Google Google+

Con Sì al referendum effetti positivi su vita cittadini

13 ottobre 2016 di Maurizio Lupi

 Leggi in 70 giorni e non più 563. Così si interviene su emergenze rapidamente

“L’emergenza ambientale o della scuola sono senz’altro priorità del Paese, e questo governo ha dimostrato ampiamente di avere a cuore i problemi dei cittadini, intervenendo concretamente con risorse e unità speciali, ma far passare il messaggio che queste priorità siano in contraddizione con il referendum, ovvero con la possibilità di rendere più moderne le nostre istituzioni, è un errore grossolano” lo ha detto Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare a Tagadà su La7.

“Se dobbiamo intervenire sull’emergenza ambientale, sul lavoro o sull’economia, serve una legge. Fino ad oggi, servivano in media 563 giorni per fare una legge, con la riforma siamo in grado di fare una legge in 70 giorni. E’, dunque, evidente che il cattivo funzionamento delle nostre istituzioni, la lentezza del sistema, ricade negativamente sulla pelle dei cittadini” conclude.

Roma, 13 ottobre 2016


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
18 giugno 2016

I Lumbard? Solo un pezzo dell’alleanza- Intervista a Repubblica Milano


22 febbraio 2017

Se Orfini vuole Ius Soli se lo voti da solo


17 settembre 2016

Il progetto di Stefano Parisi è anche il mio – Intervista al Mattino


26 ottobre 2015

Non sono interessati a candidarmi a Milano, ma creare condizioni modello per centrodestra