fbpx
Intervista ad OMNIBUS: DOBBIAMO CHIEDERCI PERCHÉ IL 50% DEGLI ELETTORI NON È ANDATO A VOTARE

Io credo che il problema del mio campo, il centrodestra, sia che rischiamo di rimanere uguali a noi stessi in eterno, nonostante la pandemia da una parte e il governo Draghi dall’altra abbiano cambiato persone, desideri, aspettative e la politica in generale. Se nel 2023 ci presenteremo agli elettori uguali alle elezioni del 2018, con il mondo che nel frattempo è cambiato, rischieremo di non avere la forza di realizzare i nostri programmi, magari anche vincendo le elezioni. Dobbiamo…

Continua a leggere …

LA RISPOSTA AI RIFORMISTI: Traslocare? No Grazie. Con la sinistra più disparità

Cari Alessia Cappello, Sergio Scalpelli, a leggere il vostro appello ai moderati di centrodestra perché traslochino nel centrosinistra che sostiene Sala viene immediatamente un pensiero (soprattutto pensando a Scalpelli): il primo amore non si scorda mai. Vale lo stesso anche per noi: il riformismo l’abbiamo vissuto e praticato partendo dal basso, dalle esperienze di impegno in università e nei quartieri, costantemente contrastato dalla sinistra e accolto invece dal centrodestra liberale e popolare coagulato da Silvio Berlusconi. È la stessa…

Continua a leggere …

CorSera: la ricerca del candidato è sembrata un po’ X Factor. Ora si deve fare politica.

Maurizio Lupi, ci racconta come si è arrivati alla scelta della candidatura di Milano? «Purtroppo abbiamo dato l’impressione di essere a X Factor o alle selezioni di Amici, con ripetuti rifiuti ed è sembrato che il centrodestra fosse impreparato a una sfida importante per quello che Milano -la mia città, di Salvini, Berlusconi e La Russa – rappresenta». C’è stato un momento in cui sembrava essere lei il prescelto. Poi cosa è successo? «Mi ha fatto piacere che Berlusconi…

Continua a leggere …

L’ITALIA HA BISOGNO DI VISIONE NON APPROSSIMAZIONE

Dopo il governo Conte/Casalino, con la sua continua improvvisazione, approssimazione e indecisione, mi conforta il metodo con cui Draghi ha voluto definire lo stile del suo esecutivo: il confronto con il Parlamento, l’informazione tempestiva agli italiani (che non sono sudditi ma la vera risorsa della nostra comunità) sul cambiamento delle regole, la qualità e la rapidità delle decisioni (ad esempio nella campagna vaccinale), il concentrarsi sugli obiettivi strategici evitando dispersione di risorse in lunghi elenchi di progetti, interventi strutturali…

Continua a leggere …

INACCETTABILE CHIUSURA IMPIANTI SCI

Abbiamo accordato la nostra fiducia a un governo del Presidente e a Mario Draghi, e la confermeremo con il voto in tal senso che daremo al presidente del Consiglio giovedì prossimo alla Camera dei deputati. Non sono certo le conferme di Luigi Di Maio e Roberto Speranza nei ministeri che già occupavano nel governo Conte bis ad averci convinto. Abbiamo chiesto al presidente Draghi una discontinuità col precedente esecutivo, nella sua autonomia non l’ha voluta attuare, in alcuni casi,…

Continua a leggere …

INTERVISTA SUL CORRIERE: Ora Conte vada a dimettersi. Non entreremo mai in un governo così.

ROMA «Se fossi in Conte io andrei subito da Mattarella per dimettermi». Maurizio Lupi, leader di Noi per l’Italia, componente moderata del centrodestra, non ha dubbi. Lo farebbe perché non c’è la maggioranza assoluta? «Ci sono stati altri governi che sono sopravvissuti anche senza maggioranza assoluta. Lo facemmo anche noi col governo Berlusconi nel 2010, ma fu un errore perché cadde nel 2011 per la sua debolezza politica. È il motivo per cui andare avanti come nulla fosse sarebbe un…

Continua a leggere …

Altra Italia: Bene l'appello di Berlusconi 

Altra Italia: Bene l’appello di Berlusconi Leggiamo l’appello di Silvio Berlusconi all”altra Italia’ per una nuova aggregazione dei moderati italiani. E’ ciò che abbiamo sempre auspicato, una federazione, un rassemblement, lo si chiami come si vuole, che abbia come sua prima caratteristica l’apertura a forze nuove, alla società civile, ai corpi intermedi, a singole personalita’, insomma a tutto quel mondo che e’ vivo e operativo nella società italiana ma che e’ da tempo alla ricerca di una forza politica…

Continua a leggere …

Noi determinanti. Bisognerà fare i conti con il Centrodesta.

Noi determinanti. Bisognerà fare i conti con il Centrodesta. <<Le elezioni di domenica hanno certamente anche un valore politico interno, ma bisogna ricordare che in realtà si vota per il futuro dell’Europa, per chi dovrà guidarla nei prossimi 5 anni>> Maurizio Lupi, coordinatore e deputato di Noi con L’Italia, lancia questo appello. Perché, spiega, <<si tratta di scegliere se tornare a un’Unione dai grandi ideali e valori, oppure se si vuole un mero progetto economico e burocratico>>. I vostri…

Continua a leggere …