavori di costruzione della nuova villetta ho usufruito della sospensione del mutuo per 1 anno.

    Secondo lei posso richiedere di attivare un nuovo mutuo chiudendo quello vecchio aumentando il capitale da € 150.000,00 a € 200.000,00 (così ci metto dentro gli altri 2 finanziamenti che ho attivi e che mi costano molto) ?

    Le faccio presente che ho un progetto approvato per la costruzione di un immobile nuovo, quindi con demolizione e ricostruzione.

    Il mutuo è intestato a me e la mia compagna come fideiussore. Io ho 42 anni, la mia compagna 35 e abbiamo una figlia di 10 anni. Non siamo una giovane coppia e non abbiamo inabilità.

    La ringrazio.

  • antonio fino
    14 marzo 2014 alle 11:27

    purtroppo le banche aprono il rubinetto nei periodi di boom economico e li chiudono nei periodi di crisi. Speriamo che le cose cambino e che il paese riparta.

  • Domenico Giammarelli
    13 marzo 2014 alle 17:04

    Spero davvero che le cose si stiano smuovendo!!!
    Una informazione: si devono rispettare vincoli di grandezza per quanto concerne l’appartamento da comprare?

    • Maurizio
      14 marzo 2014 alle 09:19

      Non sono segnalati vincoli di questo tipo.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • salvatore
    13 marzo 2014 alle 12:23

    Signor ministro faccia qualcosa anche per gli over 40,aumenti un po il limite di eta’ per accedere al plafond casa,io come tanti a 42 anni con famiglia che dovremmo stare tutta la vita in affitto?

  • Antonietta Grillo
    13 marzo 2014 alle 12:04

    Ministro Maurizio Lupi
    Apprezzo “Plafon casa”,però io non sono interessata nè ad acquistare casa nè alla ristrutturazione poichè sono proprietaria di abitazione nuova.Buon lavoro.

  • GIOVANNI
    13 marzo 2014 alle 11:43

    Ma come mai questo sig.”Carlo per Maurizio Lupi” risponde solo alle domande “comode” e non degna di risposte la maggioranza di contribuenti che si rivolgono al ministro per avere una risposta alla speranza di comprarsi una casa e sono stanchi di essere presi in giro dai politici di questo paese?
    Come mai…mi risponda sig.”Carlo per Maurizio Lupi”…

    • Maurizio
      13 marzo 2014 alle 14:51

      Perchè segnalo al ministro tutti i commenti e glieli faccio leggere ma sono in grado di rispondere solo a determinate richieste con informazioni concrete.
      Nessun altro strano motivo.
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Giovanni
        1 aprile 2014 alle 15:03

        Signor. Carlo capisco il suo compito. Ma per favore può chiedere al Ministro Lupi di sistemare la questione del 100% finanziabile? Per favore Io ho 24 anni sono disoccupato mio padre e inesistente dalla nascita e non mi ha mai dato € 1,00 mia mamma gli ha fatto causa perché e in giusto che un padre non si prenda le sue responsabilità. Sono stato cresciuto interamente con gli sforzi di mamma senza aiuto di nonni o parenti. Mia mamma invalida al 67% ancora non riconosciuta da l’inps e con domanda bloccata per un errore commesso da inps e il sindacato sta cercando di risolvere attesa già 2 anni. Non ho nonni materni perché morti entrambi. Con noi abita mio zio disabile al 100% che va seguito. I soldi che prende sono € 800,00 Abitiamo in case popolari senza luce nelle scale senza ascensore e con gente pessima. Come facciamo a comprare case se poi abbiamo bisogno del restante 30% più spese notaio? Per favore per favore prendetela a cuore questa cosa. Noi siamo gente povera come chi ha commentato sopra che prende 1000 euro o meno. Aiutateci di cuore. Spero in una risposta concreta. Spero in un aiuto concreto Grazie. Almeno fatelo per le coppie giovani e per chi è disabile. Una coppia giovane come può avere il 30% contanti? Lo possono avere magari da nonni materni e paterni ma io non ho nemmeno quelli. I paterni sono peggio di mio padre inesistenti.

  • Giuditta Abbate
    13 marzo 2014 alle 10:12

    Salve,
    è da dicembre che io e il mio fidanzato stiamo cercando di accedere al plafond casa. Rientriamo perfettamente nelle condizioni per richiederlo ma è da mesi che tutto tace e che le banche da voi elencate non sanno davvero nulla. Io mi chiedo, come può una coppia giovane, nel nostro caso (24 e 23 anni), a nn essere furiosa contro un Paese che nn da possibilità di vivere degnamente??? e’ tanto avere il desiderio di sposarsi, avere una casa e mettere su famiglia??? si!!! in Italia è tanto. In Italia tutto questo è lusso!! ed è talmente tanto da mettere l’idea che andare all’estero sia l’unica soluzione! E’ solo una vergogna e il fatto che non capiate la nostra rabbia e il nostro disagio supera tutto questo!! a Settembre ci sposeremo e ancora non abbiamo una casa in cui poter stare perchè le banche non ci fanno un mutuo agevolato! Grazie Italia, grazie governo!!

  • Marino
    12 marzo 2014 alle 21:56

    Buonasera,
    Avrei una curiosità’ , il plafond casa vale anche per chi desidera costruire una nuova casa o solo,per l’ acquisto ?
    Grazie anticipatamente per la risposta
    Saluti

    • Maurizio
      13 marzo 2014 alle 08:54

      Vale per l’acquisto e/o la ristrutturazione.
      Carlo per Maurizio Lupi

      • Marino
        13 marzo 2014 alle 11:30

        Grazie per la cortese risposta, non capisco tuttavia il principio per il quale venga fatta una distinzione tra chi la prima casa decide di acquistarla e chi decide di realizzarla. Mi piacerebbe avere una spiegazione delle motivazioni che vi hanno spinto verso questa distinzione.
        Grazie anticipatamente
        Cordiali Saluti

  • Paolo Parrello
    12 marzo 2014 alle 12:09

    Ma è cosi complicato aderire ad un fondo???
    Oggi 12 marzo.. ancora in altro mare.. I soliti tempi italiani.. è una vergogna.. poi tutto questo silenzio che non mette fiducia in noi italiani.. Sono proprio deluso..
    e non vengo mai smentito..

  • ennio mosci
    11 marzo 2014 alle 20:25

    Bella iniziativa certamente, ma, come al solito , si vede una sola faccia del problema.
    Caro ministro, hai mai pensato che, in special modo grazie alle continue condizioni meteo di tipo tropicale, scorre di terremoto e amenità varie, non ultime le vetustà degli immobili, un incentivo del genere potrebbe essere riservato anche ai condomini in toto? Sai quanti sacrifici debbono sopportare i proprietari degli immobili, anche grazie alle continue tasse che seguitate a mettere, senza ritorno alcuno, sulle case, nonostante quello che dite? Come al solito, tanta propaganda e poco costrutto. Ma tant’è. Grazie , comunque, per coloro che potranno usufruirne.

