#sorrento2012 la mia intervista a Tempi.it

Ecco la mia intervista al settimanale Tempi in occasione della Summer School di Sorrento con 500 giovani protagonisti di formazione e convivenza per riscoprire quali sono i valori che ci spingono a impegnarci in politica. E ovviamente rispondo anche sulla candidatura di Silvio Berlusconi

Onorevole Lupi lei è l’ideatore della Summer School di Sorrento con 500 giovani. L’evento è quasi alla fine: che cosa l’ha ispirata per fare questo evento? Che cosa ne portano a casa i giovani e lei?
L’idea non è venuta solo a me ma anche a tutti gli amici e colleghi parlamentari è quella che oggi più che mai, per la politica, per il Popolo della Libertà e per il nostro Paese, la sfida reale è la sfida educativa in particolare nei confronti dei giovani che sono la principale risorsa del Paese e della politica. Dovevamo coinvolgerci, fare tre giorni di formazione, di ascolto, di incontro con testimoni che possono indicare che la politica, ma la realtà ha in se un segno positivo.
La notizia della ricandidatura di Silvio Berlusconi sembra quasi in contrasto con il fatto che 500 giovani siano qui.
Loro sono qui per capire insieme le ragioni dell’impegno in politica, che il successo e il potere sono uno strumento per servire meglio  la propria comunità, il proprio Paese, diremmo noi e la dottrina sociale della chiesa, il bene comune. Abbiamo verificato che c’è una classe dirigente di giovani appassionati e impegnati in politica che vogliono difendere gli ideali e i valori del Pdl. non c’è un contrasto tra la funzione e il ruolo di Silvio Berlusconi con le indicazioni che lui stesso ci da per guardare al futuro con la segreteria di Alfano, un giovane 41enne. Per questo lavoriamo per presentare nel 2013 con Berlusconi e Alfano un partito nuovo, con classedirigente selezionata dalla base, che si apra alla società civile, che ritorni a parlare il linguaggio del popolo per tradurre i propri ideali e valori in proposte molto concrete.