PROPOSTE PER IL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

Oggi alla Camera è iniziata la discussione generale sul famoso PNRR, il Piano nazionale di ripresa e resilienza che attuerà il Recovery Plan in Italia.
Il testo originale prodotto dal governo Conte era innegabilmente scritto male, qualsiasi organo o persona che lo abbia studiato non ha potuto che confermarlo: mancava di strategia, progettualità e di una visione di insieme. Tanti piccoli progetti legati da logiche assistenzialistiche e pauperistiche di cui, la grandissima maggioranza, non avevano neanche la previsione di obiettivi, tempi, modalità e costi.
Non possiamo più permetterci questa approssimazione.
Poco fa, a nome di Noi con l’Italia, ho depositato le nostre proposte nate dall’ascolto delle imprese, dei ristoratori, delle scuole e del terzo settore. Ve ne descrivo qualcuna.