  • francesco delfino
    11 marzo 2014 alle 18:58

    DOMANDO AL MINISTRO COME MAI NON RILANCIA LA COSTRUZIONE DI CASE POPOLARI E POI A MIO DIRE NON SI CRESCE IL LAVORO DOVE MINISTRO E POI LE BANCHE VOGLIONO PURE LA FIRMA DEL GATTO X DARE PICCIOLI

  • SEVERINO MELONI
    11 marzo 2014 alle 18:31

    CARO MINISTRO, PROVIAMO AD ANDARE IN BANCA ASSIEME, LEI IN INCOGNITO COSI’ VEDE COSA SUCCEDE

  • Luigi
    11 marzo 2014 alle 16:52

    Buon giorno sig. Lupi
    Io ho già attivo un mutuo con acquistato un rustico 4 anni fa.
    Poichè ho avuto difficoltà a trovare l’impresa per fare i lavori di costruzione della nuova villetta ho usufruito della sospensione del mutuo per 1 anno.

    Secondo lei posso richiedere di attivare un nuovo mutuo chiudendo quello vecchio aumentando il capitale da € 150.000,00 a € 200.000,00 (così ci metto dentro gli altri 2 finanziamenti che ho attivi e che mi costano molto) ?

    Le faccio presente che ho un progetto approvato per la costruzione di un immobile nuovo, quindi con demolizione e ricostruzione.

    Il mutuo è intestato a me e la mia compagna come fideiussore. Io ho 42 anni, la mia compagna 35 e abbiamo una figlia di 10 anni. Non siamo una giovane coppia e non abbiamo inabilità.

    La ringrazio.

    • Luigi
      11 marzo 2014 alle 16:53

      La banca in questione è il Monte di PAschi di Siena.

      Grazie.

  • Boscolo Giorgio
    11 marzo 2014 alle 14:58

    Buongiorno,

    anche io sono stato,dopo mesi che seguo il Plafond casa,in un istituto di credito che ha aderito alla convenzione.HO DOVUTO SPIEGARE AL DIRETTORE DI CHE COSA SI TRATTA IL PIANO PLAFOND CASA!!…e i tempi che mi ha dato per una EVENTUALE attuazione sono stati ben 6 MESI!!..complimenti Ministro,da Vespa, a meta’ dicembre ha invitato tutti ad informarsi nelle banche il 7 Gennaio,che tutto era pronto…all’italiana!

  • Massimiliano Egger
    11 marzo 2014 alle 14:56

    Anche oggi, come faccio da almeno un mese, ho chiesto alle filiali Unicredit e Intesa notizie sul plafond casa….. ancora non sanno nulla. Questo può accadere solo nel nostro paese, il ministro dica chiaramente come stanno le cose, non è giusto creare false illusioni e fare attendere inutilmente.

  • alberto scapaticci
    11 marzo 2014 alle 14:51

    Caro Maurizio,
    grazie per la tua concretezza.
    Alberto Scapaticci ed altri amici di Torino.

  • Paolo Parrello
    10 marzo 2014 alle 17:04

    E’ possibile che ancora ad oggi 10 marzo, le banche aderenti siano cosi poche e senza un offerta commerciale pubblicata??
    La PREGO Ministro faccia qualcosa al più presto!
    Ora che abbiamo trovato la casa da comprare, il venditore non ci aspetta a lungo!! E’ IMPORTANTISSIMO!!
    LA PREGO DI VERIFICARE ANCHE CHE ALMENO UNA BANCA PROPONGA UN MUTUO AL 100% VISTO CHE FIN ORA NON SE NE SA NULLA O LE 2 BANCHE CON LE OFFERTE PUBBLICHE NON FINANZIANO PIU DELL’80%.
    LA RINGRAZIO.

    CORDIALMENTE,

    Paolo Parrello

  • Stefano Carboni
    10 marzo 2014 alle 17:00

    ….. benissimo, ma se prima di (o insieme a) iniziare cose nuove si finissero quelle già iniziate ?

    CHI SI OCCUPA DI RISOLVERE IL PROBLEMA DEI “cittadini di serie B”, QUELLI CHE FACENDO OGNI GIORNO PIU’ DI 50 km PER TRATTA NON BENEFICIANO DELLO SCONTO PER PENDOLARI ?

    Il ministero dice di rivolgersi ad altri, gli altri non rispondono e l’uguaglianza dei cittadini si va a far benedire :(

    Grazie

  • Massimiliano Scaletti
    10 marzo 2014 alle 12:05

    Per completare il commento di prima: non si parla ne di mutuo 100% ne di tasso particolarmente agevolato, mentre riguardo ai 30anni non è mai stato un problema…

    • Mariangela Venturelli
      11 marzo 2014 alle 13:39

      Io non ho proprio parole!
      La mia banca ha pubblicato, finalmente, la documentazione per il Plafond casa: URRA’….

  • Massimiliano Scaletti
    10 marzo 2014 alle 12:00

    Di seguito le condizioni che mi ha fornito Banca Sella (Prima firmataria):
    Importo finanziabile
    70% del valore cauzionale dell’immobile

    Tasso Variabile
    3 punti + euribor a 3/6 mesi ( a seconda che la rata sia mensile/trimestrale/semestrale )

    Tasso fisso
    3.5 punti + IRS di periodo ( in funzione della durata )

    Fate qualcosa!

  • BELLESSO GIOELE
    10 marzo 2014 alle 11:01

    Salve Sig. Lupi,
    Le scrivo chiedendo a Lei come poter fare ad avere informazioni riguardanti i mutui agevolati inseriti nel plafondcasa2014, visto che nelle banche che risultano aver aderito al progetto continuano a rispondere che non sanno ancora nulla riguardo al progetto.

    Siamo una coppia sposata da un anno e mezzo conviventi da 4 anni, siamo in affitto da 4 anni e ora visto l’arrivo di un figlio vorremmo fare il passo di comprare la prima nostra casa, ma come ben sa ormai i mutui li ricevono solo i benestanti……, leggendo sul web sono arrivato a conoscenza di questo progetto e motivato (Visto che lo Stato ha preso in considerazione la situazione del suo popolo)mi sono rivolto ad alcune delle banche che risultano aver aderito, in cui una delle quali sono anche cliente …….. le risposte ricevute sono :
    non sappiamo nulla, non esiste questo progetto, se il vostro redito non supera i 2.500 euro scordatevi di poter avere una possibilità ecc ……..
    Io penso che se da quattro anni viviamo in affitto pagando 450 euro al mese, avendo un finanziamento in fase di conclusione per 370…… in questi quattro anni abbiamo pagato un totale fisso di 820euro e non abbiamo mai saltato una bolletta o un pagamento ….. forse un mutuo da 500 – 600 euro al mese potremmo riuscire a pagarlo …….! Invece sembra di no …… se avessi i soldi non andrei a chiedere un mutuo mi sembra chiaro questo …….
    Le chiedo scusa se mi sono fatto trascinare ma sono stanco di essere trattato come un delinquente o pezzente ….!
    Dimenticavo io ho 30 anni e mia moglie 28…..!
    Dobbiamo pensare che non potremmo mai coronare il sogno di avere una casa nostra?
    In attesa di una Vostra gradita risposta,
    Le porgiamo cordiali saluti

  • Carmine Panza
    9 marzo 2014 alle 00:11

    Salve,
    anch’io, come tanti, mi sono recato nelle banche convenzionate e ho sempre ricevuto risposte poco esaustive…chi non sa nulla e chi non conosce ancora le direttive. addirittura la mia banca (carisbo) ha definito il plafond casa per niente conveniente. Risultato: Ennesima delusione!!!!
    Grazie Ministro

    • Maurizio
      9 marzo 2014 alle 11:22

      Si trattava di una banca che ha aderito?
      Grazie Carlo per Maurizio Lupi

  • Domenico Giammarelli
    8 marzo 2014 alle 17:48

    Gentile Ministro, malgrado quanto affermato da lei le banche continuano a dire che non hanno avuto il via a livello operativo…..Quando si saprà qualcosa???E’ un nostro diritto saperlo, soprattutto per chi una casa l’avrebbe trovata…..Non sono stati resi noti nemmeno recapiti verso cui segnalare disservizi e banche che dicono di non saperne nulla….Nemmeno al numero verde della Cassa Depositi sanno nulla….Attendiamo risposte prima possibile, per noi è davvero importante!!!

