PORTA A PORTA: ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Porta a Porta 25/1/22: Elezione del Presidente delle Repubblica Ciò che come #centrodestra stiamo chiedendo al centrosinistra, in virtù dei nostri numeri parlamentari, è semplicemente di smetterla di mettere veti e di fare un passo avanti per arrivare a una sintesi su un nome. Abbiamo solo due strade davanti: eleggere il prossimo presidente a maggioranza, con tutte le conseguenze politiche del caso, o cercare un nome condiviso. Non vi è molto altro da inventare o improvvisare.In ogni caso continuo…

Continua a leggere …

COR. SERA: NOI ABBIAMO SCELTO SILVIO MA LA SINISTRA ACCETTI DI TRATTARE SU DRAGHI? SOLO SE È IL NOME DI TUTTI

Noi abbiamo scelto Silvio, ma la sinistra accetti di trattare. Draghi? Solo se è il nome di tutti Il leader centrista: inaccettabili i pregiudizi sull’ex premier ROMA Oggi inizia «la vera par­tita», quella che porta al voto. E in queste due settimane si giocheranno i due tempi, se­condo Maurizio Lupi, leader di Noi con l’ltalia. Uno per de­cidere le strategie, l’altro per metterle in pratica. Quali sono le strategie? «La prima è cercare un can­didato condiviso, che possa essere…

Continua a leggere …

IL GIORNALE: SENZA IL CENTRO NON SI PUÒ GOVERNARE. ABBIAMO PERSO LA SFIDA DELLA CREDIBILITÀ

“Senza il centro non si può governare. Abbiamo perso la sfida della credibilità” Il leader di Noi con l’Italia: “Se interpretano la voglia di concretezza, i poli reggono, altrimenti…Lega e Fdi capiscano che l’Ue è necessaria”   Maurizio Lupi, leader di «Noi con l’Italia», il centrodestra di cui fa parte si trova in una situazione di inedita incertezza, più di che debolezza. Che fare? «Sì ma è tutto salutare, non si è sciolto e non sono spariti i suoi…

Continua a leggere …

BASTA INSEGUIRE I NO GREEN PASS E GRUPPI MINORITARI

Basta inseguire no green pass e gruppi minoritari. Il centrodestra, che dai sondaggi risulta ancora essere maggioranza nel paese, ha perso quasi ovunque e quando si perde o si vince se si è una squadra lo si fa tutti insieme. Il risultato elettorale, dunque, ci impone una riflessione approfondita: dobbiamo ritrovare unità di programma e capacità di governo, cioè di responsabilità, e smetterla di inseguire pulsioni minoritarie, dai no green pass ai no vax. L’economia, con il governo Draghi,…

Continua a leggere …

OMNIBUS: DOBBIAMO CHIEDERCI PERCHÉ IL 50% DEGLI ELETTORI NON È ANDATO A VOTARE

Io credo che il problema del mio campo, il centrodestra, sia che rischiamo di rimanere uguali a noi stessi in eterno, nonostante la pandemia da una parte e il governo Draghi dall’altra abbiano cambiato persone, desideri, aspettative e la politica in generale. Se nel 2023 ci presenteremo agli elettori uguali alle elezioni del 2018, con il mondo che nel frattempo è cambiato, rischieremo di non avere la forza di realizzare i nostri programmi, magari anche vincendo le elezioni. Dobbiamo…

Continua a leggere …

QN: NIENTE DAD CON UN POSITIVO

Niente Dad anche se c’è un positivo La via di Lupi: scuola solo in presenza   «La Dad è stata fallimentare, stiamo perdendo una generazione di ragazzi che non impara più». A lanciare l’allarme è l’ex ministro Maurizio Lupi. Onorevole, cosa manca alla scuola per ripartire in presenza al 100% e chiudere definitivamente l’esperienza della Didattica a distanza? «Innanzitutto, la volontà e la certezza da parte di tutti – risponde l’ex ministro 61enne, ora presidente di ‘Noi con l’Italia’…

Continua a leggere …

UNA DOMANDA PER LANDINI E PER LA SINISTRA

La sinistra chiede a gran voce le riforme, ma quando Draghi le fa strilla e la CGIL minaccia lo sciopero generale. Una domanda a Landini: Se per realizzare un’opera pubblica da 100 milioni di euro il tempo medio in Italia è di 15 anni e 7 mesi, di cui l’80% speso in pratiche burocratiche e autorizzazioni, semplificare è un dovere o un “attacco all’occupazione”? Un’altra domanda alla sinistra: Il lavoro lo danno le imprese e la dignità la da…

Continua a leggere …

AVANTI CON VACCINI, RIAPERTURE E LAVORO

La sfida dei vaccini la stiamo vincendo. In questi 3 mesi di Governo Draghi ci siamo rimessi in carreggiata e dalle 60.000 dosi al giorno con il metodo Conte-Arcuri siamo arrivati alle oltre 500.000 di Draghi e Figliuolo. Ma ora dobbiamo riuscire a vincere anche la sfida dell’economia, che è altrettanto importante per ridare dignità e speranza (in una parola: la vita) alla gente. Come ho detto ieri alla Camera, con il DlSostegniBis saranno 205 i miliardi di euro…

Continua a leggere …

AGORÀ: DISOCCUPAZIONE E IMPRESE CHIUSE

La vita è complessa e la politica deve occuparsi di tutti i suoi fattori. Non può affidarsi sempre e solo ai virologi senza assumersi mai una responsabilità, la sinistra questo deve capirlo. Assumersi “rischi calcolati” nelle riaperture vuol dire attuare quella discontinuità nella gestione economica e sociale della pandemia che il governo Conte non era riuscita a realizzare. Il milione di posti di lavoro persi e il 7,2% di imprese chiuse sul totale lo testimoniano, purtroppo, chiaramente. Per questo…

Continua a leggere …