fbpx
IL REDDITO DI CITTADINANZA E’ INUTILE, ECCO I DATI

La serietà di una classe politica, indipendentemente dalle bandiere ideologiche, sta nel capire se una legge funziona e se risponde ai motivi che hanno portato a farla. Il Reddito Di Cittadinanza non nasceva come supporto al reddito o al welfare (per quello vi è il reddito di emergenza, la pensione di cittadinanza o la cassa integrazione straordinaria), nasceva come strumento per trovare lavoro alle persone. Bene, guardiamo in faccia alla realtà: Quanto abbiamo speso? 18,3 miliardi in 3 anni….

Continua a leggere …

REDDITO DI CITTADINANZA NON HA FUNZIONATO

Con il Reddito Di Cittadinanza qualcosa non è andato per il verso giusto. Non è un’opinione, è un fatto evidente. Lo ammette anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando: “Se il sostegno si è rivelato efficace per contrastare la povertà, non ha però favorito l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Raccontare che si sarebbero aiutate le persone a trovare lavoro tramite il reddito di cittadinanza è stato un errore”. Ed ecco i numeri: dei 2.8 milioni di cittadini…

Continua a leggere …

L’ITALIA È UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO

“L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”, come cita l’art. 1 della nostra Costituzione, e vorrei oggi soffermarmi su due aspetti. Il primo aspetto, evidenzia la nostra identità democratica, sulla quale sono nate le istituzioni, il dibattito parlamentare e la rappresentanza politica, che dobbiamo difendere anche nella sua complessità e nei momenti di crisi. Democrazia che etimologicamente significa “governo del popolo”, dal greco antico démos e krátos, “popolo” e “potere”, significa prendere decisioni difficili con coraggio, difendere i…

Continua a leggere …

UNA DOMANDA PER LANDINI E PER LA SINISTRA

La sinistra chiede a gran voce le riforme, ma quando Draghi le fa strilla e la CGIL minaccia lo sciopero generale. Una domanda a Landini: Se per realizzare un’opera pubblica da 100 milioni di euro il tempo medio in Italia è di 15 anni e 7 mesi, di cui l’80% speso in pratiche burocratiche e autorizzazioni, semplificare è un dovere o un “attacco all’occupazione”? Un’altra domanda alla sinistra: Il lavoro lo danno le imprese e la dignità la da…

Continua a leggere …

DISOCCUPAZIONE E IMPRESE CHIUSE

La vita è complessa e la politica deve occuparsi di tutti i suoi fattori. Non può affidarsi sempre e solo ai virologi senza assumersi mai una responsabilità, la sinistra questo deve capirlo. Assumersi “rischi calcolati” nelle riaperture vuol dire attuare quella discontinuità nella gestione economica e sociale della pandemia che il governo Conte non era riuscita a realizzare. Il milione di posti di lavoro persi e il 7,2% di imprese chiuse sul totale lo testimoniano, purtroppo, chiaramente. Per questo…

Continua a leggere …

SALONE DEL MOBILE, FACCIAMOLO

Abbiamo un disperato bisogno di segnali positivi da cui ripartire. Leggo dai giornali che il Salone Del Mobile potrebbe non farsi ma sono certo che potrebbe essere l’esempio del ritorno alla vita economica. Mi appello pertanto ai grandi espositori, ai grandi mobilieri, agli imprenditori, alle grandi marche: ripartiamo! Non farlo sarebbe l’ennesimo caso di rassegnazione del Paese. IL VIDEO DEL MIO INTERVENTO A STASERA ITALIA

Continua a leggere …

BASTA SOSTEGNI E RIAPRIAMO

Il miglior rilancio dell’economia non sono i sostegni, non sono i soldi a pioggia ma il lavoro, cioè permettere finalmente di riaprire a ristoranti, mercati e fiere per tornare alla normalità. Serviva discontinuità nelle azioni del governo rispetto alla gestione Conte-Arcuri e per ora abbiamo visto che c’è stata in alcune scelte: Figliuolo, Curcio, il CTS rinnovato. Bene. Ma ora la discontinuità deve essere nei fatti, quindi anche nel modo con cui ci si rapporta alla vita normale. Si…

Continua a leggere …

DOBBIAMO PROGRAMMARE LA RIAPERTURA

Quello che le persone chiedono non è il diritto all’assistenza, ma è il diritto di tornare a essere protagonisti delle proprie vite, il diritto di avere una dignità data dal proprio lavoro e le categorie che stanno protestando lo fanno proprio per raccontare questo disagio che conosciamo e per chiedere certezze sul loro futuro. Non sono solo i dati sanitari ad essere drammatici, lo sono anche quelli economici e sociali: in un anno, nonostante il blocco dei licenziamenti, abbiamo…

Continua a leggere …

UN MILIONE DI POSTI DI LAVORO IN MENO E TENSIONI SOCIALI

Basta con tutti questi ”stop and go”, la gente non ce la fa più e le proteste di ambulanti e ristoratori con gli scontri davanti a Montecitorio di oggi lo dimostrano. Si continui a guardare con attenzione ai dati ma si inizi a programmare con certezza le riaperture, accelerando senza più titubanze sul piano vaccinazione. La tensione sociale si sta alzando in maniera preoccupante e la politica deve assumersi le proprie responsabilità. Ancor più preoccupate poi è il dato…

Continua a leggere …

DL CURA ITALIA, DICHIARAZIONE DI VOTO DI LUPI

Era dai tempi di Badoglio che non avevamo l’obbligo di non uscire di casa ma, nonostante questo e nonostante la diminuzione del nostro PIL paventata (-10%), il Governo non ha ancora trovato il coraggio di aiutare subito e davvero famiglie, imprese, liberi professionisti e scuole. In questo momento serviva lavorare assieme (come DC e PCI nei momenti più bui e fondamentali della storia d’Italia), non inserire la nazionalizzazione di Alitalia nel CuraItalia. Serviva dare soldi subito e in maniera semplice…

Continua a leggere …