Alitalia: il governo aspetta la lettera di intenti di Etihad

Trattativa Alitalia Etihad: il Ministro Lupi a Uno Mattina ha ricordato che “il governo segue passo passo l’avanzamento dell’accordo ma rispetta gli spazi di due imprese private. L’obiettivo è quello dello sviluppo perchè Alitalia e il trasporto aereo possono essere punto di forza di un grande paese industriale e turistico come l’Italia”.

Il Ministro Lupi è poi tornato al novembre 2013 quando ancora una volta “Alitalia era sull’orlo del falimento con oltre un miliardo di debito e il rischio del tracollo e dei conseguenti licenziamenti. Il governo ha scelto di non ripianare ancora una volta con i soldi dei cittadini ma di chiedere a imprese private di entrare”.
Etihad è il partner che abbiamo trovato: rappresenta una grande opportunità di sviluppo. L’alleanza con Etihad Airwais non è in ritardo ma le due aziende devono decidere autonomamente. Credo che al massimo venerdì arriverà la formalizzazione della proposta, di un grande piano di sviluppo da cui ripartire”.
Riferendosi ai concorrenti che stanno cercando di ostacolare la trattativa Alitalia Etihad, il Ministro Lupi ha sottolineato che “l’Italia non è la damigella degli altri paesi. Abbiamo portato migliaia di passeggeri a Parigi e Amsterdam per anni. Ora vogliamo dare all’Italia la prospettiva dello sviluppo”.
Infine, parlando di esuberi e penalizzazione di aeroporti come Malpensa, Lupi ha ribadito che “i numeri che si leggono sui giornali non mi risultato”.