  • Alessandro Mari
    8 marzo 2014 alle 11:45

    Salve, scrivo dall prov di RC. Le uniche 2 banche che fino adesso hanno aderito al plafond casa, presenti nella zona, Intesa Sa Paolo e Unicredit, non sanno assolutamente nulla di sto Plafond Casa. Non hanno ne modulistica ne informazioni in merito ! Siamo a metà Marzo ma cosa sid eve fare ? Sarà un privilegio per pochi eletti del nord italia ?

  • salvatore la rosa
    7 marzo 2014 alle 17:21

    Salve ministro, la mia famiglia, io 42 mia moglie 38 e due figli di 15 e 11 come potrebbe rientrare nel suo non famoso Plafond Casa “dato che non ne parla nessuno in tv e giornali”se il limite di eta’e 40 e 35?avendo due figli ne dovremmo fare un’altro dato che l’altra condizione e avere tre o piu’ figli? non e meglio rivedere un po il limite di eta’? penso proprio che tanti come me dovranno stare tutta la vita in affitto dato che le banche per darti un mutuo da 100000 euro ne vogliono 500000 di garanzie, bel paese l’italia vero ministro!!!!

  • Mario
    7 marzo 2014 alle 12:07

    Grazie per la risposta Carlo,
    può darsi che sia in dietto io ed abbia perso qualche intervento del Ministro.
    Mi può rispondere anche sul perchè le poche banche che propongono plafond casa non applicano tassi competitivi?
    Il punto è tutto qui. Si parlava di mutui a tassi agevolati ma agevolati non sono…

    grazie della cortese risposta che vorra darmi.
    Mario

    • Maurizio
      9 marzo 2014 alle 11:30

      Gentile Mario, la convenienza sta nel lungo termine, un mutuo di 30 anni oggi è difficile da ottenere.
      Carlo per Maurizio Lupi

    • Mario
      10 marzo 2014 alle 19:00

      capito!! l’agevolazione del mutuo consiste nel fatto che possiamo prenderlo anche a 30 anni!! che stupido a non averlo capito prima!!
      peccato che questo lo fanno tutte le banche o quasi….ho capito va…
      l’ennesima fregatura….

      • Maurizio
        12 marzo 2014 alle 09:21

        Gentile Mario, oggi giorno ottenere un mutuo di 30 anni non è affatto facile, lo dicono i dati.
        Questo provvedimento aiuta famiglie e giovani coppie a ottenere mutui per acquisto e/o ristrutturazione della casa, un segnale concreto in più.

        Carlo per Maurizio Lupi

  • Mario
    6 marzo 2014 alle 20:33

    inutile sperare nel plafond casa, e’ l’ennesima bufala di una politica inconsistente. ma di che stiamo a parlare? personalmente ho perso fin troppo tempo ad informarmi su questa iniziativa…..eppure all’inizio ci avevo sperato…..nessuno spread migliorativo, le banche non hanno interesse a promuoverlo, le grazie richieste sono sempre le stesse ecc ecc
    Ministro Lupi, dopo aver generato tutte queste aspettative sul plafond casa perché ora non ne parla più? nessuna risposta? bella figura. complimenti.

    • Maurizio
      7 marzo 2014 alle 09:35

      Gentile Mario, come non ne parla più? Il ministro cita il Plafond Casa di continuo come fatto concreto realizzato grazie al primo Piano Casa del governo Letta.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • mauro valdemarca
    6 marzo 2014 alle 19:26

    Sig. Ministro, faccia qualcosa ora,adesso, ha letto i post della gente!! questa è la realtà.Con la stessa enfasi con cui in televisione ha annunciato il provvedimento,con lo stesso mezzo denunci la non disponibilità delle banche, l’ ostruzionismo che fanno, questo le farebbe tanto onore, si distingua,prenda le distanze da quelle associazioni a delinquere autorizzate dalle stato che sono le banche. (citazione del mio vecchio professore di diritto). Codialità, Mauro

    • Maurizio
      7 marzo 2014 alle 09:36

      Segnalazione inoltrata al Ministro
      Carlo per Maurizio Lupi

  • GIOVANNI
    6 marzo 2014 alle 12:28

    Ho chiamato sia la CDP che l’ABI lamentandomi della lentezza dell’operazione.
    La loro risposta è stata che nessuna delle due supervisiona sull’operato delle banche, le quali dopo aver sottoscritto la convenzione hanno libertà di emettere quando vogliano (e quindi senza limiti temporali) i prodotti mutuo plafond casa.
    Inoltre non supervisionano neanche sui tassi applicati, in quanto spetta a noi verificare se siano corretti nei limiti della convenzione.
    Ma stiamo scherzando????…le banche libere padrone del nostro destino!
    Caro ministro, INTERVENGA!!!!…QUESTA OPERAZIONE E’ UNA COSA SERIA!

    • Maurizio
      7 marzo 2014 alle 09:39

      Segnalazione inoltrata al Ministro.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Peter Pin
    6 marzo 2014 alle 09:47

    Confermo, appena tornato dalla filiale Intesa San Paolo (che risulta tra le banche aderenti) e nessuna informazione. Inoltre il fatto che non esistano vincoli rispetto al finanziamento 100% ed al tasso applicato configura questa “misura” come l’ennesimo regalo alle banche: usano i fondi a disposizione dello stato e quindi di tutti noi per applicare tassi del tutto simili a quelli presentati al resto della clientela. Mi corregga se sbaglio caro Ministro Lupi…

  • erinko
    6 marzo 2014 alle 09:13

    Salve, stò acquistando un immobile come prima casa e sono disabile, volevo solo portare a conoscenza che stavo stipulando un mutuo con BNL e appreso la notizia del plafond casa ho interrotto e aspetto di avere le informazioni dettagliate per l’agevolazione con la stessa banca che aderisce al progetto. Ma purtroppo ad oggi mi ripetono che non sono ancora operativi con “questo” nonostante le Sue dichiarazioni sul sito e al TG. Dio solo sa quanto io e molte altre persone abbiamo bisogno (urgente)di usufruire di questa agevolazione. Certo di una sua tempestiva risposta e chierimento colgo l’occasione per inviarLe cordiali saluti.
    Enrico

  • Agostino
    6 marzo 2014 alle 05:50

    Gentile ministro…..
    Unicredit no, bcc di tonico lo no, BNL no, ubi banca no, mps no è intesa San Paolo no!
    Dove altro devo andare per sentirmi dure no?
    Almeno risponda…..questo è il suo forum!
    Diamo un segnale agli italiano….grazie!
    …ricordi…..importantissimo il 100%, altrimenti non vedo quali siano i vantaggi con quello spred!
    Grazie

  • Renato D'Aria
    6 marzo 2014 alle 02:41

    nessuna novita o facilitazione è na bufala per continuare a dire che si sta facendo qualcosa per il popolo.Caro ministro prima della crisi INVENTATA I MUTUI SI FACEVANO ANCHE FINO A 40 anni.
    SI INFORMI LA SALUTO .

