Google Google+

UNA FORTE INIZIATIVA ITALIANA IN EUROPA

8 luglio 2015 di Maurizio Lupi

Le proposte di Area Popolare  sulla situazione greca

  1. NON SPACCIARE L’IRRESPONSABILITA’ PER DEMOCRAZIA

Un Pese non decide per tutti. Un’ipotesi ottimistica prevede che ogni italiano dovrà pagare duemila euro di tasse in più in conseguenza dell’insolvenza di Atene. Questa non è una vittoria della democrazia ma dell’irresponsabilità di chi decide di scaricare le proprie inefficienze sulle spalle degli altri.

  1. NO AL GREXIT, TRATTATIVA IN CAMBIO DI RIFORME

Stanziati 164,5 miliardi di euro, rinuncia agli interessi sui bond greci da parte degli Stati Ue. Atene paga il suo debito con un interesse all’1,4%, l’Italia al 4,7. Nuovi aiuti solo in cambio di un serio piano di riforme (pensioni, Iva, sussidi, privatizzazioni).

  1. I DANNI DEL POPULISMO DI TSIPRAS LI PAGA IL POPOLO GRECO

40mila persone hanno perso il lavoro in Grecia negli ultimi giorni, si calcola che la cura Tsipras costerà alla Grecia tra i 5 e i 10 punti di Pil.

  1. NON UN’EUROPA TEDESCA MA UNA GERMANIA EUROPEA

Le rigidità mostrate in questo e in altri casi da Berlino non possono definire il ruolo e l’ideale dell’Europa, che si è ridotto a un’azione burocratico-ragionieristica proprio dopo che i primi a tradirne le regole furono i tedeschi e i francesi. La serietà dei bilanci non può e non deve escludere politiche di crescita.

  1. ORA SERVE PIU’ EUROPA, L’UNIONE DEVE CAMBIARE

Euro, crescita, immigrazione. Il cammino iniziato con l’unione monetaria, e l’ arrestatosi, deve proseguire con l’unione fiscale, economica e politica. Sì all’elezione diretta del presidente della Commissione.

  1. IL RUOLO GEOPOLITICO DELLA GRECIA

L’alternativa Putin non sembra al momento realisticamente praticabile, nonostante le strizzate d’occhio di Tsipras. Ma occorre vigilare, anche gli USA non solo l’Ue, perché i tentativi di portare Atene (e un Paese della Nato) nella sfera di influenza di Mosca possono essere molteplici.

  1. IL GOVERNO ITALIANO DEVE PRENDERE UN’INIZIATIVA

Nell’immediato si tratta di passi concreti per cambiare profondamente l’Unione europea e farle riprendere il cammino verso una struttura comunitaria e non intergovernativa (Anticipare la  revisione del bilancio europeo, del Six Pack e l’integrazione del Fiscal compact nel sistema dei trattati europei, prevedere la messa in comune di una parte significativa dei debiti pubblici, varare gli Eurobond, rilanciare un programma europeo di investimenti potenziando il piano Juncker).

 


Iscrivimi alla newsletter di Maurizio Lupi
6 ottobre 2016

CANNABIS, BENE RITORNO IN COMMISSIONE. ALTRO CHE OSTRUZIONISMO,  EMENDAMENTI PER EVITARE LEGGE SBAGLIATA


29 gennaio 2016

BENE FRANCESCHINI, HA RECEPITO NOSTRE PROPOSTE SU #CINEMA


7 maggio 2016

Vietare ai bambini la festa della mamma è una follia


19 aprile 2016

Sul patto anti ostruzionismo Parisi ha ragione da vendere