Non spetta a Olli Rehn dirci come centrare 3% deficit

L’Italia non è un Paese a sovranità limitata, quindi il commissario europeo Olli Rehn non deve dirci come raggiungere l’obiettivo del 3%.

Olli Rehn alla Camera dei Deputati:

“L’Italia è come la Ferrari ma il talento non basta”

 
La definizione delle politiche di bilancio per raggiungere l’obiettivo del 3% di indebitamento sul Pil spetta al governo italiano e non al commissario europeo agli Affari monetari, Olli Rehn, che deve controllare che l’Italia rispetti quel limite.
L’Italia non è un Paese a sovranità limitata quindi non spetta ad un commissario europeo decidere come raggiungiamo l’obiettivo del 3%. Il commissario Rehn deve verificare che noi rimaniamo all’interno dei parametri.