Google Google+

Referendum, votare Si’ per cambiare e ridurre costi

27 ottobre 2016 di Maurizio Lupi

(ANSA) – BARI, 27 OTT – “Noi voteremo ‘Si” al referendum costituzionale mentre molti si riempiono la bocca parlando dei costi della politica e poi, quando finalmente si possono ridurre, dicono di no. Mi viene il dubbio che per loro si voglia ridurre solo a parole, mentre noi vogliamo iniziare a cambiare le cose”. Lo ha detto il presidente del gruppo di Area Popolare alla Camera dei deputati, Maurizio Lupi, intervenendo oggi a Bari, insieme al sottosegretario al Lavoro e coordinatore regionale di Ap, Massimo Cassano, ad un incontro organizzato dal partito in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre.

“C’e’ bisogno di una nuova politica, che non usi alibi e giustificazioni – ha aggiunto Lupi – che su tutto inizi a cambiare le cose. Noi chiediamo alla politica di fare un passo indietro dalle risse continue sulla riforma e chiediamo che si possa spiegare ai cittadini che il referendum e’ una grande occasione affinché loro siano protagonisti. E’ l’occasione non per mandare a casa qualcuno o per risolvere le liti interne dei partiti, ma per dire – ha spiegato Lupi – se si vogliono ammodernare le istituzioni, se si vuol far tornare il popolo ad essere protagonista con leggi popolari che dovranno obbligatoriamente essere approvate dalla Camera una volta presentate. Insomma i cittadini entrino nel merito, vadano a votare e con libertà, decidano se dire si’ o no”.

“Credo che il lavoro di questo governo e gli interessi dei cittadini – ha aggiunto Cassano – che vanno oltre quelli dei partiti, porteranno a prendere una scelta seria che e’ quella di votare ‘Si” alla riforma”. (ANSA).


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
1 luglio 2015

Demagogia dà consenso ma danneggia gente


7 febbraio 2017

Basta perdere tempo, Pd non faccia melina e porti a casa intesa enti locali


22 marzo 2017

DROGHE FANNO TUTTE MALE. LIBERALIZZAZIONE SAREBBE LAVARSI LA COSCIENZA


6 giugno 2015

Lupi querela Il Fatto: menzogne, articolo diffamatorio