Maurizio Lupi

 Un miliardo per la manutenzione delle scuole che porta lavoro al territorio
Dicembre 29, 2013

Un miliardo per la manutenzione delle scuole che porta lavoro al territorio

Per mettere in sicurezza le scuole il governo stanzia 1 miliardo di euro. Manutenzione che porta anche lavoro al territorio.

300 milioni più altri 700 milioni per Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Questi fondi provengono da 6 miliardi di fondi europei che stavano per essere cancellati e che abbiamo recuperato in extremis.
Non si tratta solo di mettere al sicuro le scuole dai terremoti ma parliamo anche di manutenzione degli impianti elettrici, sistemazione di intonaci, pavimenti, finestre e porte.
Stiamo agendo con questo criterio: verifichiamo che cosa è bloccato e che cosa può partire. In secondo luogo fissiamo date certe per gli appalti, l’avvio dei cantieri e la conclusione dei lavori. E funziona: per esempio i 360 milioni per continuare i lavori della Pedemontana veneta e la metropolitana di Roma tutti casi in cui i tempi per le nostre richieste sono stati rispettati.
 
(Intervista al Corriere della Sera”Oltre dieci miliardi per i cantieri. Chi non rispetta i tempi perde i fondi” del 29 dicembre 2013)

Prev Post

Emergenza casa, sospensione degli sfratti per le categorie disagiate

Next Post

Abbiamo recuperato 6 miliardi di fondi europei non spesi

post-bars

One thought on “Un miliardo per la manutenzione delle scuole che porta lavoro al territorio

El software de monitoreo de teléfonos móviles CellSpy es una herramienta muy segura y completa, es la mejor opción para un monitoreo efectivo de teléfonos móviles. La aplicación puede monitorear varios tipos de mensajes, como SMS, correo electrónico y aplicaciones de chat de mensajería instantánea como Snapchat, Facebook, Viber y Skype. Puede ver todo el contenido del dispositivo de destino: ubicación GPS, fotos, videos e historial de navegación, entrada de teclado, etc. https://www.xtmove.com/es/how-to-see-what-someone-is-doing-on-their-phone-without-them-knowing/

Leave a Comment