Google Google+

Social Card 2013: informazioni e requisiti

28 ottobre 2013 di Maurizio Lupi
social card requisiti governo berlusconi acquisti

(aggiornato al 29 ottobre) Come ottenere la nuova Social Card 2013? Ecco maggiori dettagli sui recquisiti per richiederla, il suo valore e le città in cui è già partita la sperimentazione

 

AGGIORNAMENTO 29 OTTOBRE

Tra gli interventi previsti dalla Legge di stabilità finanziaria ci sono:

  • l’incremento del fondo con 250 milioni di euro per il 2014
  • L’estensione dei benefici anche ai cittadini stranieri che hanno il permesso di soggiorno. La carta acquisti non è più limitata ai cittadini italiani ma anche «ai comunitari non aventi la cittadinanza di uno stato membro che siano titolari di diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o ai cittadini stranieri in possesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo».

 

Le Social Card diventano due:

  1. La nuova social card 2013 che è esposta di seguito
  2. La vecchia social card 2008 che aveva un valore di 40€ al mese ed era destinata ad ultra 65enni e a nuclei familiari con reddito ISEE inferiore ai 6.000€ e figli con meno di 3 anni. Nel 2011 hanno beneficiato della carta acquisti oltre 535mila persone, per un importo complessivamente erogato pari a oltre 207 milioni e 2.500 accrediti effettuati. Leggi qui maggiori informazioni sulla vecchia social card 2008.

 

COS’È LA SOCIAL CARD 2013

La nuova social card 2013 è una carta acquisti, un ammortizzatore sociale partito da gennaio 2013 in via sperimentale in 12 grandi città italiane e potrà essere esteso al resto d’Italia. Le due social card non si escludono a vicenda perchè hanno obiettivi e destinatari diversi: la Social Card 2013, infatti, è rivolta alle famiglie escluse dal mondo del lavoro come strumento di lotta alla povertà minorile.

Il Governo ha stanziato i 50 milioni necessari alla sperimentazione e al contributo mensile si affianca un progetto guidato anche dai Servizi Sociali. L’assegnazione del contributo, infatti, sarà affiancata da percorsi di reinserimento a livello lavorativo e sociale e le famiglie povere che otterranno la social card 2013 dovranno impegnarsi a trovare un lavoro, a partecipare ad iniziative di formazione e a mandare a scuola i figli.

Ti è servito questo articolo? > Iscriviti alla newsletter

Anche la mia città, Milano, sperimenta la nuova social card 2013. Con i fondi a disposizione di 5,58 milioni di euro si possono aiutare 1.500 famiglie. Tra le città che riceno più fondi per la nuova social card c’è Roma, con 11.757.543 euro, seguita da Napoli (8.959.603) e Palermo (6.123.946). La grande città che vedrà arrivare meno soldi sarà Verona, con 1.114.021 euro.

LEGGETE ANCHE: Social Card 2013: i bandi dei comuni che la sperimentano

 

VALORE DELLA SOCIAL CARD 2013

La nuova social card 2013 parte da un minimo di 231 euro fino ad un massimo di 404 euro mensili erogato ogni due mesi dal Comune che ha rilasciato la carta acquisti:

  • 231€ per le famiglie composte da 2 persone
  • 281€ per le famiglie di 3 persone
  • 331€ per le famiglie di 4 persone
  • 404€ per le famiglie di 5 o più persone

 

REQUISITI PER RICHIEDERLA

La social card 2013 è rivolta a cittadini italiani ma anche i cittadini di altri paesi dell’Ue e i cittadini extracomunitari, come recita il decreto ministeriale “in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo”. L’importante è che siano residenti da almeno un anno in una delle 12 città in cui è partita la sperimentazione (Milano, Torino, Venezia, Verona, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Catania e Palermo) e in possesso dei seguenti condizioni:

Condizioni economiche:

  • ISEE non superiore a 3.000 euro;
  • valore ai fini ICI della abitazione inferiore a euro 30.000;
  • altri limiti di tipo patrimoniale e reddituale (es. patrimonio mobiliare – conti correnti, etc. – inferiore a euro 8.000);
  • altri limiti sul possesso di auto e motocicli (es. assenza di autoveicoli immatricolati nei 12 mesi antecedenti la richiesta).

Condizioni lavorative:

  • estremo disagio lavorativo della famiglia (es. disoccupazione di tutti i membri adulti oppure, in caso di occupazione, redditi da lavoro complessivamente inferiori a euro 4.000 nei sei mesi precedenti).

Altri requisiti:
Precedenza per l’accesso alla sperimentazione, a parità di altri condizioni, per i Nuclei Familiari in almeno una delle seguenti condizioni:

  • disagio abitativo;
  • nucleo familiare costituito esclusivamente da genitore solo e figli minorenni;
  • nucleo familiare con tre o più figli minorenni ovvero con due figli e in attesa del terzo figlio;
  • nucleo familiare con uno o più figli minorenni con disabilità;
  • ulteriori criteri potranno essere identificati dai Comuni.

Per assegnare la social card 2013 verrà formata una graduatoria che darà precedenza a: famiglie con nucleo familiare costituito da genitore solo e figli minorenni, famiglie con nucleo familiare composto da 3 o più figli e famiglie con uno o più figli disabili.

Secondo questa stima sono circa 370.000 i soggetti beneficiari. Ma i comuni potranno anche integrare a loro discrezione ulteriori criteri come la monogenitorialità, il disagio abittivo, la presenza di figli disabili a carico etc.

 

COME FARE RICHIESTA

La documentazione necessaria per richiedere la social card 2013 si trova presso i Comuni e la richiesta deve essere effettuata da un componente della famiglia direttamente al Comune di residenza rispettando tempi e modi stabiliti dal Comune stesso.

Come riportato sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali “Nelle prossime settimane i Comuni predisporranno apposite comunicazioni sulle modalità di presentazione della domanda per accedere al beneficio. I Comuni dovranno infatti entro metà settembre stilare una graduatoria dei richiedenti la Carta sperimentale.”

Non verrà certo ricordata come uno strumento sussidiario ma aiuta a rispondere alle numerosissime richieste di aiuto da parte dei cittadini in difficoltà economica.


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
17 dicembre 2014

Quirinale: Pd impari da errori, no a un “X Factor”

Sul Quirinale “io credo che il metodo che noi affermiamo con forza, ma credo che anche Renzi lo condivida,...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
17 dicembre 2014

Legge elettorale approvata entro fine gennaio

“Se l’accordo nella maggioranza verrà confermato credo che prima della fine di gennaio possa essere approvata” la legge elettorale....

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
17 dicembre 2014

Mafia Roma: coop hanno forza per espellere chi sbaglia

“Dobbiamo combattere tutti contro chi rovina le cose, quella delle cooperative è una presenza indispensabile in questo paese che...

LEGGI IL TESTO COMPLETO >
x

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Privacy *