LA CAMERA DICA SI ALLA NOSTRA MOZIONE PRO NUCLEARE

Il tema del Nucleare è troppo importante e strategico per il futuro del Paese. Dopo due mesi di rinvii, ora è il momento di decidere: auspichiamo che il Parlamento approvi la Mozione di Noi con l’Italia che la conferenza dei capigruppo ha calendarizzato per il 7 luglio. La nostra mozione è stata sottoscritta anche da Italia Viva e ci auguriamo che altre forze politiche si aggiungano. Raggiungere l’autosufficienza energetica e non scaricare i costi delle crisi geopolitiche su famiglie…

Continua a leggere …

AIUTIAMO L’UCRAINA AFFINCHE’ POSSA CONTINUARE AD ESISTERE

Quando ieri ho sentito dire al Senato: “Passiamo dalla diplomazia delle armi alle armi della diplomazia” mi sono cadute le braccia. Scusate, ma è un gioco di parole disarmante, semplicistico, falso. Uno slogan inadeguato per una discussione dentro il Parlamento. Davvero qualcuno può pensare che ci sia chi auspica la guerra? Quello che sta accadendo in Ucraina è diverso: abbiamo deciso di aiutare l’aggredito a resistere all’aggressore, che è la Russia se qualcuno non lo avesse ancora ben capito,…

Continua a leggere …

I RISULTATI DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

Finché nel centrodestra continueremo a giocare alla competizione interna non governeremo mai il Paese e non realizzeremo mai le riforme che servono per rendere l’Italia competitiva. Come diceva De Gasperi: solo se uniti saremo forti. Commentiamo insieme le elezioni amministrative e i risultati incoraggianti di Noi con l’Italia.

Continua a leggere …

HABEMUS IL PRIMO INVIATO PER LA LIBERTA’ RELIGIOSA

Habemus inviato. L’Italia ha nominato il suo primo Inviato per la libertà religiosa, un diritto purtroppo negato in oltre 60 Paesi del mondo. In commissione Affari Esteri della Camera dei deputati abbiamo lavorato con determinazione per raggiungere questo traguardo e sono contento che l’adesione alla risoluzione che proponeva l’istituzione di questa figura sia avvenuta all’unanimità. Desidero congratularmi con il consigliere diplomatico designato, Andrea Benzo, per questa grande responsabilità, sarà impegnato nei consessi internazionali a difendere i diritti delle minoranze…

Continua a leggere …

DECRETO UCRAINA, SAPER SCEGLIERE TRA PAURA E CORAGGIO

La maturità di una classe politica nei momenti di crisi si dimostra nel saper scegliere tra il coraggio e la paura e non per la ricerca del consenso. Sono favorevole al decreto Ucraina per il contenuto puntuale dei provvedimenti, che aiutano famiglie e imprese in difficoltà per le conseguenze economiche della guerra, ma soprattutto per coerenza con la responsabilità che ci siamo assunti decidendo di aiutare gli aggrediti, gli ucraini. Ne va della collocazione internazionale del nostro Paese, della…

Continua a leggere …

GLI ITALIANI HANNO IL DIRITTO DI SCEGLIERE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Questo Parlamento, dopo aver approvato la peggiore riforma costituzionale della propria storia, quella del taglio dei parlamentari, fatta senza aver toccato l’assetto istituzionale, rischia ora di sprecare di l’opportunità di approvare il presidenzialismo. Si rifiuta addirittura solo di discuterne, come se nessuno avesse mai rilevato la necessità di una qualche forma di razionalizzazione della nostra forma di governo. Tutto questo è paradossale. Come è paradossale anche che proprio i paladini della democrazia diretta, i grillini eletti sulla base di…

Continua a leggere …

NO ALL’ULTRA-ASSISTENZIALISMO

L’estensione del Bonus di 200 euro anche ai percettori del reddito di cittadinanza che già usufruiscono di un aiuto da parte dello stato è un’ingiustizia. I bonus devono andare ai settori produttivi del Paese, alle imprese, ai lavoratori e alle famiglie che a causa della crisi si trovano in una situazione di sofferenza. Aggiungere il bonus al reddito di cittadinanza è una forma di ultra-assistenzialismo che non fa bene a nessuno. L’Ultra-Assistenzialismo del Movimento 5 Stelle rende ancor più…

Continua a leggere …

ACCOLTA LA NOSTRA PROPOSTA DEL BONUS CON GLI EXTRAPOFITTI

Noi con l’Italia aveva chiesto al presidente del Consiglio Draghi di raddoppiare dal 10 al 20% il prelievo sugli extraprofitti delle imprese dovuto al caro energia e di innalzare a 30 mila euro la soglia Isee per ottenere il bonus di aiuto per il caro bollette. Il governo ha accolto lo spirito e buona parte della sostanza della nostra richiesta portando il prelievo al 25% ed estendendo il bonus a tutti coloro che hanno redditi fino a 35 mila…

Continua a leggere …

DECRETO CARBURANTI, IMPORTANTE MA SERVE L’AUTOSUFFICIENZA ENERGETICA

Il Decreto Carburanti è un inizio importante per andare incontro alle esigenze di famiglie e imprese, ma altre cose possono e devono essere messe in campo, soprattutto se si dovesse prendere in considerazione uno scostamento di bilancio. Ad esempio la riduzione al 5% dell’Iva di alcuni beni di prima necessità come carne, pesce, latte e riso, e l’aumento del limite Isee dagli attuali 12000 euro a 30000 per rientrare nella categoria di coloro che possono usufruire del bonus energia….

Continua a leggere …

GUARDIAMO AL DEF CON REALISMO PER FAMIGLIE E IMPRESE

Dobbiamo guardare a questo DEF con realismo perché la situazione di famiglie e imprese è molto difficile: carenza di Materie Prime (siamo il secondo paese manifatturiero d Europa), crisi energetica (quando faremo un piano energetico nazionale serio, prevedendo il nucleare come fonte green?), inflazione galoppante (che aggredisce particolarmente i giovani, erodendo le loro possibilità economiche) e una coesione sociale che rischia di sfaldarsi. Dopo 2 anni di guerra al virus la politica non può lasciare famiglie e le imprese…

Continua a leggere …