Vittoria del nostro governo: l'Europa riconosce che di solo rigore si muore

Un’altra vittoria del nostro governo che ha ottenuto dall’Europa un riconoscimento importante: che di solo rigore si muore.

Quello di oggi è un successo per l’Italia e per il nostro governo, per due motivi:

  1. E’ il riconoscimento del fatto che di solo rigore si può morire, servono gli investimenti
  2. In secondo luogo è il riconoscimento dei sacrifici fatti dagli italiani, della serietà con la quale abbiamo rispettato gli impegni presi in Europa

Per non rendere inutili questi sacrifici bisogna investire per la crescita, per il rilancio dell’economia e dell’occupazione.
LEGGETE ANCHE: Basta rigore: 73 miliardi nei prossimi dieci anni per investimenti in infrastrutture
 
LA NOTA DELLA COMMISSIONE
La Commissione Europea, infatti, consentirà ai paesi Ue “deviazioni temporanee” dagli obiettivi di bilancio previsti dal Patto di Stabilità in caso di investimenti pubblici legati a misure per favorire la crescita. Finalmente! Un riconoscimento di ciò che diciamo da tempo: bisogna investire perchè di solo rigore si muore.
Una vera vittoria per il nostro governo e per il Pdl. Non tutti gli investimenti sono uguali: quelli per la crescita non sono catalogabili come semplice spesa e vanno quindi tenuto fuori dai vincoli del patto di stabilità europeo. Questa è la nostra idea di golden rule!
LEGGETE ANCHE: Basta austerità, adesso crescita. Il rigore finanziario non è il fine ma lo strumento
 
ALCUNE OPERE EUROPEE
I grandi corridoi infrastrutturali che attraversano l’Italia sono strategici per il nostro paese e per l’Europa, la Tav Torino-Lione, il tunnel del Brennero e le altre grandi opere nella cui realizzazione siamo impegnati sono un volano per la ripresa. Quello europeo non è il via a una nuova fase di spesa facile, ma che bisogna investire in spesa produttiva