PARLAMENTARI UNITI PER L’UCRAINA

Come parlamentari ci siamo assunti le responsabilità che ci competono nella decisione di schierare l’Italia contro la guerra e in soccorso dell’aggredito. Come esseri umani l’arma che abbiamo è quella della mobilitazione delle coscienze contro l’indifferenza. Sono convinto che nessuno di noi, ognuno con i propri convincimenti, possa accettare di vedere quelle immagini di famiglie e bambini costretti a nascondersi in metropolitana al suono delle sirene o in coda alla frontiera per uscire dal paese, per non parlare delle…

Continua a leggere …

SI FACCIA IL POSSIBILE AFFINCHÉ QUESTA GUERRA FINISCA CON IL RITIRO DELLA RUSSIA

Noi siamo per la pace, ma di fronte a una aggressione intollerabile scegliamo di difendere chi viene aggredito. Noi siamo per il dialogo sempre e comunque, ma non siamo equidistanti: scegliamo di stare dalla parte del popolo ucraino perché siamo dalla parte di chi vuole costruire un mondo più giusto e più umano. San Giovanni Paolo II disse che la verità è la forza della pace, e che la non-verità va di pari passo con la causa della violenza…

Continua a leggere …

LA FERMEZZA È LA STRADA PER LA PACE

L’invasione russa dell’Ucraina è un attacco ingiustificato e ingiustificabile, che viola qualsiasi regola internazionale, che costringe famiglie e bambini a nascondersi nei bunker o nella metropolitana dopo l’urlo delle sirene, che riporta la guerra nel cuore dell’Europa. La risposta dovrà essere forte, nel segno dell’unità e della coesione, sanzioni dure senza ambiguità alcuna e, soprattutto, di grande coraggio, o non avrà risultati. Se le sanzioni sono l’alternativa europea alla reazione militare, dovranno arrivare subito, colpendo un ampio ventaglio di…

Continua a leggere …

Sulla questione curda non possiamo accettare i ricatti e le minacce della Turchia

Sulla questione curda non possiamo accettare i ricatti e le minacce della Turchia, che già tentò di fermare il nostro Parlamento quando abbiamo riconosciuto il genocidio armeno. Dobbiamo impegnarci a fermare questo nuovo, ingiusto, conflitto in Siria facendo sentire la nostra voce di Paese fondatore e protagonista delle maggiori istituzioni internazionali come l’UE, la NATO e l’ONU. La diplomazia non è propaganda. La diplomazia è realista ma non è mai timida. https://www.facebook.com/mauriziolupi.it/videos/779292085855517/

Continua a leggere …

Vado in Afghanistan a dire grazie ai nostri soldati

Alla mezzanotte di oggi mercoledì 4 aprile partirò per l’Afghanistan dove incontrerò i nostri soldati impegnati in missione. Per una visita istituzionale e per una vicinanza umana e riconoscente. Poi per dire grazie e auguri!

Continua a leggere …