Il Mose sarà finitito nel 2016, garantiti i fondi

Leggete alcuni passaggi della mia intervista a Il Gazzettino “Lupi: nel 2016 il Mose sarà finito. Garantiti i fondi” di sabato 12 ottobre 2013

 
MOSE: SODDISFAZIONE. AVANTI CON I LAVORI
Si è alzata la prima delle dighe mobili pensate e realizzate per salvare Venezia dalle acque alte. Sono soddisfatto! Sembrava una sfida impossibile ma è stata fin qui vinta.
Nella legge di stabilità ci saranno tutte le risorse necessarie per concludere la grande opera (altri 400 milioni). L’obiettivo tassativo è il completamento dell’opera entro il 2016.
Si va avanti con tempi certi, ne va della credibilità delle istituzioni. Da 5 mesi al ministero mi batto per questo cambiamento dell’Italia: se si decide di fare un’opera, questa va realizzata in tempi certi, con i costi previsti, nella massima trasparenza.
LEGGETE ANCHE: Dal CIPE finanziamenti per la metropolitana di Milano e il MOSE di Venezia
 
GRANDI NAVI
Stiamo per attuare il decreto legge che prevede l’interdizione del canale della Giudecca al passaggio delle grandi navi. Entro fine ottobre il governo si assumerà le sue responsabilità: confronteremo tutte le ipotesi e poi si deciderà con il territorio.
I turisti che arrivano in Laguna sono una risorsa per il sistema Italia. Le grandi compagnie, da Costa a Msc, hanno dato assoluta disponibilità. La città di Venezia e il governo non ponno permettersi di perdere quei 2 milioni di passeggeri che nel 2013 sono arrivati in Laguna. Con intelligenza e responsabilità si può salvare questo patrimonio, ma non lo si può fare se non prendendo decisioni.
LEGGETE ANCHE: Grandi navi a Venezia: tuteleremo l’ambiente e il valore economico del turismo
grandi-navi-venezia-crociera-san-marco-giudecca-maurizio-lupi-blog
 
ALTA VELOCITA’
La Francia avrebbe dei ripensamenti sulla linea Tav in val di Susa? Notizia infondata.

  • Ho incontrato il ministro francese dei trasporti e il commissario Ue Callan
  • Tra una settimana ci sarà un incontro trilaterale Francia-Italia-Ue
  • Stiamo ratificando il trattato internazionale nei parlamenti italiano e francese

Non c’è nessun passo indietro di Roma e Parigi. L’alta velocità Torino-Lione si sta realizzando, entrambi i Paesi la vogliono. Anche la Ue.
Sarebbe irresponsabile da parte del governo non proseguire nella realizzazione del corridoio Ovest-Est. I lavori stanno arrivando a Brescia e proseguiranno fino a Verona per poi andare avanti.
LEGGETE ANCHE: Scaricate il Dossier sulla Tav
 
INFRASTRUTTURE PER IL VENETO
Personalmente ritengo che vada completata la dotazione della rete ferroviaria che non deve arrivare solo a Venezia.
A questa va poi collegata la dorsale adriatica, il corridoio Baltico-Adriatico. Il cerchio si chiuderà con la messa in relazione di porti, aeroporti e aree urbane con la grande rete ferroviaria. Senza dimenticare la sfida del trasporto regionale a vantaggio dei pendolari.
 
ORTE-MESTRE
Credo fortemente nella collaborazione pubblico-privato e spero di dare un segnale forte applicando per la prima volta la legge sulla defiscalizzazione per realizzare la Orse-Mestre. Per il momento le risorse per l’alta velocità rientrano nella Legge Obiettivo, si va avanti su questa strada.
Sarà la prima arteria che potrà beneficiare della legge sulla defiscalizzazione. Al prossimo Cipe porteremo il progetto.