fbpx
REDDITO DI CITTADINANZA NON HA FUNZIONATO

Con il Reddito Di Cittadinanza qualcosa non è andato per il verso giusto. Non è un’opinione, è un fatto evidente. Lo ammette anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando: “Se il sostegno si è rivelato efficace per contrastare la povertà, non ha però favorito l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Raccontare che si sarebbero aiutate le persone a trovare lavoro tramite il reddito di cittadinanza è stato un errore”. Ed ecco i numeri: dei 2.8 milioni di cittadini…

Continua a leggere …

Decreto Dignità: Di Maio vuole un Istat più sottomessa

Decreto Dignità: Di Maio vuole un Istat più sottomessa Io come ministro del lavoro non riconosco come dati positivi quelli che ci ha dato l’Istat sull’occupazione. Parola di Luigi Di Maio in conferenza stampa di presentazione del decreto dignità. Quindi l’Istat, come chiedeva la sottosegretaria grillina all’Economia Laura Castelli, si adegui. E fornisca al ministro Di Maio dati più consoni all’idea che il disoccupato che viene assunto da un’impresa a tempo determinato non è una persona che ha trovato…

Continua a leggere …

Il dibattito scatenatosi oggi sul Jobs Act, a fronte dei dati positivi dell’Istat sull’occupazione, mi sembra francamente surreale.

Il dibattito scatenatosi oggi sul Jobs Act, a fronte dei dati positivi dell’Istat sull’occupazione, mi sembra francamente surreale. Sull’occupazione sono stati fatti dei passi avanti, occorrerebbe a tutti l’onestà intellettuale di ammetterlo. Altri bisogna farne, e in direzione opposta rispetto alle ultime tentazioni massimaliste della sinistra. Alla gente non bisogna promettere cose mirabolanti, ma prospettare proposte realizzabili. Un grave errore, ad esempio è stata l’abolizione dei voucher sotto la spinta ricattatoria di un referendum che forse era meglio affrontare….

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged,,, Commenti disabilitati su Il dibattito scatenatosi oggi sul Jobs Act, a fronte dei dati positivi dell’Istat sull’occupazione, mi sembra francamente surreale.
Istat: Pil +1,8%. Ora niente passi indietro sulle riforme

Istat: Pil +1,8%. Ora niente passi indietro sulle riforme I dati diffusi oggi dall’Istat sul Pil sono la fotografia migliore di un percorso di riforme che sta dando risultati concreti. Pertanto, come Ap, non possiamo che essere soddisfatti del lavoro fatto al Governo al quale abbiamo impresso una spinta fondamentale affinché il Paese potesse invertire la rotta e tornare ad avere il segno più negli indicatori economici. Alla luce di tutto ciò è ancor più evidente che non è…

Continua a leggere …

#Istat, Cresce Pil e calano tasse. Nessun avventurismo a sinistra

Non è per obbligo di ottimismo che segnalo i dati consegnatoci oggi dall’Istat, ma per realismo politico. Nel 2013 la nostra economia registrava un dato negativo del 2%, ora siamo + 0,9, sappiamo che non basta ma si è invertita una tendenza anche rispetto alle previsioni. Il rapporto deficit/Pil nel 2016 è del 2,4%, a fronte del 2,7% del 2015. Ma soprattutto nel 2016 la pressione fiscale è scesa al 42,9% rispetto al 43,3% dell’anno precedente. Il governo e…

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged,, Commenti disabilitati su #Istat, Cresce Pil e calano tasse. Nessun avventurismo a sinistra
Pil 2016, Un buon segnale, avanti con politiche di crescita

Con l’Europa stiamo discutendo di decimali, allora la correzione che l’Istat ha fatto del Pil italiano del 2016 è un dato significativo, soprattutto perché indica una tendenza alla ripresa, significativa specialmente nella crescita della produzione industriale nell’ultimo quadrimestre dell’anno scorso. In questo momento l’imposizione di nuove tasse o accise significherebbe bloccare questo trend con immediate conseguenze anche sugli effetti positivi sull’occupazione dovuti al Jobs act. Con l’Europa dobbiamo ovviamente trovare un accordo, ma su come continuare in politiche di…

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged,, Commenti disabilitati su Pil 2016, Un buon segnale, avanti con politiche di crescita
Dati Istat confermano che Governo ha lavorato bene, anche sui voucher

I dati diffusi oggi dall’Istat sul terzo trimestre del 2016 permettono di iniziare a fare qualche bilancio, numeri alla mano, dell’azione di governo di questi anni e dei suoi risultati. I dati Istat certificano che nei primi nove mesi del 2016 il reddito e il potere di acquisto delle famiglie è cresciuto dell’1,8%, che sono cresciuti i consumi, che diminuisce l’indebitamento netto dello Stato, così come diminuisce la pressione fiscale. C’è un’altra notizia di oggi su cui riflettere, ed…

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged, Commenti disabilitati su Dati Istat confermano che Governo ha lavorato bene, anche sui voucher
Serve una legge di stabilità formato famiglia

Non si possono ignorare i dati Istat sulla povertà, da cui emerge tra l’altro che i soggetti più colpiti sono le famiglie numerose. Allo stesso tempo non possiamo neppure ignorare che il governo e la maggioranza hanno iniziato ad adottare norme e attuare interventi per contrastare questa deriva. Tra questi ad esempio il bonus bebé e il bonus per le famiglie numerose approvati nelle scorse legge di stabilità, anche grazie ad Area popolare. E’ chiaro che tutto ciò non…

Continua a leggere …

Dati #Istat confermano strada intrapresa da Italia giusta

I dati Istat confermano che la strada che l’Italia ha intrapreso è quella giusta. La dobbiamo percorrere ancora con più forza e lo diciamo anche all’Europa. Per la prima volta si torna a crescere dello 0,8 per cento, diminuisce la pressione fiscale e dopo anni aumentano gli investimenti nel nostro Paese. E’ la migliore risposta a chi voleva il conflitto tra Europa che chiede rigidità o flessibilità. Con la flessibilità e con la crescita, con gli investimenti e con…

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged, Commenti disabilitati su Dati #Istat confermano strada intrapresa da Italia giusta
E’ urgente una politica a sostegno della famiglia e della natalità

I dati Istat diffusi oggi certificano quanto noi di Area popolare diciamo da tempo: siamo in allarme demografico, siamo un paese che sta invecchiando, e un paese che invecchia e non fa più figli non può aspirare a crescere. Continua a calare l’indice di fecondità, con una media di 1,35 figli per donna, continua a salire l’età media del parto, che ha raggiunto i 31,6 anni. Lo scorso anno sono nati 488mila bambini, il numero più basso dal 1861….

Continua a leggere …

Pubblicato inAttualità Tagged,, Commenti disabilitati su E’ urgente una politica a sostegno della famiglia e della natalità