  • ida caruso
    5 marzo 2014 alle 22:17

    Non vedo l’ora di accedere al mutuo , complimenti al nostro Ministro Lupi

  • Mauro Valdemarca
    5 marzo 2014 alle 18:37

    Gentile Ministro Lupi, lei è sicuramente una persona che ispira simpatia, concretezza e soprattutto ci mette la faccia, ecco proprio, la maggior parte delle banche aderenti, interpellate via fono o mail, o non ne sanno niente, o fanno finta di non saperlo e quelle che lo sanno pensano di non applicarlo perché dicono che pagano il denaro alla CDP più di quanto pagherebbero con altra provvista. Non parliamo poi del 100% è fantascienza. Non permetta loro tutto questo.Ministro,imponga entro 15 giorni che sia obbligatorio sul loro sito l’impegno in questione ed i dettagli, in modo chiaro e trasparente. Perché dobbiamo essere presi in giro ancora!! Perché in Italia non si riesce a fare una, una sola cosa in modo serio. Rendete voi del governo regole obbligatorie per le banche, se non lo fate vi rendete complici della colossale presa in giro, magari “inconsapevoli”!! Oltretutto non permetta loro di giocare con sua faccia, che mostrino e si sporchino la loro Cordialità, Mauro V.

  • amrizzo
    5 marzo 2014 alle 14:32

    Gent.mo Ministro, confermo i commenti precedenti. UNICREDIT MILANO appuntamento questa mattina. Nessun cenno a questa possibilità ma la proposta del loro ultimo mutuo a spread agevolato per un massimo di 100.000 euro massimo il 50% del valore dell’immobile. Nessuna pubblicità e descrizione dell’opportunità neanche nelle filiali UBI Banca. Peraltro nella convenzione non si parla di spread da applicare da parte della banca. Grazie

  • GIOVANNI
    5 marzo 2014 alle 11:25

    Appena attaccato al telefono col servizio clienti unicredit e con la mia filiale.
    Ancora oggi 5 Marzo 2014 (data dalla quale,secondo il Ministro Lupi,si potrà andare presso gli sportelli bancari delle banche convenzionate e chiedere l’accesso al Plafond Casa)non sapevano cosa fosse e dopo averglielo spiegato mi hanno risposto che ancora non hanno avuto nessuna informazione o disposizione in merito.
    Caro Ministro, le sue parole sono sempre meno credibili…bisogna concretizzare per aiutare gli italiani in questo periodo di crisi economica!

  • Giovanni Ingrosso
    3 marzo 2014 alle 15:25

    Confermo anche io ciò che dicono i banchieri. Dopo aver fatto un breve colloquio in unicredit mi hanno detto che non ne sanno nulla di questo plafond e dei 2 miliardi che poi dovrebbero essere 150 milioni a banca. Per quanto riguarda il finanziare il 100% stessa cosa.

  • Agostino ROMANZI
    27 febbraio 2014 alle 14:52

    Gentilissimo Ministro, pregherei di non pubblicizzare che il Plafond Casa ha il grosso vantaggio per chi lo richiede di poter ottenere un mutuo di durata superiore alla media (fino a 30 anni)….perchè fino a 30 anni lo danno tutti il mutuo…..
    Il vero ed unico vantaggio scritto sulla legge, ma che nessuna banca ATTUA, è che è possibile ottenere fino al 100% del finanziamento!!!!!!
    Questo si che è un VANTAGGIO!!!!!
    Si prega di provvedere affinché venga rispettato anche questo parametro dalle SIGNORE BANCHE!!!!!
    Grazie

  • Buzzi Marco
    27 febbraio 2014 alle 12:05

    Salve volevo sommessamente ma non so per quanto, raccontare che anche nel mio caso tutte e le banche che hanno aderito secondo abi nella città di Ravenna sanno del fondo ma non hanno ancora nessun modulo o mezzo per accedere al plafond, ma che roba è? sono loro che fanno i delinquenti e allora si denunciano alle associazioni o siete voi che non fate il vostro dovere………non se ne può più di proclami e leggi non attuate.

  • Alessandro Mari
    27 febbraio 2014 alle 09:57

    Egr. Ministro Lupi il suo silenzio in merito alla questione Plafond casa 2014 è a dir poco imbarazzante. Dopo tanti proclami, in merito al provvedimento, sarebbe ore di convocare l’ABI è dare una bella strigliata alle banche che: non finanziano il 100 % dell’importo del valore dell’immobile, non effettuano alcun tipo di agevolazione sui tassi e non effettuano alcuna agevoalzione alle giovani coppie in merito alla garanzia; Vogliamo dare un segnale forte ???

    • Maurizio
      27 febbraio 2014 alle 10:57

      Il ministro ne ha parlato anche oggi nell’intervista al messaggero citando marzo come data di piena operatività

      Carlo per Maurizio Lupi

      • francescokr80
        1 marzo 2014 alle 10:21

        ma nell’intervista non dice nulla!! cioè viene rimescolata sempre la solita minestra, ma non rispondete alle domande delle persone!!! di più non pubblicate neanche alcuni commenti…ho segnalato già tutto a striscia la notizia quindi vedremo che fine faranno questi 2 miliardi.. e se esisteranno veramente agevolazioni sul tasso..

  • Paolo Parrello
    24 febbraio 2014 alle 15:04

    Caro Ministro Lupi, perchè nessuna banca aderente concede il 100%? Come vogliasi dimostrare, questa è l’ennesima presa in giro, con queste finte agevolazioni per i giovani che non permetteranno la risalita del mercato..
    Meno male che all’estero c’è gente più seria..
    Ci sapete solo illudere e basta!!
    Poveri noi Italiani..

  • Alessandro Leri
    20 febbraio 2014 alle 16:41

    Plaudo all’iniziativa. Mi risulta, però, che alla data del 14/02/2014 le banche effettivamente aderenti, delle 20 pubblicizzate, siano solo 4 (vedi sito ufficiale di Cassa Depositi e Prestiti)ed aventi bacini di utenza effettivamente ristretti rispetto al territorio nazionale. Per migliore rapporto con i cittadini suggerireri, sommessamente, di diffondere la notizia nella sua reale consistenza. Oppure, vista l’indubbia valenza economico-sociale dell’iniziativa, incentivare presso ABI l’adesione anche delle altre banche!

  • mario castiglione
    18 febbraio 2014 alle 22:38

    il plafond casa vada ad agevolare le persone che già si possono permettere di acquistare una casa, sottolineando che un’iniziativa veramente utile dovrebbe aiutare quei consumatori che non hanno i requisiti necessari per accedere ai mutui. La convenzione non è una misura agevolativa che prevede uno sconto sul tasso d’interesse e che le banche mantengono un ruolo del tutto vantaggioso, “in realtà non stiamo parlando di aiuti di stato, ma aiuti dei consumatori, perché vengono utilizzati i soldi del risparmio postale.
    “siamo di fronte ad una media di 10.000 mutui a tasso fisso. questo non rilancerà mai il mercato immobiliare, ma è solo l’ennesimo favore che si fa alle banche. in pratica, con i soldi dei consumatori si fanno i prestiti ai più agiati, come se il governo prendesse soldi ai poveri per darli a i ricchi”

  • Alessandro Mari
    18 febbraio 2014 alle 18:52

    Salve, oggi 18 febbraio 2014, recatomi presso la Filiale del mio paese del Monte dei Paschi di Siena, nonostane figuri tra le banche aderenti, ancora non sanno nulla di nulla. Il direttore chiamando il centro regionale che eroga i mutui, non è riuscito ad avere alcuna informazione ! Che vergogna !

