Google Google+

Porti: approveremo un piano chiaro e concreto

9 febbraio 2015 di Maurizio Lupi

“Vogliamo approvare un piano strategico nazionale della portualità e della logistica, che non sia l’ennesimo libro bianco o piano di studi, ma che abbia azioni e strategie chiare e molto concrete”. Lo ha detto il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, aprendo gli Stati Generali di Porti e Logistica.

“Deve essere chiaro a tutti che abbiamo una sfida comune – ha aggiunto – Il piano sarà uno dei pilastri fondamentali affinchè il Paese torni a crescere ed essere competitivo. Bisogna avere il coraggio di cambiare, ognuno di noi, dalle Istituzioni agli operatori del settore. Tutti insieme uniti si vince o si perde la sfida”.

Il cluster portuale e marittimo nazionale include oltre 11 mila imprese, produce un valore aggiunto diretto di quasi 7 miliardi, impiegando circa 90 mila persone, con un incidenza sul Pil pari al 2,6%. Via mare transitano circa il 70% delle importazioni e quasi il 50% delle esportazioni italiane, quote che superano l’80% se si considerano solamente gli scambi extra Ue. L’interscambio commerciale vale oltre 220 miliardi, corrispondente ad oltre il 15% del Pil nazionale.

“Di conservazione si muore, c’è la necessità di rimettersi in gioco tutti – ha concluso il ministro Lupi- noi vorremmo rispettare i tempi, entro fine del mese presenteremo nel dettaglio il piano strategico della portualità”.

ROMA (ITALPRESS)


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
19 giugno 2017

Tim: Lupi, Calenda dica se Governo vuole creare monopolio

«Sulla vicenda della fibra a banda larga e delle polemiche di membri dell’esecutivo ed esponenti del Partito democratico sollevate...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
19 giugno 2017

Consip: Lupi, bene dimissioni rappresentanti Tesoro

«La politica deve tutelare uno strumento importante per l’amministrazione pubblica, ha fatto bene il Ministero dell’Economia a chiedere le...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
19 giugno 2017

Ius soli: Lupi, Lega ritiri 80 mila emendamenti al Senato

«Non tiriamo i vescovi per la tonaca: la Cei ha il diritto-dovere di intervenire sullo ius soli, i partiti...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >