fbpx
«Silvio ha visto giusto. C’è un pezzo del Paese che vuole avere voce»

«Silvio ha visto giusto. C’è un pezzo del Paese che vuole avere voce»   Onorevole Maurizio Lupi, lei è stato tra i primi ad aderire al progetto di una federazione dei moderati lanciata da Silvio Berlusconi. Può davvero funzionare il progetto de L’Altra Italia? «Ricordo che Berlusconi già nel gennaio di quest’anno, nella ricorrenza dei cento anni dal discorso ai liberi e forti di Don Sturzo, lanciò il suo appello a L’Altra Italia. Dissi subito che l’intuizione era giusta….

Continua a leggere …

Altra Italia: Bene l'appello di Berlusconi 

Altra Italia: Bene l’appello di Berlusconi Leggiamo l’appello di Silvio Berlusconi all”altra Italia’ per una nuova aggregazione dei moderati italiani. E’ ciò che abbiamo sempre auspicato, una federazione, un rassemblement, lo si chiami come si vuole, che abbia come sua prima caratteristica l’apertura a forze nuove, alla società civile, ai corpi intermedi, a singole personalita’, insomma a tutto quel mondo che e’ vivo e operativo nella società italiana ma che e’ da tempo alla ricerca di una forza politica…

Continua a leggere …

In vista delle elezioni europee il compito di Forza Italia e dei moderati deve essere quello di rimettersi insieme e rinnovarsi.

In vista delle elezioni europee il compito di Forza Italia e dei moderati deve essere quello di rimettersi insieme e rinnovarsi. In questi giorni noi popolari stiamo dialogando con Forza Italia in attesa di vedere quale evoluzione prenderà la proposta politica definita da Silvio Berlusconi come ‘l’Altra Italia’. Intanto, sono d’accordo con Giovanni Toti nel dire che il nemico non è nel centrodestra. Questo, piuttosto, è il momento di costruire ponti tra di noi per far tornare il centrodestra ad essere una forza politica consistente in grado di…

Continua a leggere …

L’appello "all’altra Italia" del presidente Silvio Berlusconi nella sua lettera al Corriere della Sera è condivisibile nel metodo e nel merito.

L’appello “all’altra Italia” del presidente Silvio Berlusconi nella sua lettera al Corriere della Sera è condivisibile nel metodo e nel merito. Siamo sempre stati sostenitori di una politica che facesse della serietà, della sobrietà, della competenza, insomma della responsabilità e del saper fare i conti con la realtà, il suo perno. L’onestà personale è un prerequisito, non può essere il solo contenuto di una politica che non fa altro che suscitare e cavalcare indignazione 

Continua a leggere …