    • Anna Botticelli
      19 febbraio 2014 alle 23:24

      Salve, anch’io mi sono rivolta alla filiale della mia città della Banca Monte dei Paschi di Siena, e quando insistendo ho chiesto informazioni e ho menzionato il CDP che finanziava 2 miliardi alle banche aderenti per mutui acquisto prima casa!!! non né sapevano nulla!! anzi mi hanno risposto che mi sbagliavo!! il CDP finanzia le Imprese!!! Sono basita!!! non ho più parole!!

  • Paolo Parrello
    17 febbraio 2014 alle 12:45

    Ma quanto ci mettono queste dannate banche ad aderire?
    dobbiamo aspettare fino al 2015??????
    Lentezza unica..

  • Cristian
    14 febbraio 2014 alle 15:33

    Mi rammarica che ovviamente nessuno del sito si esprime ancora. Da interno ad uno dei gruppi bancari in corso di adesione, immagino che anche la mia banca porrà un limite alla % di finanziamento. Oltretutto non capisco perche i giovani SINGLE debbano essere penalizzati dalla propria scelta di vita…dopotutto siamo monoreddito! Ovviamente il problema dell’anticipo di un 20-30% (+spese notarili e diritti di agenzia) non tange i ricchi, ragion per cui non avremo mai delle risposte.

  • Mario
    14 febbraio 2014 alle 15:07

    Confermo che Banca Sella non propone niente di vantaggioso in termini di spread. Se sarà così anche per altre banche non capisco proprio dove sia il vantaggio di questa convezione. Fose il vantaggio è solo per le banche che, oltre ad essere garantite dall’ipoteca sull’immolbile, non devono sborsare soldi per questi mutui poichè vengono utilizzati quelle dei correntisti delle poste. Boh magari mi saglio ma non vorrei che alla fine fosse solo un’ulteriore regalo alle banche…stiamo a vedere le altre banche che propongono….

  • GIOVANNI
    13 febbraio 2014 alle 14:45

    In base alla convenzione ABI-CDP, il plafond casa dovrebbe portare 2 vantaggi sostanziali:
    1) possibilità di ottenere un mutuo di importo fino al 100% del valore dell’immobile (punto 2.4.7 della convenzione) e 2) possibilità di ottenere tassi agevolati rispetto ai prodotti standard delle banche.
    Oggi sono andato a vedere sul sito di Banca Sella se era uscita un’informativa sul mutuo con plafond casa.
    E effettivamente l’hanno messo.
    Tuttavia nessuno dei 2 vantaggi del plafond casa era presente, perchè quello che loro hanno chiamato mutuo plafond casa non è altro che il loro vecchio prodotto mutuo, in quanto fissano un massimo del 70% dell’importo del mutuo e il tasso fisso è al 7.57% come nel loro mutuo smeraldo.

  • Marco
    13 febbraio 2014 alle 11:17

    Ciao a tutti, io e mia moglie abbiamo 32 anni, siamo sposati e in attesa del quarto figlio. Ho riposto molte speranze in questa agevolazione e fino ad oggi ho creduto che ci volessero solo i classici tempi italiani per fare qualcosa e non volevo dar ragione ai molti commenti letti su questo blog. Purtroppo inizio a ricredermi.
    Sul sito Banca Sella, nella sezione mutui, è comparsa la voce “Mutuo Plafond casa CDP”. Leggo di uno spread di 3,50 punti percentuali e di una percentuale massima di finanziamento è pari al 70% del valore cauzionale dell’immobile. Non mi sembrano condizioni agevolate e non vedo quel famoso 100% tanto pubblicizzato. Peccato.

  • Paolo Parrello
    13 febbraio 2014 alle 10:50

    E’ giusto che tutti sappiano che questo plafond è solo fumo negli occhi perchè i tassi agevolati sono finti e il 100% del valore dell’immobile non viene concesso!!!
    Ne è la prova banca sella!!!
    E poi quanto ci mettono le altre banche ad aderire???
    Quanti mesi dobbiamo aspettare??? Che pensate che dopo aver trovato un appartamento, il venditore ci aspetta all’infinito????
    E’ ora di cambiare un po!!!

  • Alyosha Castagna
    13 febbraio 2014 alle 09:55

    Signor Lupi, controlli l’offerta Plafond Casa di banca sella che FREGATURA, il TAEG fisso è identico al mutuo standard, ma non si doveva beneficiare di TASSI AGEVOLATI. Come volevasi dimostrare tanta attesa per una classica gettata di denaro fresco alle vostre care banche BRAVI

    • Maurizio
      17 febbraio 2014 alle 17:41

      Il vantaggio è il poterlo ottenere per una durata più lunga

      Carlo per Maurizio Lupi

  • Nisi Antonio
    11 febbraio 2014 alle 23:04

    Carissimo ministro mi permetto di dirle e forse di precisare che:
    1)plafond casa ne hanno diritto tutti i cittadini italiani che possiedono un reddito superiore ad 20.000,00 euro netti annui per un mutuo di 120.000,00 calcolando un piano di ammortamento scalare alla francese di euro circa 500 x 30 anni.
    2)chi a un lavoro a tempo determinato non se ne parla proprio perché secondo l’ABI e le banche aderenti c’è rischio di non pagare.
    3)chi è libero professionista non ne parliamo proprio.
    Alla fine del ragionamento con i soldi della cassa depositi e prestiti quindi
    I soldi dei cittadini italiani si vanno a finanziare le famiglie che già oggi possono recarsi in banca e richiedere un mutuo ipotecario o una ristrutturazione pagando forse qualche euro di interesse in più….come al solito sapete solo buttare fumo negli occhi e illudere le famiglie italiane che cercano di realizzare un sogno avere un tetto sopra la propria testa….grazie ministro la cosa che mi dispiace di più e che lei sta lì anche con il mio voto!!!!

    • francescokr80
      12 febbraio 2014 alle 10:44

      Veramente tutto tace, le banche non sanno niente non si sanno i tassi di interesse etc etc… e poi controllate con quali tassi vengono dati i soldi alle banche, sommate anche il guadagno che devono avere le banche ..il risultato potrebbe essere che si può risparmiare al massimo lo 0,20% rispetto allo spread che c’è attualmente sul mercato… quindi sempre la siamo… lo spread che c’è in italia è il più alto in assoluto rispetto a tutte le altre nazioni..ormai abbiamo tutto contro, l’Italia è diventata dei più potenti e la gente comune può morire di fame o di altro(vedasi i suicidi), tanto non se ne frega niente nessuno… uno si aspetta l’agevolazione ma alla fine si rileva l’ennesima buffonata!!! come mai i 7,5 miliardi di euro regalati alle banche? e non vengono aiutate veramente le imprese e le persone senza casa?? rispondete al posto di fare pubblicità di agevolazioni che non esistono…

  • marco pedroso
    11 febbraio 2014 alle 10:43

    Nessuna banca non sa niente, o fa finta di non sapere, perchè non gli interessa, perchè di base non si fida delle garanzia dello Stato. Lo Stato non paga i debiti alla imprese e quindi perchè le banche dovrebbero fidarsi dello Stato. Conta di più la garanzia di un es: padre di famiglia che garantisce per il figlio, che quella dello Stato.
    Le banche non scontano le fatture per crediti verso lo Stato perchè chissà se e quando le incasseranno.
    Siamo veramente mal messi.

