Seguiamo Napolitano senza pregiudizi contro il Pdl

Ecco la mia intervista al Corriere della Sera in cui guardo con realismo alle prospettive che il Paese ha davanti: il voto immediato non serve, seguiamo le indicazioni di Napolitano

La situazione di stallo la conoscete tutti: a una settimana dal voto il Pd, che è il partito a cui spetta l’iniziativa di formare un governo,non ha ancora fatto chiarezza. Il nostro appello per dare governabilità e stabilità al Paese partendo insieme dal fare alcune cose concrete sembra essere rimasto inascoltato.
LAVORARE INSIEME
Continuo a pensare che il Paese abbia bisogno di questo: decisioni prese insieme su temi concreti per uscire da una crisi economica durissima. E i temi che seguono sono punti su cui possiamo incontrarci:

  • Detassazione dei contributi per i nuovi assunti
  • Abolizione dell’Imu
  • Taglio dei costi della politica
  • Abolizione del finanziamento pubblico ai partiti
  • Legge elettorale

Mi sembra, però, che il modo in cui Bersani sta gestendo la questione, più che aprire la porta alla partecipazionedel Pdl la chiuda. Sarebbe anche un errore gravissimo che il centrosinistra eleggesse da solo il capo dello Stato. In questo momento serve una figura al Colle che non sia divisiva.
Leggete l’intervista integrale al Corriere della Sera del 4 marzo 2013
LE INDICAZIONI DI NAPOLITANO
Napolitano dice che con il pregiudizio non si costruisce nulla e non si esercita la propria responsabilità. Indicazioni che vanno seguite. Bersani dice “mai con il Pdl” e si chiude in un vicolo cieco per colpa di un pregiudizio anti Berlusconi che dura da 19 anni.

“E’ più facile spezzare un atomo che un pregiudizio” Albert Einstein

Non possiamo fare le cose concrete se a vincere è il pregiudizio. E la possibilità che per, mettere al rogo Pdl e Berlusconi, il Pd non riesca a mettere in piedi nulla è molto concreta. Questo non serve assolutamente all’Italia! Siete d’accordo?

Vi è piaciuto questo articolo? > Iscrivetevi alla newsletter