fbpx
SEMPLIFICAZIONE E SBUROCRATIZZAZIONE

Questo PNRR non è solo un insieme di progetti, di numeri, ma è il più grande strumento per la riforma dell’Italia. Per 25 anni abbiamo detto ai cittadini che non potevamo fare le riforme, perché non avevamo le risorse. Oggi abbiamo le risorse e la prima sfida restano le riforme, prime fra tutte semplificazione e sburocratizzazione, che dobbiamo fare il bene del nostro Paese. Perché? Perché in Italia per spendere 100 milioni, lo dico come ex ministro dei lavori…

Continua a leggere …

DOBBIAMO PROGRAMMARE LA RIAPERTURA

Quello che le persone chiedono non è il diritto all’assistenza, ma è il diritto di tornare a essere protagonisti delle proprie vite, il diritto di avere una dignità data dal proprio lavoro e le categorie che stanno protestando lo fanno proprio per raccontare questo disagio che conosciamo e per chiedere certezze sul loro futuro. Non sono solo i dati sanitari ad essere drammatici, lo sono anche quelli economici e sociali: in un anno, nonostante il blocco dei licenziamenti, abbiamo…

Continua a leggere …

GRAVE ERRORE PROROGARE GLI SFRATTI E TOLLERARE L’OCCUPAZIONE ABUSIVA

La casa è certamente un diritto fondamentale delle persone e della loro dignità ma è inaccettabile che, ancora oggi nella discussione sul Milleproroghe, si cerchi di scaricare questo diritto, per mancanza di proposte, su un altro diritto inviolabile: la proprietà. Se non si paga l’affitto è giusto che il proprietario rivendichi il diritto di riappropriarsi della propria casa, perché la crisi economica esiste per tutti, sia per chi paga l’affitto e sia per chi affitta gli immobili. Quando da…

Continua a leggere …

L’ITALIA HA BISOGNO DI VISIONE NON APPROSSIMAZIONE

Dopo il governo Conte/Casalino, con la sua continua improvvisazione, approssimazione e indecisione, mi conforta il metodo con cui Draghi ha voluto definire lo stile del suo esecutivo: il confronto con il Parlamento, l’informazione tempestiva agli italiani (che non sono sudditi ma la vera risorsa della nostra comunità) sul cambiamento delle regole, la qualità e la rapidità delle decisioni (ad esempio nella campagna vaccinale), il concentrarsi sugli obiettivi strategici evitando dispersione di risorse in lunghi elenchi di progetti, interventi strutturali…

Continua a leggere …

NO ALLA FIDUCIA A QUESTO GOVERNO

Non so nell’ultimo anno in che Italia abbia vissuto il presidente Conte, ma so che oggi è venuto in aula a dirci che “tutto va bene madama la marchesa”, come in quella famosa canzone francese in cui il maggiordomo rassicurava la signora mentre il castello bruciava. So che un anno fa andava rassicurante in tv dicendo “Siamo prontissimi!”, ma che poi abbiamo scoperto che non avevano neanche un piano pandemico; So che hanno chiuso le scuole a marzo e…

Continua a leggere …

CONTE E DIMISSIONI

Non si può tollerare che si faccia finta di niente. Conte o si dimette dal Presidente della Repubblica o viene in Parlamento subito per vedere se ha ancora una maggioranza. Il Parlamento è l’unico luogo che legittima i governi perché rappresenta la volontà popolare. Non si può più perdere tempo, lo dobbiamo a famiglie e imprese. IL MIO VIDEO SU FB

Continua a leggere …

COVID E IL NUOVO VIRUS DELLA RASSEGNAZIONE

Oltre al dannato Covid, oggi c’è un altro virus che si sta insinuando tra le persone: la rassegnazione. La rassegnazione delle scuole, degli studenti, dei commercianti, delle persone. Il mio intervento in aula in risposta al Ministro Speranza. IL MIO VIDEO SU FB

Continua a leggere …

IL COVID E’ Il QUINTO PARTITO DEL GOVERNO

In questi mesi ho maturato una convinzione: la maggioranza che sostiene il governo non è fatta di quattro partiti (Pd, M5s, Iv e Leu) ma di cinque. Il quinto partito si chiama Covid. Non ho ancora ben capito però se sia lui che lavora per loro o se siano loro a lavorare per lui. In ogni caso è l’unico motivo, l’unico collante che li tiene ancora insieme e in piedi. E mentre continuano a spostare in là la soglia…

Continua a leggere …

MES, BISOGNA RIFORMARLO

Perché se vediamo dei limiti dobbiamo votare sì alla riforma del MES? Perché non metterci in gioco come Paese fondatore per riformare uno strumento tecnocratico che è stato costruito su logiche vecchie, oggi che il mondo è radicalmente cambiato? Il Mes salva-stati va radicalmente riformato, ma quella che ci propongono è una riforma che ci mette in mano a una tecnocrazia che può decidere che cosa fare del nostro debito pubblico. Piuttosto usiamo i 37 miliardi del Mes per…

Continua a leggere …

4° DPCM, NATALE 2020

L’eccesso di comunicazione del Governo crea dei paradossi singolari: se si allentano certe restrizioni (vengono riaperti i negozi) è merito del Governo ma se poi le persone, giustamente, vanno a comprare qualcosa, allora sono irresponsabili. Gli italiani hanno dimostrato grande responsabilità fino ad oggi, non abusiamone. IL VIDEO SU FACEBOOK

Continua a leggere …