  • francescokr80
    10 febbraio 2014 alle 18:33

    Salve, volevo sapere se avete notizie in merito a plafond casa, nessuna banca ancora sa niente..

  • Anna Botticelli
    8 febbraio 2014 alle 01:28

    REQUISITI PER ACCEDERE

    Hanno diritto al platfond casa tutti i cittadini, ma c’è una speciale attenzione verso i “beneficiari prioritari” identificati come giovani coppie, etcc.etcc…..

    Hanno diritto tutti i cittadini!!! assolutamente no!!!! se vado ha stamparmi il modulo per la richiesta da presentare in banca parla solo delle giovani coppie, se in famiglia c’è un disabile, o se si hanno piu’ di tre figli!!!

    perché? escludere chi ha superato gli anta e ha deciso di avere solo 2 figli??? perché???????????????

    • jim copper
      10 febbraio 2014 alle 17:36

      è il solito regalo alle banche, a te non ti danno niente svegliamoci un pò

  • marco pedroso
    6 febbraio 2014 alle 18:15

    Andato oggi in banca alla Sanpaolo, non ne sanno niente, non sanno come funziona e quindi loro non fanno niente.
    Ma scusi On. Maurizio Lupi, prima di scrivere notizie non reali, non può fare una cosa semplicissima: chiamare una banca di quelle diciamo convenzionate e chiedere ” siamo una giovane coppia, vorremmo fare un mutuo quello dove lo Stato garantisce, è possibile” e sentirebbe la risposta della banca ” noi non ne sappiamo nulla “. Quindi prima di dare la notizia forse aspetterebbe, non pensa? Siete fuori dalla realtà e non sapete neppure più entrarci nella realtà della gente comune.

  • Mina Pungetti
    6 febbraio 2014 alle 16:56

    Perchè in questo forun si adotta il metodo della codardia, non solo non si risponde alle domande dirette, ma si cassano anche i commenti se sono critici, ma obiettivi, nei vostri confronti?

    • Maurizio
      7 febbraio 2014 alle 10:14

      Non mi sembra proprio Mina, i commenti anche meno favorevoli sono perfettamente leggibili.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Marco Rossetto
    6 febbraio 2014 alle 14:01

    Salve, io devo fare una fare una nuova costruzione su terreno donato, posso rientrare lo stesso?Ieri in Banca Sella mi ha detto che devo avere almeno il 50% del reddito come lavoro a tempo determinato è giusto?(io ho il lavoro a tempo indeterminato, mentre la mia ragazza a tempo determinato, ma io guadagno più di lei)!

  • Gianni
    5 febbraio 2014 alle 18:53

    Ragazzi vorrei un informazione ma se uno sulla casa di proprietà ha un mutuo ipotecario può richiedere un finanziamento per i lavori di ristrutturazione?

  • Francescokr80
    5 febbraio 2014 alle 16:45

    Salve, qualcuno sa i tassi che verranno applicati con la convenzione plafond casa?

  • paolo carucci
    5 febbraio 2014 alle 15:50

    Sono stato in banca e mi hanno detto che la procedura non è operativa perché non sono state rese note le modalità operative, visto che mancano i “decreti attuativi”. E’ corretta questa informazione che mi è stata riferita?

  • Tommaso
    5 febbraio 2014 alle 06:27

    Sul sito dell’ABI è stato pubblicato un comunicato stampa con una lista di 20 banche che aderiranno al plafond casa. Tra queste sono presenti alcune delle prinicipali banche italiane: unicredit, intesa, Montepaschi..

  • paolo tropiano
    4 febbraio 2014 alle 16:32

    mi dispiace ma è la solita buffonata e presa in giro, siete lontani dalla gente e pensate di fare iniziatevoli solo per farvi pubblicita’, il diamoglifuturo è una presa in giro colossale, ci han aderito 2 banchette sperdute, QUANTO NOI ITALIANI DOVREMMO SOPPORTARE ANCORA? ANDATE A CASA!!!

  • nina massaiu
    4 febbraio 2014 alle 11:57

    più che un commento ho una domanda: quali sono i requisiti per essere un “beneficiario” nel senso che sono chiari solo quelli per il “beneficiario prioritario” . Io ho un figlio di 30 anni che aspetta a mettere su famiglia pur avendo una compagna da ormai 10 anni. Con questo requisito può accedere al plafond casa? grazie per la risposta.

  • Paolo Parrello
    3 febbraio 2014 alle 13:37

    Ho contattato Banca Sella e mi hanno detto che SI hanno aderito, ma ancora devono ricevere diposizioni esatte per la fattibilità sui mutui. Quanto dovremmo ancora aspettare?

  • GIOVANNI
    3 febbraio 2014 alle 12:54

    Buongiorno, volevo solo segnalare che ad oggi 3 febbraio 2014, quindi a quasi un mese dalla data di partenza del plafond casa, tutte e ripeto tutte le banche che ho contattato (UNICREDIT, INTESA, BNL, BANCHE COOPERATIVE, e molte altre)non sanno neanche cosa sia il PLAFOND CASA, tanto che devo stare io a spiegargli di cosa si tratti.
    Le banche se ne fregano di questa convenzione visto che l’adesione non è obbligatoria ma facoltativa.
    Non pensate che prima di fornire un servizio che dite sia per i cittadini, sia meglio informare chi dovrebbe fornire tale servizio.
    Mi dispiace ma sono pienamente d’accordo con tutti i commenti rilasciati, ossia che si tratti solo di un’ulteriore presa in giro per i cittadini.
    E l’unica risposta che riuscite a dare è: “la lista verrà aggiornata”…ma da chi? da quale banca se neanche sanno di cosa si tratti?
    Basta prese in giro, occorrono i fatti per cambiare lo stato delle cose.
    Vi chiedo di rispondere con sostanza…non con fumo negli occhi.
    Grazie

  • Luca Sala
    3 febbraio 2014 alle 10:42

    Buongiorno,
    ma forse sarebbe meglio finirla con queste buffonate e questa presa in giro verso noi cittadini.
    Quale banca è così pazza da aderire a questo fondo se non costretta?
    Lo stato italiano ne quello europea vigila in nessun modo sulle banche. Figurarsi se aderiscono a questa buffonata!
    Aprite gli occhi, ad oggi le banche per erogare mutui chiedono garanzie fuori dai termini di legge.
    La banca che ha erogato più mutui in italia nel 2013 (deutsche bank)ha erogato mutui di media del 55% del valore della casa.
    Tutto il resto sono solo prese in giro.
    Il potere dato alle banche e non vigilato da nessuno è la prima grave mancanza di questo susseguirsi di incapaci al governo.
    Chiedetevi il motivo degli spread così alti quando il costo del denaro è al minimo storico.
    altro che plafond…

    • Maurizio
      3 febbraio 2014 alle 10:51

      Attendiamo a breve la firma di altre banche, ne daremo notifica quando avvenute.

