Task force per la Tav: ecco le prossime tappe

Dopo la visita al cantiere Tav di Chiomonte sono andato a Torino per la task force del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ecco il piano di lavoro

 
SULLA TAV
Andando a vedere il cantiere ti accorgi di quello che davvero si sta realizzando, nel profondo rispetto dell’ambiente, all’avanguardia con le misure di sicurezza. L’opera è già iniziata, non si torna indietro. Sono stati scavati 110 metri di tunnel esplorativo ed entro la fine luglio si arriverà a 200 e poi arriverà la trivella.
SCARICATE QUI IL DOSSIER SULLA TAV
 
IL LAVORO DELLA TASK FORCE
La task force ha previsto una road map per dare corso alle opere di valorizzazione per i comuni della Val di Susa, interessati dalla Torino-Lione.

  1. Il 30 maggio sarà convocata una riunione del Cipe, in via straordinaria, nella quale sarà stabilita la rimodulazione delle risorse che verranno riallocate, secondo uno schema che vedrà uno stanziamento di 10 milioni per la Val di Susa da qui al 2015: 2 milioni nel 2013,4 nel 2014, altrettanti 4 nel 2015
  2. Entro la stessa data gli enti locali, coordinati dalla Regione Piemonte, dovranno trasmettere l’elenco definitivo delle opere da finanziare. Ricordo che lo stanziamento complessivo ammonta a 136 milioni, e se quindi arrivasse anche un piano più generale di opere per i primi 36 mesi ciò faciliterebbe l’iter procedurale.
  3. Il 13 giugno sarà poi convocata la Conferenza dei Servizi per la verifica e l’approvazione del progetto definitivo della Torino-Lione.
  4. Poi occorrerà prevedere una norma che possa permettere ai comuni interessati da tratte transnazionali di sforare il patto di stabilità. Si tratta di una richiesta avanzata dai comuni interessati dalla Torino-Lione, che comprendiamo e capiamo.Il governo cercherà di lavorare in questa direzione, per permettere che le risorse allocate non siamo inutili.

Facciamo fatti, non parole. Dieci giorni fa abbiamo creato la task force, che questo pomeriggio si è riunita a Torino. Le richieste sono tante, tutti gli enti locali hanno chiesto una deroga al patto di stabilità: dobbiamo verificare le condizioni affinchè si possa accogliere questa richiesta.
 
IL TRATTATO CON LA FRANCIA
Sulla ratifica del trattato internazionale Italia-Francia sulla Tav stiamo lavorando per avere gli ultimi pareri, sono stati stanziati 2, miliardi di euro dal Tesoro. Mi auguro che il disegno di legge sia presentato nei prossimi consigli dei ministri. Io credo manterremo l’impegno.