fbpx
DOBBIAMO IMPARARE A CONVIVERE CON IL VIRUS

Non serve obbligare i cittadini a vaccinarsi se si scommette sulla loro libertà e sulla loro responsabilità, dando loro le giuste informazioni. Io non mi sono vaccinato perché sono stato obbligato, mi sono vaccinato perché mi è stato spiegato che, vaccinandomi, io e miei cari saremmo stati tutti più al sicuro. Questa è la verità, checché ne dicano i novax. Il vaccino è l’unica arma che abbiamo a disposizione per attutire gli effetti del covid, perché ne diminuisce gli…

Continua a leggere …

SEMPLIFICAZIONE E SBUROCRATIZZAZIONE

Questo PNRR non è solo un insieme di progetti, di numeri, ma è il più grande strumento per la riforma dell’Italia. Per 25 anni abbiamo detto ai cittadini che non potevamo fare le riforme, perché non avevamo le risorse. Oggi abbiamo le risorse e la prima sfida restano le riforme, prime fra tutte semplificazione e sburocratizzazione, che dobbiamo fare il bene del nostro Paese. Perché? Perché in Italia per spendere 100 milioni, lo dico come ex ministro dei lavori…

Continua a leggere …

SALONE DEL MOBILE, FACCIAMOLO

Abbiamo un disperato bisogno di segnali positivi da cui ripartire. Leggo dai giornali che il Salone Del Mobile potrebbe non farsi ma sono certo che potrebbe essere l’esempio del ritorno alla vita economica. Mi appello pertanto ai grandi espositori, ai grandi mobilieri, agli imprenditori, alle grandi marche: ripartiamo! Non farlo sarebbe l’ennesimo caso di rassegnazione del Paese. IL VIDEO DEL MIO INTERVENTO A STASERA ITALIA

Continua a leggere …

BASTA SOSTEGNI E RIAPRIAMO

Il miglior rilancio dell’economia non sono i sostegni, non sono i soldi a pioggia ma il lavoro, cioè permettere finalmente di riaprire a ristoranti, mercati e fiere per tornare alla normalità. Serviva discontinuità nelle azioni del governo rispetto alla gestione Conte-Arcuri e per ora abbiamo visto che c’è stata in alcune scelte: Figliuolo, Curcio, il CTS rinnovato. Bene. Ma ora la discontinuità deve essere nei fatti, quindi anche nel modo con cui ci si rapporta alla vita normale. Si…

Continua a leggere …

LE RESTRIZIONI SENZA BUON SENSO

Il miglior rilancio per l’economia non sono i ristori, ma le riaperture. Il lavoro, non i sostegni. Le regole di buon senso, non quelle utili solo a complicare la vita delle persone. Ad esempio: perché se si può andare al supermercato ma non si può andare a fare la spesa in un mercato all’aperto? Il VIDEO DEL MIO INTERVENTO AL TG4

Continua a leggere …

UN MILIONE DI POSTI DI LAVORO IN MENO E TENSIONI SOCIALI

Basta con tutti questi ”stop and go”, la gente non ce la fa più e le proteste di ambulanti e ristoratori con gli scontri davanti a Montecitorio di oggi lo dimostrano. Si continui a guardare con attenzione ai dati ma si inizi a programmare con certezza le riaperture, accelerando senza più titubanze sul piano vaccinazione. La tensione sociale si sta alzando in maniera preoccupante e la politica deve assumersi le proprie responsabilità. Ancor più preoccupate poi è il dato…

Continua a leggere …

PROPOSTE PER IL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

Oggi alla Camera è iniziata la discussione generale sul famoso PNRR, il Piano nazionale di ripresa e resilienza che attuerà il Recovery Plan in Italia. Il testo originale prodotto dal governo Conte era innegabilmente scritto male, qualsiasi organo o persona che lo abbia studiato non ha potuto che confermarlo: mancava di strategia, progettualità e di una visione di insieme. Tanti piccoli progetti legati da logiche assistenzialistiche e pauperistiche di cui, la grandissima maggioranza, non avevano neanche la previsione di…

Continua a leggere …

BENE LA RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE MA LE IMPRESE NIENTE

Bene la riforma della pubblica amministrazione, ma le imprese? Gli autonomi? Le partite IVA? Non dimentichiamoci della spina dorsale dell’Italia, dobbiamo riformare il codice degli appalti e sburocratizzare il Paese. IL MIO VIDEO SU FACEBOOK

Continua a leggere …

L’ITALIA HA BISOGNO DI VISIONE NON APPROSSIMAZIONE

Dopo il governo Conte/Casalino, con la sua continua improvvisazione, approssimazione e indecisione, mi conforta il metodo con cui Draghi ha voluto definire lo stile del suo esecutivo: il confronto con il Parlamento, l’informazione tempestiva agli italiani (che non sono sudditi ma la vera risorsa della nostra comunità) sul cambiamento delle regole, la qualità e la rapidità delle decisioni (ad esempio nella campagna vaccinale), il concentrarsi sugli obiettivi strategici evitando dispersione di risorse in lunghi elenchi di progetti, interventi strutturali…

Continua a leggere …