      Carlo per Maurizio Lupi

      • Paolo Parrello
        3 febbraio 2014 alle 12:19

        Tra queste banche sta aderendo anche la Intesa San Paolo?

        Grazie

  • Michele Farina
    3 febbraio 2014 alle 10:41

    Negli scorsi giorni ho contattato diverse banche (circa una decina!!!) e nessuna di queste sa nulla (o sostiene di non sapere nulla…) di questo plafond casa.
    Riusciremo mai ad usufruirne?

  • Mina Pungetti
    2 febbraio 2014 alle 15:28

    Tutto fumo negli occhi per dimostrare il nulla che sta facendo questo governo.
    Invece di convogliare questo denaro affinchè ALCUNI possano acquistare altri immobili, perchè non ridurre il carico fiscale di cui TUTTI siamo oberati?
    O non sarà perchè in questo modo questo governo di furbetti possa incrementare le casse dello stato con ALTRE TASSE AGGIUNTIVE?

  • Tommaso
    29 gennaio 2014 alle 18:34

    Dove avete trovato la lista delle banche aderenti? Quali sono? Sul sito della CDP io non le ho trovate.

    Grazie

    • Domenico Giammarelli
      30 gennaio 2014 alle 12:37

      Il sito è diamoglifuturo.it
      Se avete notizie vi prego di diffonderle anche voi!

      • Maurizio
        30 gennaio 2014 alle 16:32

        Si tratta di un altro fondo, non è il Platfond Casa.

        Carlo per Maurizio Lupi

        • Domenico Giammarelli
          30 gennaio 2014 alle 22:27

          Può spiegarsi meglio??

        • Domenico Giammarelli
          1 febbraio 2014 alle 17:47

          Ma allora l’inizativa Plafond casa e Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa sono 2 progetti diversi?

          Inoltre, in riferimento al Plafond casa, sono cambiate le condizioni? Perchè ora per “beneficiari prioritari” si parla di coppie coniugate da almeno 2 anni…Per me che sono sposato da 7 mesi ci sono possibilità di accedere anche a tale fondo?
          Vi prego di darmi risposte perché sto andando in seria confusione..
          Grazie

      • antonio fino
        2 febbraio 2014 alle 12:05

        APRI IL SITO CASSA CDP, CLICCA SUL LINK AL VIA LE MISURE A SOSTEGNO DEL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE. CLICCA SU PLAFOND CASA, TROVI LA VOCE LISTA BANCHE CONTRAENTI. LI TROVI BANCA SELLA. LE ALTRE BANCHE CHISSA QUANDO, AD ORA SOLO BANCA SELLA

  • Domenico Giammarelli
    28 gennaio 2014 alle 20:45

    Con mia grande sorpresa oggi pomeriggio è uscito un mini- elenco di banche che hanno fatto la convenzione con la cassa depositi…Solo 3…
    Stamane siam andati in banca e ci han detto (Banca intesa) che stanno attendendo aggiornamenti…mah…
    Cmq mi chiedo, per me che ad esempio sono del Sud Italia, sarà possibile aderire all’iniziativa? In poche parole, questo mini -elenco è definitivo o posso sperare che altre banche si decdiano a fare la convenzione?Grazie

    • laura mirotti
      29 gennaio 2014 alle 17:38

      gentilmente, mi potrebbe indicare dove ha trovato questo mini-elenco delle banche aderenti. sarei molto interessata perchè vorrei acquistare casa, ma ancora, nonostante sappia di cosa si tratti, non ho ricevuto nessuna valida informazione. Grazie anticipatamente

    • Mario
      29 gennaio 2014 alle 18:53

      Mi scusi Domenico ma dove ha trovato questo mini-elenco?
      nel sito della cassa depositi e prestiti ancora non compare nulla…
      grazie

    • Lucia g
      29 gennaio 2014 alle 20:35

      Ciao Domenico, sai dirmi dove hai trovato il mini elenco delle banche aderenti? Io continuo a guardare il sito di cassa depositi e prestiti ma non trovo nulla.Eventualmente puoi farmi l’elenco?
      Grazie mille
      Lucia

  • valentina brisco
    28 gennaio 2014 alle 12:33

    Stessa situazione, anche io devo andare a rogito tra un mese e mezzo e mentre aspetto che esca questa famosa lista ho già fatto partire le pratiche..spero k poi s possa fare la surroga o qlcs così..cmq è davvero triste che le poche cose buone fatte dal governo debbano essere rovinate cosi, ritardate o boicottate sempre per interesse e comodo…e ancora più triste è l’ignoranza o la finta tale che pervade tra la gente del settore, non è più accettabile che un impiegato o un direttore di banca non sappiano nemmeno dare informazioni su qlcs che riguarda cosi da vicino il loro lavoro e cadano dalle nuvole ogni volta che nomini Plafond Casa..vergogna! Cmq SN abbastanza certa di Banca Sella…ma nemmeno loro sanno ancora qnd partiranno…è tutto ancora a livello di consiglio di amministrazione….

    • Lorenzo Capasso
      1 febbraio 2014 alle 22:26

      Ciao Valentina,
      Come vedo siamo tutti nella stessa barca e ti confermo che banca Sella ha aderito (vedi sito cdp).
      Ti confermo anche che anche con la surroga sarà possibile usurfruire in futuro del Plafond, ho chiamato diverse volte la cdp per averne la certezza.

      Ciao,
      Lorenzo

  • Massimiliano Scaletti
    27 gennaio 2014 alle 11:49

    Ma si può almeno avere un’idea di quali banche stanno aderendo?
    Nel mio caso stai istruendo una pratica di mutuo con una banca, ho sospeso per aspettare il plafond casa, ma a breve dovrò andare a rogito, quindi dovrò continuare la pratica.
    Se nel frattempo la mia banca firma questa benedetta convenzione, posso comunque fare domanda per usufruire, allegando l’eventuale delibera per il mutuo “normale”, o dovrò richiedere una nuova delibera per il mutuo in convenzione?
    Certo che prima di pare il proclama si poteva verificare la disponibilità delle banche…

    • Domenico Giammarelli
      27 gennaio 2014 alle 19:19

      Il problema è questo: la cassa depositi e prestiti è pronta, i soldi ci sono, ma nessuna banca AD OGGI ha chiesto la convenzione…Credo sia giusto verificare la reale situazione e riferirla, almeno ci mettiamo il cuore in pace…

  • Tommaso
    22 gennaio 2014 alle 11:57

    Sono molto interessato all’iniziativa. Si potrebbe avere un’idea di quando le prime banche firmeranno queste convenzioni.

    Grazie e saluti

    • Maurizio
      22 gennaio 2014 alle 13:05

      La pubblicheremo non appena possibile.

      Carlo per Maurizio Lupi

      • Francesco
        23 gennaio 2014 alle 13:46

        Una risposta molto esauriente da parte del ministro responsabile dell’iniziativa… Servirebbero informazioni più precise a chi sta facendo affidamento su questa possibilità.

