Ho inaugurato la stazione Tav di Bologna

Questa mattina, ho inaugurato la nuova stazione Tav Alta Velocità di Bologna e Reggio Emilia. Un’occasione per ribadire quanto di positivo si sta facendo nel nostro Paese

Con Mauro Moretti, amministratore delegato del gruppo Fs, ho inaugurato la nuova stazione Bologna Centrale Alta Velocità e Reggio Emilia. L’Ad di Fs ha parlato di “un asset fondamentale perchè anche Bologna possa competere con armi nuove nel mondo per il suo benessere”. Si tratta di quattro nuovi binari sotterranei per i treni alta velocità pensati per liberare spazio in superficie a favore del traffico pendolare.
Guardate le foto sul Corriere di Bologna.
Ministro infrastrutture trasporti maurizio lupi inaugura stazione tav reggio emilia
 
CON GLI AVVERSARI
All’inaugurazione erano presenti anche Bersani e Prodi e per questo ho esplicitato il metodo di lavoro a cui tengo molto: dobbiamo fare squadra e valorizzare anche le differenze di colore politico per poter portare avanti i progetti in Italia. La fase storica che stiamo attraversando ci può far guardare a un modo diverso di affrontare la politica.
Siamo in una fase eccezionale e in un governo eccezionale che ci può far tornare a una idea della politica dove l’altro non è il nemico o il male assoluto, ma un avversario che concorre con idee anche divergenti a costruire il bene del proprio paese.
Deve finire che ogni governo butta ‘a mare’ quel che ha fatto il precedente. Dobbiamo smetterla e superare la guerra continua . Ogni governo fa il possibile per dare il proprio contributo perchè l’Italia possa stare meglio.
L’EMERGENZA
Oggi abbiamo una emergenza e una priorità che tutti insieme ci dobbiamo porre e risolvere: e’ il trasporto pubblico locale. Non è pensabile che proprio mentre diamo efficienza e risultati ci siano intere parti che non rispondono con la stessa efficienza ad una modalita’ migliore di servizio per il traffico pendolare.
Bisogna attuare il collegamento tra reti verticali e reti orizzontali. Certamente c’è bisogno di risorse, ma soprattutto che le risorse vengano usate bene, e che governo, enti locali e istituzioni abbiano il coraggio di affrontare insieme questa sfida perchè questa offerta buona si può realizzare.