Polemiche su fiction Schiavone surreale 

 “Vieteremo anche Piedone lo sbirro?”

(ANSA) – ROMA, 17 NOV – “Questa polemica sul commissario Schiavone ha del surreale. E’ una fiction, mica un documentario sulla Polizia di Stato. Una fiction tratta dai bellissimi libri di Antonio Manzini, leggeteli, e non e’ che potessero cambiare i connotati del protagonista, che e’ poi un uomo con il suo carattere, i suoi limiti, i suoi guai, che fa il poliziotto. E, stando ai risultati delle sue indagini, lo fa bene. Ora sento giudizi del tipo: ‘questa fiction ha solo una finalita’ negativa’, ma di questo passo arriveremo a vietare le repliche in tv dell’ispettore Callaghan, di Sherlock Holmes che si faceva di coca e di morfina e financo di Piedone lo sbirro che mena come un fabbro. E se vogliamo esagerare, sia detto come iperbole, questa e’ una china per la quale prima o poi si arriva alle denunce contro l’arte degenerata. Rilassiamoci, guardiamo il commissario Schiavone se ci piace, cambiamo canale se non ci aggrada, ma lasciamo stare ‘il partito dell’anti-polizia che ha radici profonde’, che non c’entra niente”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare e “soprattutto gran lettore di Manzini”. (ANSA).