  • Francesco Giovacchini
    21 gennaio 2014 alle 10:26

    Lunghe queste firme…. Credo che sarebbe necessaria chiarezza sui motivi del (spero momentaneo) fallimento dell’operazione.
    Grazie

  • Sara Romano
    20 gennaio 2014 alle 17:41

    Salve oggi sono stata in una filiale di Firenze del gruppo intesa San Paolo e nemmeno il direttore era a conoscenza di questi strumenti. Da giovane cittadina sono desolata.
    Saluti

    • Maurizio
      21 gennaio 2014 alle 10:41

      Sara le banche stanno firmando le intese con la Cassa depositi prestiti. Appena avremo informazioni le pubblicheremo.

      Carlo per Maurizio Lupi

      • Domenico Giammarelli
        21 gennaio 2014 alle 14:52

        Gentile Maurizio, io sono in contatto con la Cassa depositi e prestiti…L’impiegata mi ha detto più volte che loro sono pronti e che nessuna banca, ad oggi, ha firmato nè ha preso contatti con tale ente…..Inizio ad essere disorientato… Mi dica lei se sbaglio ad esserlo!!

  • Domenico Giammarelli
    15 gennaio 2014 alle 12:54

    Ho contattato la cassa depositi e prestiti e mi hanno detto che loro sono pronti e che ad oggi nessuna banca ha presentato richiesta di convenzione…Ora leggo l’aggiornamento del 14 gennaio…Spero che non sia un flop e che sopratutto chi mi ha dato tale notizia non era ben informato…….

  • paolo
    15 gennaio 2014 alle 09:48

    mettiamo che le banche stanno firmando, ma quanto tempo ci vuole? la solita burocrazia!!! perchè non sono stati messi dei tempi massimi di adesione alle banche?

  • domenico mancuso
    14 gennaio 2014 alle 17:12

    Ad oggi giorno 14/01/2014 nessuna banca e’ in grado di concedermi un mutuo con il plafond casa……..queste sono ulteriori modi per prendere in giro le persone……prima i fatti e poi le parole …grazie

    • Maurizio
      14 gennaio 2014 alle 19:37

      Le banche stanno firmando le convenzioni e a breve ne daremo notifica.
      Carlo per Maurizio Lupi

  • Giuseppe
    14 gennaio 2014 alle 01:08

    Mi scusi Lupi ma perchè non dice la verità? Nessuna banca concede soldi al ceto medio basso nemmeno a fronte di presentazione di garanzie, oppure ci indichi unaa filiale di sua conoscenza indicando nomi e cognomi di funzionari a cui rivolgerci, magari dietro sua raccomandazione otterremo attenzione, risponda per favore.

  • GIORDANO BIANCARIA
    13 gennaio 2014 alle 15:11

    Ad oggi la mia filiale Unicredit non ha ricevuto alcuna informazione! Sul sito CDP non sono ancora indicate le banche che hanno aderito! Giornali e TV non ne parlano più … e nemmeno Vespa!! Per poi avere un semplice 2,3% di SPREAD a 30 anni contro un 2,5% o 2,6% già proposto dalle banche!! più che Plafond Casa sembra PlaFLOP casa!!

  • E M
    8 gennaio 2014 alle 14:35

    8 gennaio. In teoria da ieri i soldi sono a disposizione delle banche. I direttori di filiale, di diverse banche che ho provato a contattare, non sanno nulla. All’inizio non sanno proprio di cosa si tratti, poi si informano ma il risultato è che non sanno se la loro banca aderirà, non sanno quali saranno questi tassi agevolati, nulla di nulla…
    …dove sono finiti questi 2 miliardi?

    • Maurizio
      10 gennaio 2014 alle 18:31

      Le banche stanno firmando le prime convenzioni. Vi teniamo aggiornati.

      Carlo Cazzaniga per Maurizio Lupi

  • Lorenzo Capasso
    13 dicembre 2013 alle 17:10

    Perfetto!
    Se non fosse che le banche non ne sanno nulla…fanno finta di nulla come al solito?
    E’ da 15 giorni che cerco una banca che sottoscriva questa convenzione.

    Lorenzo

    • Alyosha Castagna
      28 dicembre 2013 alle 16:42

      ciao mi sono informato parecchio al riguardo e al momento le banche che aderiscono sono unicredit, banca sella, banca carige, monte dei paschi di siena, intesa sanpaolo

      al momento non sono pronte le offerte, considera che il 18/12/2013 sono usciti i primi tassi “spead” per le banche aderenti, quindi in linea di massima dal 2/3 gennaio le banche faranno i fogli informativi al riguardo al massimo tarderanno al 7 gennaio sopo le festività. Il 7 peraltro le banche che hanno aderito riceveranno i soldi della convenzione.

      l’informazione è nulla ma se fai come me, che ho speso 20 € di telefonate a tutte le banche della mia regione e prendi decine di appuntamenti in filiale non risolvi comunque nulla perchè le banche non sanno nulla, tutto quello che puoi sapere è sul sito della depositi e prestiti, sul sito c’è tutto quello da sapere, manca solamente la lista delle banche che aderiscono perchè? non lo so ma spero che presto la pubblichino.

      spero di esserti stato utile

      p.s. considera come tasso TAEG per il fisso un 4,80 % 30 anni se nel mentre vuoi calcolare la rata del tuo futuro mutuo se mi sbaglio mi sbaglio di poco credimi

      • luca po
        1 gennaio 2014 alle 15:33

        Ma perche dovete dire che le banche aderenti sono banca intesa, carige etc,, nessuna banca aderisce in realtà, ho fatto telefonate e visite alle filiali del triveneto, e nessuno sa o fa finta di non sapere proprio nulla. Proprio l’altro giorno banca intesa di mestre mi ha telefonato per darmi conferma che loro proprio non aderiranno mai. La dimostrazione di ciò e nel sito della cassa deposito e prestiti ove potete ben vedere che il link delle banche aderenti non è attivo. Complimenti! La solita trovata pubblicitaria del governo.

        • Lorenzo Capasso
          7 gennaio 2014 alle 14:02

          Nessuna banca ha firmato. Punto.
          Alla cdp aggiorneranno la lista tempestivamente se anche una sola banca dovesse firmare, li ho già chiamati diverse volte.
          E’ uno schifo che ci sono i fondi, oggi vengono messi a disposizione e nessuna banca aderisce…Ma la gente non può aspettare i comodi delle banche.
          Non potevano trovare un modo per dare le agevolazioni direttamente al cittadino che aveva i requisiti per farlo?

          • Maurizio
            10 gennaio 2014 alle 18:30

            Le banche stanno firmando le prime convenzioni. Vi teniamo aggiornati.

            Carlo Cazzaniga per Maurizio Lupi


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*


Regolamento Commenti

captcha

Please enter the CAPTCHA text

20 maggio 2014

Piano Casa Lupi è legge e affronta l’emergenza casa

Diventa legge il Piano Casa Lupi fortemente voluto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi per affrontare...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
26 agosto 2013

13.700 posti di lavoro creati con gli incentivi per le ristrutturazioni

Il decreto del Fare con gli incentivi fiscali per le ristrutturazioni crea 13.700 posti di lavoro, lo dice Confartigianato....

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
7 gennaio 2013

Monti ha cambiato idea sull’imu?

Monti per la campagna elettorale apre all’abolizione dell’imu… Siamo proprio prima delle elezioni! Infatti il 28 dicembre aveva detto...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
17 settembre 2012

Togliere Imu su prima casa è priorità

Togliere l’Imu sulla prima casa è la priorità. Le risorse possono essere trovate da altre parti, come nel contenimento...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
x

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Privacy *