Google Google+

Sì alle unioni civili, no all’adozione

29 dicembre 2015 di Maurizio Lupi

Sono d’accordo con il presidente del Consiglio, nel 2016 dobbiamo portare a casa le unioni civili. Le unioni civili, appunto. Non il matrimonio tra omosessuali. Il riconoscimento dei diritti per le coppie omosessuali non equipara e non equiparerà queste unioni all’istituto del matrimonio e alla famiglia così come vengono riconosciuti dalla nostra Costituzione, la più bella del mondo come si dice spesso. Forzature in tal senso non hanno riscontro nella nostra Carta costituzionale, nella nostra tradizione culturale e nell’idea di famiglia che hanno gli italiani in stragrande maggioranza. Renzi dice che è un tema che divide, ciò che dividerebbe gli italiani non è il riconoscimento di un diritto, ma l’associazione a questo riconoscimento dello status di famiglia e della possibilità di adozione. Unioni civili non è sinonimo di ddl Cirinnà, è un testo che, proprio nella distinzione tra unioni omosessuali e famiglia e nella concessione della stepchild adoption va profondamente rivisto.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
22 agosto 2015

La Chiesa deve testimoniare anche con toni duri. E la politica è in crisi profonda – Intervista al Corriere della Sera


3 giugno 2015

Jobs Act funziona, adesso avanti con riforma scuola


14 luglio 2015

La mia stima per Ada De Cesaris. Ma giunta Pisapia è allo sbando


14 maggio 2016

I referendari frenino. Ma con le adozioni salta la maggioranza