Marò: che brutta figura per il governo Monti

(Aggiornato al 27 marzo) Non ci siamo mai dimenticati dei nostri Marò e la notizia che sarebbero rimasti in Italia ci dava speranza. Ora la retromarcia del governo Monti è una pessima figura

AGGIORNAMENTO 27 MARZO
Il Presidente del Consiglio Mario Monti ha riferito alla Camera dei Deputati dopo le dimissioni del Ministro degli Esteri Terzi e ha parlato di “decisione in itinere” quella di trattenere i Marò in Italia e di non rimandarli in India. Quindi non lo avevano nemmeno stabilito davvero, che vergogna giustificare così la figuraccia che il governo tecnico ci ha fatto fare!
Adesso il presidente Monti si scusi con le famiglie dei Marò e con gli italiani per questa figuraccia che abbiamo fatto!!
AGGIORNAMENTO 26 MARZO
Nell’aula della Camera dei Deputati arrivano le dimissioni in diretta del Ministro Terzi sul caso dei Marò. Terzi si è dimesso davanti al Parlamento dove riferiva sul ritorno dei due marò italiani in India ai quali ha espresso la sua solidarietà, un gesto di straordinaria statura morale. Dalle sue parole si evince una profonda divisione nel governo. Rimandare i due militari in India è stato un errore, è ora necessario che il presidente del Consiglio si assuma le sue responsabilità politiche sulla questione rispondendone al Parlamento.
 
AGGIORNAMENTO 22 MARZO
Marò rispediti in India. Povera Italia, che brutta figura del governo Monti! Fare giustamente la voce grossa e poi una clamorosa retromarcia!

Vi è piaciuto questo articolo? > Iscrivetevi alla newsletter

 
Il 15 febbraio 2012, sulle rotte antipirateria in acque internazionali, i nostri soldati sono stati accusati di aver ucciso dei pescatori indiani e da quel giorno sono stati travolti da una vicenda che ha dell’incredibile. Un anno dopo la loro disavventura non si è ancora risolta.
Ma finalmente il Ministro Terzi ci ha dato una buona notizia: i nostri due soldati, Salvatore Girone e Massimilano Latorre, non ripartiranno per l’India alla fine del loro permesso ma rimarranno in Italia. Lo afferma una nota della Farnesina che racconta l’apertura della controversia internazionale con gli indiani.
I Marò facevano il loro dovere in acque internazionali, è giusto che vengano giudicati in italia. BRAVO TERZI.

I nostri marò restano in Italia

Vi è piaciuto questo articolo? > Iscrivetevi alla newsletter