fbpx
ALTA VELOCITÀ E PONTE SULLO STRETTO

Il tema delle infrastrutture non ha bisogno di scontri ideologici. Oggi infatti, nel 2021, abbiamo conquistato un principio che quando ero ministro non avevamo: l’Alta Velocità crea ricchezza, crea domanda economica, collega il Paese ed è compatibile con l’ambiente. Ma è mai pensabile progettare di collegare il Sud facendo finire l’alta velocità in Calabria escludendo totalmente dall’Italia la Sicilia? È mai pensabile nel 2021, alla faccia della competitività, di avere collegamenti infrastrutturali fatti da treni che prendono traghetti con…

Continua a leggere …

MYANMAR, FERMIAMO GLI ATTACCHI ALLE CHIESE

Noi con l’Italia è ferma nel condannare ogni violenza che metta in discussione la dignità umana in Myanmar, paese nel quale infuria il conflitto tra esercito birmano e forze di difesa popolari che si oppongono alla giunta militare. Ho accolto l’appello urgente che il Presidente e i vescovi della Conferenza episcopale birmana hanno rivolto al mondo intero sul rispetto della dignità umana per la cessazione degli attacchi militari contro i luoghi di culto, trasformati oggi in luoghi di rifugio…

Continua a leggere …

SEMPLIFICAZIONE E SBUROCRATIZZAZIONE

Questo PNRR non è solo un insieme di progetti, di numeri, ma è il più grande strumento per la riforma dell’Italia. Per 25 anni abbiamo detto ai cittadini che non potevamo fare le riforme, perché non avevamo le risorse. Oggi abbiamo le risorse e la prima sfida restano le riforme, prime fra tutte semplificazione e sburocratizzazione, che dobbiamo fare il bene del nostro Paese. Perché? Perché in Italia per spendere 100 milioni, lo dico come ex ministro dei lavori…

Continua a leggere …

DOBBIAMO PROGRAMMARE LA RIAPERTURA

Quello che le persone chiedono non è il diritto all’assistenza, ma è il diritto di tornare a essere protagonisti delle proprie vite, il diritto di avere una dignità data dal proprio lavoro e le categorie che stanno protestando lo fanno proprio per raccontare questo disagio che conosciamo e per chiedere certezze sul loro futuro. Non sono solo i dati sanitari ad essere drammatici, lo sono anche quelli economici e sociali: in un anno, nonostante il blocco dei licenziamenti, abbiamo…

Continua a leggere …

SCUDO PENALE PER I MEDICI

Abbiamo sempre chiesto lo scudo penale per il personale medico e sanitario sin dall’inizio della pandemia: chiamare eroi i nostri medici e infermieri e farli lavorare sotto la spada di Damocle di una denuncia o di una indagine era una contraddizione e anche un’ingratitudine. Lo Scudo Penale per il personale medico e sanitario impegnato nella campagna vaccinale è un importante passo che tutela chi, su richiesta dello Stato, presta la sua opera e la sua professionalità per la lotta…

Continua a leggere …

PROPOSTE PER IL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

Oggi alla Camera è iniziata la discussione generale sul famoso PNRR, il Piano nazionale di ripresa e resilienza che attuerà il Recovery Plan in Italia. Il testo originale prodotto dal governo Conte era innegabilmente scritto male, qualsiasi organo o persona che lo abbia studiato non ha potuto che confermarlo: mancava di strategia, progettualità e di una visione di insieme. Tanti piccoli progetti legati da logiche assistenzialistiche e pauperistiche di cui, la grandissima maggioranza, non avevano neanche la previsione di…

Continua a leggere …

GRAVE ERRORE PROROGARE GLI SFRATTI E TOLLERARE L’OCCUPAZIONE ABUSIVA

La casa è certamente un diritto fondamentale delle persone e della loro dignità ma è inaccettabile che, ancora oggi nella discussione sul Milleproroghe, si cerchi di scaricare questo diritto, per mancanza di proposte, su un altro diritto inviolabile: la proprietà. Se non si paga l’affitto è giusto che il proprietario rivendichi il diritto di riappropriarsi della propria casa, perché la crisi economica esiste per tutti, sia per chi paga l’affitto e sia per chi affitta gli immobili. Quando da…

Continua a leggere …

L’ITALIA HA BISOGNO DI VISIONE NON APPROSSIMAZIONE

Dopo il governo Conte/Casalino, con la sua continua improvvisazione, approssimazione e indecisione, mi conforta il metodo con cui Draghi ha voluto definire lo stile del suo esecutivo: il confronto con il Parlamento, l’informazione tempestiva agli italiani (che non sono sudditi ma la vera risorsa della nostra comunità) sul cambiamento delle regole, la qualità e la rapidità delle decisioni (ad esempio nella campagna vaccinale), il concentrarsi sugli obiettivi strategici evitando dispersione di risorse in lunghi elenchi di progetti, interventi strutturali…

Continua a leggere …

DRAGHI VUOLE UN GOVERNO PER IL PAESE

Mario Draghi con il suo discorso ha confermato il motivo per cui da subito gli abbiamo accordato la nostra fiducia: un “governo del Paese”, senza aggettivi, cioè, per dirla con le parole del presidente della Repubblica “un Governo di alto profilo, che non debba identificarsi con alcuna formula politica”. L’unità a cui ha richiamato il Parlamento – è un dovere, ha detto – non è un di meno per la politica, comporta certo delle rinunce, ma è “un passo…

Continua a leggere …

ASCOLTEREMO LE PROPOSTE DI MARIO DRAGHI

Dal presidente della Repubblica è arrivata una proposta chiara e autorevole, con un presidente del Consiglio incaricato di altissimo profilo. Incontreremo il presidente Draghi, ascolteremo le sue proposte, avanzeremo le nostre e con la serietà dovuta le valuteremo insieme nel centrodestra. L’unità del centrodestra è stata decisiva per la chiusura dell’esperienza Conte e del governo giallorosso, il peggiore e più inconcludente dei governi. Con lo stesso metodo, cioè insieme, decideremo ora. L’alternativa restano solo le elezioni.

Continua a leggere …